Menu

Usa, la prateria è in fiamme

Con la pandemia da Covid le persone sono affamate e senza casa e senza lavoro, cosa ci si può aspettare? Penso che stia per accadere a masse di persone nel Paese. Potremmo raggiungere il punto che diventi una guerra civile

Un abitante di Minneapolis di 54 anni a proposito dei riot

Il nostro fine è decimare quella forza il prima possibile”, ha dichiarato il governatore del Minnesota Tim Walz dopo la quarta notte consecutiva a Minneapolis di riot, nonostante il coprifuoco imposto dopo le otto di sera.

Non è servita a calmare gli animi l’imputazione per omicidio di terzo grado formulata venerdì per Derek Chavin, il poliziotto che lunedì ha ucciso George Floyd.

Questo atto giudiziario è successivo al licenziamento degli agenti che hanno preso parte a quello che è stato a tutti gli effetti un linciaggio a danno di un afro-americano, avvenuto in seguito ad una segnalazione di un reato minore e “non-violento”.

Il Commissariato di Minneapolis cui appartenevano gli agenti-killer.

Sono emersi dei particolari sulla ventennale carriera del poliziotto assassino tre volte coinvolto in sparatorie e 10 volte comparso di fronte alla Civilian Review Authority e all’Office of Police Conduct a causa delle denunce sulla sua condotta.

Il fatto che fosse ancora regolarmente in servizio la dice lunga sull’impunibilità di cui godono alcuni profili. all’interno delle forze dell’ordine.

Nemmeno la Guardia Nazionale è riuscita ad avere la meglio sugli insorti fino ad ora, e per sabato notte è stata mobilitata al completo: 13.200 unità chiamate a fronteggiare la rabbia che si è estesa al resto del Paese.

Il caos assoluto”, ha dichiarato sempre Walz.

Sono più di 30 le città che hanno conosciuto mobilitazioni, stando alla mappa del New York Times, ed una dozzina hanno conosciuto manifestazioni violente.

A gettare benzina sul fuoco ci ha pensato Donald Trump, che ha di fatto legittimato l’azione violenta contro i manifestanti.

The Orange Man ha praticamente “citato” il capo della polizia di Miami Walter Headley che, interrogato nel 1967 sul perché non ci fossero stati tumulti nella comunità afro-americana della Florida, al picco delle insurrezioni nei ghetti metropolitani, disse: “when the looting starts, the shooting stars”, cioè “quando iniziano i saccheggi, iniziano gli spari”.

Un segnale, diciamo, che sembra essere stato colto da colui che ha sparato a Detroit contro la folla di manifestanti, uccidendo un ragazzo

Come anche le settimane precedenti hanno dimostrato, i gruppi di estrema destra manifestano impunemente armati, con il beneplacito della Casa Bianca, e l’uso di quelle non è proprio una ipotesi peregrina.

Intanto Trump, attraverso il Dipartimento della Difesa, ha paventato la possibilità di utilizzare l’esercito in funzioni di polizia, ovvero la polizia militare per pattugliare le strade.

Duri, forti e rispettati”, ha detto delle unità della polizia militare, facendo indirettamente propaganda agli “antifa” citandone alcuni slogan.

Questi ultimi hanno chiamato a partecipare alle manifestazioni…

La possibilità di utilizzare le military police units è data da una legge del 1807 – l’insurrection act – utilizzato l’ultima volta nel 1992 per reprimere la rivolta di Los Angeles.

In sei mesi vennero compiuti 12 mila arresti, con una caccia all’uomo che sembra già iniziata in questi giorni.

Colin Kaepernick, il giocatore di football americano che per primo alcuni anni fa si era messo in ginocchio in segno di protesta durante l’esecuzione dell’inno nazionale nel pre-partita, ha dichiarato che ha attivato una squadra di avvocati di alto livello e pagare le spese legali per coloro che subiranno conseguenze giudiziarie in seguito alla partecipazione delle proteste.

Il famoso quarterback afro-americano, diventato l’atleta più famoso nella nuova stagione della “coscienza nera” dopo le proteste di 5-6 anni fa, ha dichiarato: “when civility leads to death, revolution is the only logical reaction”; legittimando di fatto i riots, a differenza del rapper Killer Mike, che ad Atlanta, con un messaggio molto mediatizzato, ha invitato a manifestare in modo pacifico.

Si è riconfermato l’antico copione, con differenti eletti afro-americani che hanno preso parola per condannare le .mobilitazioni quando assumono un profilo “violento”. Va ricordato che da parte di una polizia “ultra-militarizzata” viene fatto uso abbondante di gas lacrimogeni e pallottole di gomma.

Tornano alla mente le parole del reverendo M.L. King – “più devoti all’ordine che alla giustizia” – davanti alla “buona coscienza” di questi membri dell’establishment democratico.

È comunque chiaro che, anche se ancora lontani dalle espressioni di violenza che hanno caratterizzato le insurrezioni urbane statunitensi della seconda metà degli anni sessanta. culminate con l’estate di Watts nel ’67, la determinazione dei manifestanti sta diventando un fatto politicamente rilevante.

Le parole del governatore del Minnesota sono laconiche: “semplicemente sono più loro di noi”. Segno che non si tratta di un pugno di persone, ma  di una rivolta di massa.

Come si evince da numerose interviste e testimonianze, le attuali mobilitazioni sono uno “spartiacque” per una generazione che ha deciso non solo di appoggiare idealmente, ma di sostenere concretamente, la protesta.

Come ha detto una 27enne ad una giornalista del “NYT”: “devo essere parte della storia, devo essere parte del cambiamento”.

Colpisce positivamente la reazione di una parte rilevante del movimento sindacale della città del Minnesota, che ha alle spalle una importante esperienza di organizzazione di lavoratori.

Circa 400 sindacalisti hanno sottoscritto una petizione online, aprendo la pagina FB Union members for #justiceForGeorgeFloyd e gli autisti degli autobus aderenti all’Union Bus Drivers si sono rifiutati di trasportare agenti e persone arrestate, non volendo collaborare con la macchina repressiva contro i manifestanti.

Particolarmente solidali si sono dimostrati gli insegnanti e i lavoratori dei magazzini di Amazon.

Una indagine di ACLU nel 2015 mostrava che le violenze toccavano 8,7 volte in più gli afro-americani, nonostante che solo una piccola parte – il 5,4% – vivesse nella città, riporta il Financial Times.

Altri due dati costringono ad interrogarsi non sul perché sia scoppiata la rabbia, ma perché sia ancora tutto sommato contenuta. Gli afro-americani costituiscono il 13% della popolazione americana, ma sono il 25% dei 100 mila morti deceduti al coronavirus. Delle 5 mila persone uccise dalla polizia, dal 2015 a oggi, i neri sono il doppio dei bianchi. Se poi guardiamo alla popolazione carceraria, questa strutturale disparità causata dalla “linea del colore” apparirebbe ancora più netta.

We got to fight the power that be… Cantavano i “Public Enemy” in una canzone profetica.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

2 Commenti


  • Walter Gaggero

    Il titolo richiama una frase di Mao, ma no vale, qua manca la scintilla politica, è solo una reazione all repressione alla morte alla miseria, saccheggio non è rivoluzione solo rivolta di disgraziati…


  • andrea’65

    circa un decennio fa lessi un’analisi sul futuro degli USA , destinati da una Guerra Civile con intervento finale dei Caschi Blu ONU, truppe a maggioranza cinesi.
    In quanto ai Bianchi si segnalano membri dell forze armate anche private e dei suprematisti in modalità Agenti Provocatori, oltre ai prezzolati BlackBlocs, l’assasinio predemitato ( il poliziotto aveva gia’ avuto attriti con Floyd ) è servito da detonatore alla grave situazione sociale USA, esasperata dal lockdown.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *