Menu

Criptovalute e paesi socialisti, un’occasione contro le sanzioni

Le principali criptovalute sono valute egualitarie, decentralizzate, digitali e non sono una responsabilità per nessuno, si basano su tecnologie crittografiche per le transazioni e la generazione di valuta, che avviene “collettivamente” sulla rete.

In alcuni paesi sono riconosciute come monete a corso legale e possono quindi essere utilizzate come monete nazionali. Il rilascio di valuta avviene gradualmente e c’è un tetto per evitare l’iperinflazione.

Le transazioni vengono effettuate “Peer to Peer”, senza stabilire la fiducia degli utenti, cioè senza l’intermediario dell’istituto che regola gli scambi.

Dato il crescente uso dell’esclusione finanziaria istituzionale nell’ambito della guerra politica e mercantile, sono state sollevate importanti aspettative sulla fattibilità di organizzare sistemi di pagamento non proprietari con tecnologia blockchain e sulla possibilità di utilizzare le criptovalute come valuta mondiale al posto del Dollaro USA (per maggiori dettagli, vedere Nelson RM, Rosen LW (2019), Digital Currencies: Sanctions Evasion Risks. Congressional Research Service IF10825 February 8, Washington DC).

L’enorme successo delle criptovalute ha portato a prestare particolare attenzione alla tecnologia utilizzata e molte banche centrali hanno annunciato investimenti in questo campo, principalmente perché in alcune aree i sistemi utilizzati dalle banche centrali sono obsoleti e devono essere sostituiti.

Quindi esiste una reale possibilità che le banche centrali emettano criptovalute (valute CBCC-Central Bank Crypto). In questo caso, le CBCC sarebbero emesse da un organismo centrale, ma allo stesso tempo il loro utilizzo sarebbe decentralizzato. Sarebbero disponibili due versioni, una per le transazioni al dettaglio e una per le transazioni all’ingrosso.

Uno dei progetti di criptovaluta che è stato maggiormente analizzato è quello di Fedcoin, una CBCC per le transazioni al dettaglio creata dalla Federal Reserve. In questo modo, come abbiamo già accennato, la moneta sarebbe decentralizzata in termini di transazioni, ma centralizzata in termini di offerta.

La criptovaluta genera anche un controverso doppio vantaggio: l’anonimato, che può esistere per la controparte o nei confronti di terzi. In effetti, sei anonimo, sia per il destinatario che per la community. Tuttavia, nel caso delle CBCC, il grado di anonimato verrebbe imposto alla banca centrale.

La domanda che ci siamo posti è se non sarebbe stata una strategia vincente per gli stati socialisti essere i primi a controllare questa criptovaluta, usando le sue caratteristiche per contrastare l’imperialismo statunitense.

In effetti, sia la Russia che il Venezuela hanno adottato le proprie criptovalute statali principalmente per eludere le sanzioni economiche imposte dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti.

La creazione di questa criptovaluta, per il presidente Nicolás Maduro, è un segno che il Venezuela è ufficialmente entrato nel 21° secolo. Infatti, come abbiamo già detto, si tratta di una criptovaluta che è stata concepita come un tentativo del Venezuela di superare il blocco economico-finanziario imposto dall’imperialismo, poiché il petrolio rappresenta un’alternativa per le transazioni internazionali.

Il governo venezuelano ha investito molto in questa criptovaluta, tanto da creare l’Osservatorio Nazionale della Blockchain in Venezuela. La blockchain è un sistema di scambio di informazioni digitali su cui si basano gli scambi di criptovalute in tutto il mondo.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.