Menu

Vaccini. Finanziamenti, prezzi e quantità. Una competizione a tutto campo

Un dettagliato servizio del network britannico Bbc, ha ricostruito molto dettagliamente tutta la catena del valore della produzione di vaccini e della competizione che si è scatenata a livello globale.

Gran parte dei finanziamenti alle ricerche e alle sperimentazioni dei vaccini contro il Covid-19 sono stati messi a disposizione dai governi (8,6 miliardi di dollari), poi ci sono stati quelli privati delle varie società (3,4 miliardi) ed infine quelli di Onlus e fondazioni private (1,9 miliardi). Alcuni  dei vaccini risultano completamente finanziati dai fondi statali (Johnson & Johnson, Moderna), altri come quello della Sanofi sono invece interamente a carico dei fondi privati della società stessa.

Il vaccino al momento meno caro – AstraZeneca – è stato quasi interamente finanziato dallo Stato e in parte da fondazioni e Onlus. Basso il prezzo anche di quello di J&J e il russo Sputnik, mentre il vaccino di Moderna – nonostante sia quasi totalmente finanziato dallo Stato – ha il prezzo più alto. Sul piano dei prezzi più alti, Moderna è seguita subito dopo dal cinese Sinovac. Aziende come J&J e AstraZeneca si sono impegnati a fissare un prezzo che copra solo i costi e per questo sono tra i più bassi, per ora.

Ma, come viene spiegato da alcuni analisti finanziari del settore, molto dipenderà dallo sviluppo e dalla durata della pandemia, dalle capacità di acquisto dei paesi più ricchi e di quelli più poveri, insomma dal “mercato”, né più né meno che di un altro prodotto. Gli Stati ci hanno anche messo dei soldi (due volte e mezzo quelli che ci hanno messo i privati e quattro volte e mezzo quelli che ci hanno messo i “benefattori”) ma sembrano voler ingerire molto  debolmente sulle scelte delle varie multinazionali che si sono gettate nella corsa alla produzione dei vaccini contro il Covid-19.

Qui di seguito il servizio della Bbc ed alcuni grafici di estremo interesse. Buona lettura.

******

A causa dell’urgente necessità del vaccino, i governi e i donatori hanno investito miliardi di dollari in progetti per crearli e testarli. Organizzazioni come la Fondazione Bill Gates hanno sostenuto la ricerca, così come hanno fatto il fondatore di Alibaba Jack Ma e la star della musica country Dolly Parton.

In totale, i governi hanno fornito 8,6 miliardi di dollari, secondo la società di analisi dei dati scientifici Airfinity. Le organizzazioni senza scopo di lucro hanno assegnato quasi 1,9 miliardi di dollari. Solo 3,4 miliardi di dollari provengono dagli investimenti delle aziende e molte di loro dipendono fortemente da finanziamenti esterni. C’è una buona ragione per cui le grandi aziende non si stavano affrettando a finanziare progetti di vaccini.

Lo sviluppo di vaccini, soprattutto in caso di emergenza sanitaria acuta, non si è dimostrato molto redditizio in passato. Il processo di scoperta richiede tempo ed è tutt’altro che sicuro. Le nazioni più povere hanno bisogno di grandi forniture ma non possono permettersi di pagare prezzi elevati. E i vaccini generalmente devono essere somministrati solo una o due volte. I farmaci ricercati nei paesi più ricchi, soprattutto quelli che richiedono dosi giornaliere, sono più redditizi. in tutto il mondo, soprattutto dopo aver ricevuto così tanti finanziamenti esterni.

La grande azienda farmaceutica americana Johnson & Johnson e la britannica AstraZeneca, che lavora con una società di biotecnologie con sede presso l’Università di Oxford, si sono impegnate a vendere il vaccino a un prezzo che ne copra solo i costi.

Attualmente, AstraZeneca sembra essere il più economico, a $ 4 per dose. Moderna, una piccola azienda biotecnologica che lavora da anni alla tecnologia alla base del suo rivoluzionario vaccino a RNA, sta fissando un prezzo molto più alto, fino a $ 37 per dose. Il loro obiettivo è realizzare un profitto per gli azionisti delle società (anche se parte del prezzo più alto coprirà anche i costi di trasporto di quei vaccini a temperature molto basse).

Ma ciò non significa che quei prezzi siano fissi. Le aziende farmaceutiche in genere addebitano importi diversi in diversi paesi, in base a ciò che i governi possono permettersi. La promessa di AstraZeneca di mantenere bassi i prezzi si estende solo per la “durata della pandemia”. Potrebbe iniziare a far pagare prezzi più alti a partire dal prossimo anno, a seconda della storia della malattia.

“In questo momento, i governi del mondo ricco pagheranno prezzi elevati, perché sono ansiosi di mettere le mani su tutto ciò che può aiutare a porre fine alla pandemia”, afferma Emily Field, direttore della ricerca farmaceutica europea presso la Barclays. Non appena più vaccini saranno disponibili, probabilmente l’anno prossimo, la concorrenza potrebbe far abbassare i prezzi”.

“Nel frattempo, non dovremmo aspettarci che le società private, soprattutto quelle più piccole che non hanno altri prodotti da vendere, producano vaccini senza cercare un profitto, afferma Rasmus Bech Hansen, CEO di Airfinity. “Tieni presente che queste aziende hanno assunto un rischio significativo, si sono mosse molto velocemente e gli investimenti in ricerca e sviluppo sono stati significativi”, afferma Hansen. E se le piccole imprese devono continuare a fare progressi in futuro, dice, devono essere ricompensate. Ma alcuni sostengono che l’entità della crisi umanitaria e dei finanziamenti pubblici significhi che questo non è il momento di continuare a comportarsi come in passato.

I governi e le organizzazioni multilaterali si sono già impegnati ad acquistare miliardi di dosi a prezzi fissi. Quindi, per i prossimi mesi, le aziende saranno impegnate a completare gli ordini il più rapidamente possibile. Chi vende ai paesi ricchi inizierà a vedere un ritorno sull’investimento, mentre AstraZeneca, nonostante abbia accordi per fornire il maggior numero di dosi, coprirà solo i costi.

Una volta adempiuti quei primi contratti, sarà più difficile prevedere come saranno le prospettive per i nuovi vaccini. Dipende da molte cose: quanto dura l’immunità in coloro che sono stati vaccinati, quanti vaccini riusciti entrano in funzione e se la produzione e la distribuzione procedono senza intoppi.

Emily Field of Barclays ritiene che la finestra per il profitto sarà “molto temporanea”. Anche se le principali aziende farmaceutiche non condividono la loro proprietà intellettuale, ci sono già più di 50 vaccini negli studi clinici in tutto il mondo. “In due anni, potrebbero esserci 20 vaccini sul mercato”, afferma Field. “Sarà difficile far pagare un prezzo molto alto”. Ritiene che l’impatto a lungo termine avrà più a che fare con la reputazione. Un’implementazione di successo del vaccino potrebbe aiutare ad aprire le porte alla vendita di terapie COVID-19 o altri prodotti.

In questo senso, l’intera industria ne trarrà vantaggio, concorda Rasmus Bech Hansen di Airfinity. “Questo è uno degli aspetti positivi che potrebbero derivare dalla pandemia”, afferma.

In futuro, spera che i governi investano in strategie pandemiche come fanno ora in difesa, vedendolo come una spesa necessaria per cose che sperano di non dover utilizzare.

Il più promettente di tutti, e uno dei motivi per cui il valore di mercato di BioNTech e Moderna è esploso, è che i loro vaccini forniscono la prova del concetto per la loro tecnologia RNA. “Tutti sono rimasti colpiti dalla sua efficacia”, afferma Emily Field. “Questo potrebbe cambiare il panorama dei vaccini”.

Prima del covid, BioNTech stava lavorando a un vaccino per il cancro della pelle. Moderna sta cercando un vaccino a base di RNA per il cancro ovarico. Se uno di loro ha successo, le ricompense potrebbero essere enormi.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • maria

    Bene parlare del mercato ma non sarebbe utile approfondire il tema della composizione di questi “rivoluzionari vaccini”?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.