Menu

“Stefano Cucchi fu sottoposto ad un violentissimo pestaggio da parte di Carabinieri”

Nella notte tra il 15 ed il 16 ottobre 2009 Stefano Cucchi fu sottoposto ad un violentissimo pestaggio da parte di Carabinieri appartenenti al comando stazione di Roma Appia”.

Lo scrive oggi, venerdì 11 dicembre, la procura di Roma in una richiesta di incidente probatorio per chiedere al gip una nuova perizia medico legale sulle lesioni patite da Stefano che morì nell’ospedale ‘Pertini’ di Roma il 22 ottobre 2009, una settimana dopo il suo arresto.

Nell’inchiesta sono indagati cinque carabinieri della stazione Roma Appia: si tratta di Alessio Di Bernardo, Raffaele D’Alessandro, Francesco Tedesco (tutti per lesioni personali aggravate e abuso d’autorità), nonché di Vincenzo Nicolardi e Roberto Mandolini (per falsa testimonianza e, il solo Nicolardi anche di false informazioni al pm).

In particolare, ai primi tre si contesta, dopo avere proceduto all’arresto di Cucchi e dopo aver eseguito una perquisizione domiciliare, “spingendolo e colpendolo con schiaffi e calci, facendolo violentemente cadere in terra” – si legge nel capo d’imputazione – di avergli cagionato “lesioni personali, con frattura della quarta vertebra sacrale e della terza vertebra lombare”.

La richiesta di una nuova perizia medico-legale, in sede  d’incidente probatorio (il cui esito avrebbe valore di prova in un eventuale processo) e’ basata sulle risultanze di una  consulenza del radiologo Carlo Masciocchi, il quale nelle radiografie ha trovato una frattura lombare recente sul corpo di  Cucchi. Per gli inquirenti questo elemento di novita’ ‘rende necessaria una rivalutazione dell’intero quadro di lesivita’  anche ai fini della sussistenza o meno di un nesso di causalita’ tra le lesioni patite da Stefano Cucchi a seguito del pestaggio, e l’evento morte’.

Intanto martedì 15 dicembre, in Cassazione, si apre il terzo grado di giudizio.

Dopo sei anni, si può dire – con tutte le cautele del caso – che la verità giudiziaria sulla morte di Stefano sia più vicina?

La risposta dell’avvocato Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi.

Ascolta o scarica qui.

da Radio Onda d’Urto

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.