Menu

La metro milanese ferma. Protesta per i turni Expo

Il buongiorno si vede dal mattino. E l’Expo milanese, scelto per “sperimentare” nuove forme di sfruttamento e comando sui lavoratori, a tre giorni dall’inaugurazione diventa la ragione sacrosanta per uno sciopero nella metropolitana cittadina.”La linea è gradualmente sospesa su tutte le linee metropolitane”. L’Atm si è allineata anche alle forme comunciative del renzismo e quindo ha dato la notizia via twitter. L’adesione infatta è stata straordinariamente alta visto che lo sciopero era stato proclamato da un solo sindacato, per di più di base, come la Cub.  Anche i mezzi di superficie hanno progressivamente abbandonato le strade dopo l’inizio della “fascia garantita”, alle 8,45. La protesta è rivolta proprio contro il piano di lavoro extra per Expo, concordato tra azienda e sindacali “complici”. Che anche in questo caso hanno visto smentita la propria presunta “maggiore rappresentatività”.La richiesta di turni straordinari e di supercarichi di lavoro per l’Expo aveva suscitato il dissenso dei lavoratori, infatti si era progettato un altro sciopero per il 14 aprile, che poi è stato revocato. L’accordo era stato raggiunto successivamente, ma la Cub Trasporti ha contestato le condizioni imposte ai lavoratori. La Cub Trasporti non è d’accordo con il fatto che gli operai non possano prendere ferie durante il periodo di Expo, con il problema degli alti livelli di straordinari richiesti in tutto il semestre e con presunte ore di guida superiori ad ogni limite, che secondo il sindacato rappresenterebbero un problema di sicurezza sia per il personale che per chi usufruisce dei mezzi pubblici.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.