Menu

Francia. Bloccate le casse al Carrefour. “Natale gratuito” per il popolo

Una operazione “carrello della spesa gratuito” è avvenuta ieri, sabato 21 dicembre, nel più grande Carrefour del dipartimento Bouches-du-Rhône, al centro commerciale di La Pioline, ad Aix-en-Provence.

Non è stata una vera e propria “spesa proletaria” come quelle che abbiamo conosciuto in Italia ma ha colpito duro sugli interessi economici della grande azienda della distribuzione.

Circa 200 persone, Gilets gialli e collettivi di lavoratori precari, hanno investito il negozio per poco meno di due ore. Tutte le casse sono state bloccate. E durante le feste, si tratta di una media di 1,5 milioni di euro al giorno!

Ricordiamo che il gruppo multinazionale Carrefour ha mangiato 755 milioni di euro di denaro pubblico e ha licenziato i lavoratori.

Questa azione di blocco economico e di legittima ripresa segue quella che si è svolta al Carrefour le Merlan di Marsiglia sabato scorso. La risposta di Carrefour è stata ancora una volta il confronto, ben aiutato dalla polizia.

L’azione fa parte dell’appello nazionale “NATALE GRATUITO DELLA GRANDE (RE)DISTRIBUZIONE”.

Qui il video:  https://vimeo.com/379960389

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

4 Commenti


  • Maria Lorello

    Anche se la Francia è la patria delle rivoluzioni, in primis quella del 1789 , i tempi sono cambiati, viviamo per fortuna in uno stato democratico e ci sono perciò altri modi e mezzi per manifestare il proprio disagio…non è con la forza che si risolvono i problemi, anzi!


    • Redazione Contropiano

      Ma, a quanto pare, e da decenni, senza un sano uso della radicalità fisica non si ottiene un beneamato niente… (e siamo signori…)


  • NICOLA boemio

    Perchè non provi a dirlo a chi gli ha scatenato contro la polizia fino ad oggi?


  • Giovanni

    Dio lodi chi ancora ha le palle…
    Maria lorello credimi a te forse va molto meglio di altre persone… xche nn comprendi che quelli che ci comandano ci trattano come all’età della pietra… e loro vivono nel 2020…
    Han fatto bene magari lo facessero in italia… ma in italia se lo fai ti trovi in 10000 a parlare e in 10 ad agire
    Siamo un popolo di BLA BLA BLA….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *