Menu

Tre anni dall’assassinio di Marielle Franco: 14 domande ancora senza risposta

Anielle Franco, sorella di Marielle, ritiene che l’elezione di Jair Bolsonaro alla presidenza del Brasile e quella di Wilson Witzel al governo dello Stato di Rio de Janeiro abbiano pregiudicato le indagini sull’assassinio di Marielle Franco e del suo autista Anderson Gomes, di cui ricorrono i tre anni questa domenica (14 marzo)

È innegabile che l’elezione di Bolsonaro e Witzel ha portato insicurezza nelle indagini del caso. I discorsi di odio contro di noi e le fake news ci rendono la vita molto difficile”, ha detto Anielle Franco. Sempre secondo la sorella della consigliera, “tre anni sono un tempo vergognoso per le autorità responsabili dell’inchiesta”.

Anielle Franco ha parlato venerdì mattina, durante la conferenza stampa dell’Istituto Marielle Franco, di cui è direttore esecutivo, e di Amnesty International.

Entrambe le entità hanno raccolto un milione di firme su una petizione che chiede un’indagine accelerata sul crimine. Il documento include anche 14 domande [in calce all’articolo, ndr] senza risposta sull’omicidio di Marielle Franco e Anderson Gomes.

Non possiamo accettare che le autorità brasiliane non abbiano una risposta chiara sull’omicidio della quinta consigliera più votata di Rio de Janeiro. È inaccettabile che non ci siano risposte coerenti. Le autorità brasiliane devono uscire allo scoperto e dire quali sono le loro difficoltà”, ha detto Jurema Wernek, direttrice di Amnesty International in Brasile.

Il dossier sarà consegnato al governatore ad interim di Rio de Janeiro, Cláudio Castro, e al procuratore generale dello Stato, Luciano Mattos.

La famiglia di Marielle e Amnesty International credono che Castro e Mattos si stiano omettendo dal dibattito e stiano evitando le domande sulla lentezza delle indagini.

Sono un milione di persone dal Brasile e da tutto il mondo, mandando un messaggio alla famiglia di Anderson e Marielle, che il mondo è con voi per la giustizia. Perché il governatore Cláudio Castro e il procuratore Luciano non vogliono parlare in pubblico delle indagini? Marielle Franco non è qui, ma noi rifiutiamo il loro silenzio. Non ci arrenderemo”, conclude Werneck.

Marinete Silva, madre di Marielle Franco, ha parlato del continuo dolore per la perdita di sua figlia. “Il nostro dolore è ancora enorme, non c’è modo di misurare il dolore di una madre che passa attraverso questo. Marielle è stata brutalmente assassinata, senza che noi potessimo fare nulla, mia figlia non ha avuto la possibilità di difendersi”.

Ha anche accusato le autorità pubbliche di Rio de Janeiro. “Ancora una volta chiediamo un maggiore impegno da parte delle autorità. Tre anni sono tanti per non sapere chi ha ordinato questa barbarie”, ha concluso.

Anche la compagna di Anderson Gomes, Agatha Arnaus, è in attesa di notizie sui progressi delle indagini. “Sono stati tre anni di lotta e di dolore, ma di lotta per la giustizia. I suoi piani sono stati interrotti, aveva molto da fare. Per me, questo mese è stato uno dei peggiori. Oltre a questa ricerca di risposte e di giustizia, dobbiamo ancora risolvere le procedure legali e religiose. Ogni mese che passa, la forza di affrontare le cose diminuisce”.

Mentre le indagini non indicano i mandanti dell’omicidio di Marielle Franco, la Corte di Giustizia di Rio de Janeiro ha già deciso, il 9 febbraio di quest’anno, che Ronnie Lessa ed Élcio Queiroz, accusati di aver ucciso la consigliera, compariranno davanti ad una giuria popolare. Il duo è in prigione dal marzo 2019. Non c’è ancora una data per il processo.

Il dossier sul caso consiste in una linea temporale dal crimine, che accompagna l’indagine sul caso e 14 domande formulate dall’Istituto Marielle Franco e Amnesty International, che rimangono senza risposta.

Oltre alla domanda che si ripete nel paese dal 14 marzo, “Chi ha fatto uccidere Marielle Franco?”, gli autori della campagna vogliono conoscere la relazione di Lucas do Prado Nascimento da Silva, responsabile della clonazione dei documenti del veicolo usato da Ronnie Lessa ed Elcio Queiroz la notte del delitto, con il miliziano Adriano da Nóbrega e l’Ufficio Crimini, da lui guidato.

La famiglia chiede anche a Google perché i dati dei sospetti non sono ancora stati consegnati alla Procura di Rio de Janeiro. L’azienda tecnologica statunitense si rifiuta di fornire agli investigatori le informazioni relative al numero IP e al Device ID, che è l’identificazione di computer e telefoni cellulari. I dati possono, secondo l’ente, identificare gli autori del crimine.

Google resiste alla decisione ed è andato all’Alta Corte di Giustizia, dove ha perso, per cercare di rovesciare la misura. Secondo l’azienda, questi dati sono personali e possono danneggiare il diritto alla privacy dei suoi utenti.

Nel frattempo, questa domenica 14 marzo, terzo anniversario dell’omicidio di Marielle Franco e Anderson Gomes, diverse manifestazioni si terranno in Brasile e all’estero per ricordare il crimine e chiedere giustizia. L’Istituto Marielle ha organizzato una mappa con gli eventi.

* Da Brasil de Fato

*****

In questo elenco, l’Istituto Marielle Franco, organizzazione della società civile senza scopo di lucro che lavora su questioni di giustizia razziale e di difesa dei diritti umani, cerca di presentare in modo sistematico le questioni più importanti riguardanti l’indagine e l’arduo percorso di lotta per la giustizia per il caso di Marielle e Anderson, che dimostrano che dopo tre lunghi anni, il ricordo di Marielle vive, ispirando migliaia di persone in tutto il mondo che lottano quotidianamente nella ricerca di una giustizia completa per Marielle e Anderson, e per tutti coloro che hanno perso la vita nella lotta per un mondo più giusto.

Il caso Marielle e Anderson non è solo una pietra miliare in termini di violazione dei diritti umani e un attacco alla democrazia brasiliana. L’episodio e la sua indagine hanno segnato la storia della polizia fluminense e hanno contribuito ad aprire indagini su diversi altri crimini nello Stato.

Marielle viene assassinata, e meno di 1 anno dopo entra in carica il presidente del Brasile, forse il più antidemocratico che abbiamo avuto dal periodo della dittatura, e quello che fin dall’inizio è stato un caso segnato da attacchi e fake news, favorendo le violazioni dei diritti umani, ora, viene indagato nei governi (federale e statale) di persone che sono state elette dall’incoraggiamento di discorsi d’odio e disinformazione.

Dopo 3 anni dalla fatidica notte che ha tolto la vita a Marielle Franco e Anderson Gomes, le indagini sul caso hanno portato a numerose operazioni di polizia, coinvolgendo una vasta rete di criminali a Rio de Janeiro, e portando a più di 65 arresti fino ad oggi. Tra gli arrestati ci sono gli esecutori di Marielle e Anderson, Roni Lessa e Élcio de Queiroz, e membri di bande che sono state smantellate nelle indagini della polizia civile e della procura di Rio de Janeiro.

Così, dopo il caso Marielle e Anderson, sono stati chiariti altri omicidi e crimini come il traffico di armi e l’estorsione. Ma la domanda su chi ha ordinato l’uccisione di Marielle e perché rimane senza risposta, e con contorni sempre più confusi.

Di seguito abbiamo preparato una serie di domande che rimangono aperte nel caso di Marielle e Anderson:

  1. Chi ha fatto uccidere Marielle?

  2. Qual era la motivazione dell’istigatore del crimine?

  3. Perché non ci sono ancora progressi nelle indagini sul mandante del crimine?

  4. Qual è la connessione tra il responsabile della clonazione dell’auto e del crimine con il gruppo di miliziani legati ad Adriano Nóbrega e il Crime Bureau?

  5. Qual è la conclusione delle indagini sulla perdita delle munizioni e delle armi della polizia federale usate nel crimine?

  6. Chi ha scollegato e chi era responsabile delle telecamere di sicurezza sulla strada dove Marielle e Anderson stavano viaggiando?

  7. Perché non c’è un’azione coordinata delle agenzie statali e federali per chiarire il caso di Marielle e Anderson?

  8. Perché Google finora non ha fornito i dati richiesti dal MPRJ e dalla polizia civile per l’indagine?

  9. Perché ci sono stati così tanti cambiamenti nel comando della Polizia Omicida di Rio de Janeiro, incaricata di indagare sul caso Marielle?

  10. C’è stato un tentativo di depistamento nelle indagini, da parte di chi?

  11. La polizia federale ha aperto un’inchiesta per indagare sulle interferenze nelle indagini del caso. Perché, in mezzo a queste indagini, è stato cambiato il sovrintendente regionale della polizia federale di Rio de Janeiro?

  12. Il presidente Jair Bolsonaro ha riferito che Ronnie Lessa è stato interrogato dalla Polizia Federale sul caso dell’autista. Questo interrogatorio è stato consegnato alla Procura e alla Polizia Civile di Rio de Janeiro?

  13. Perché il governo brasiliano non ha fornito tutte le informazioni richieste dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani?

  14. Perché le raccomandazioni della Commissione Esterna fatte nell’ambito del Congresso Nazionale del 2018 non sono ancora state attuate?

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.