Menu

Twitter nelle mani di Elon Mask. La libertà non la salvano i miliardari

La censura sta diventando sempre più severa sulle reti sociali, in particolare per imporre la versione di Washington delle guerre. Così alcuni vedono l’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk come un’ancora di salvezza, con il miliardario che dice di essere profondamente impegnato nella libertà di parola. Ma c’è qualcosa che non va…

Qui di seguito un articolo di Caitlin Johnstone ripreso dal sito di giornalismo investigativo Investig’Action coordinato da Michel Collon.

*****

Twitter ha voltato pagina e ha venduto la sua azienda alla persona più ricca del mondo per 44 miliardi di dollari.

Quelli di destra stanno avendo una giornata campale con le reazioni melodrammatiche dei principali liberali. Temono che l’acquisto di Elon Musk porterà ad una maggiore libertà di parola sulla piattaforma per le persone che non sono politicamente allineate con loro. E molti dei commentatori della blue-ribbon, quelli che passano la loro vita su Twitter e non possono lasciar passare cinque minuti senza controllare le loro notifiche, ci stanno dando un grande spettacolo facendo finta che stiano per uscire.

Molti critici di sinistra stanno reagendo alla notizia lanciando l’allarme che un potente oligarca sta per prendere il controllo di un’influente piattaforma di social network. Come se Twitter non fosse già sotto il controllo oligarchico e come se l’acquisizione dei media da parte dei miliardari fosse una novità scioccante.

Inoltre, date le dichiarazioni del nostro plutocrate sull’importanza della libertà di parola, alcuni anti-imperialisti hanno espresso la debole speranza che questo nuovo accordo possa portare a qualche marcia indietro sull’escalation di censura che abbiamo visto sulla piattaforma in difesa delle narrative dell’impero statunitense.

Tuttavia, da quello che posso vedere su Twitter, la maggior parte del clamore non proviene da coloro che stanno sfidando il potere in modo significativo, ma da coloro che vogliono il ripristino dell’account di Donald Trump e vogliono essere in grado di dire merda sulle persone transgender. E penso che questo dica molto su quello che stiamo guardando qui.

Questa importante distinzione è stata riassunta dal giornalista Michael Tracey, che ha twittato: “Il più grande test per Elon Musk non sarà se invertirà le più egregie politiche di contenuto “woke” – questo sembra ovvio – ma se continuerà a lasciare che Twitter sia usato come uno strumento dai servizi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti per “contrastare” nemici ufficiali come la Russia e la Cina”.

Per quanto mi riguarda, non sarei sorpreso di vedere realizzato il primo punto. Ma sarei assolutamente stupito di vedere il secondo.

Non si diventa miliardari, tanto meno miliardari e proprietari di media molto influenti, senza collaborare con le strutture di potere esistenti. Musk ha certamente collaborato con l’impero oligarchico molto bene finora. Ed è sicuro che il suo acquisto non sarebbe avvenuto se l’impero avesse sentito che la sua macchina di controllo narrativo era minacciata in qualche modo.

Credere che Elon Musk salverà Twitter è ingenuo come credere che Joe Biden salverà l’America. Discutere su quali oligarchi debbano controllare i media è tanto stupido e indegno quanto discutere su quali politici di proprietà oligarchica debbano gestire il governo.

I miliardari che vengono in soccorso esistono solo nei film e nei fumetti. È probabile che Elon Musk vi salvi tanto quanto Bruce Wayne o Tony Stark.

Nel 2016, Musk ha accolto con favore il putsch contro Evo Morales: “Noi rovesceremo chi vogliamo. Dobbiamo occuparci di questo”.

Quante volte la gente cadrà per la linea “un miliardario rovescerà il sistema e ci salverà tutti”? È molto triste che abbiamo raggiunto un punto in cui la libertà di parola è così severamente limitata che la gente spera che qualche eccentrico miliardario arrivi e li salvi dall’oppressione. La vita reale è come una versione più stupida e noiosa di Gotham City, solo che Batman lavora con i cattivi.

Comincerò a prestare attenzione alla retorica della libertà di parola di Musk quando Twitter smetterà di censurare i media russi e di “sfatare” persone come Scott Ritter che sono state espulse dalla piattaforma per aver messo in discussione le narrazioni ufficiali dell’impero su ciò che sta accadendo in Ucraina.

Fino ad allora, presumo che al massimo sia interessato a proteggere il discorso che non minaccia i potenti, come le stronzate repubblicane di parte e il discorso di odio contro i gruppi emarginati.

I miliardari non verranno a salvarci. L’idea che possano farlo è una narrazione propagandistica accuratamente costruita che ci è stata venduta per generazioni. I leader della classe capitalista non hanno intenzione di rovesciare i sistemi di oppressione e sfruttamento che formano il fondamento stesso del capitalismo. Le storie di supereroi sono progettate per impedirci di capire che solo noi, il popolo, abbiamo il potere di salvarci.

*da Investig’Action

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.