Menu

Tiro al bersaglio su Ingroia

Che il personaggio fosse ingombrante per molti era prevedibile. Che la governance che l’Unione Europea pretende per l’Italia non preveda alcuna dissonanza, anche.

L’ex pm palermitano Antonio Ingroia, entrando in politica (sui mass media l’unico a cui è consentito “salire” in politica è Mario Monti) forse era consapevole, forse meno, che la sua sarebbe stata una operazione difficile. Su di lui incombono gli strascichi di quanto avvenuto nei tribunali siciliani dagli anni Novanta a oggi, ma soprattutto il non aver chinato la testa davanti a Re Napolitano quando l’inchiesta sulla trattativa tra Stato e mafia ha lambito il Quirinale.

La lesa maestà è un fatto imperdonabile, al punto che la stessa Magistratura Democratica – espressione minoritaria della magistratura progressista che solo Berlusconi vede come maggioritaria – alcuni mesi fa mise sotto accusa Ingroia per protagonismo, invece di sostenerlo. Era sembrato, allora, un ordine di scuderia incentivato dal solito Violante, per fare terra bruciata intorno ad un giovane magistrato che stava pattinando sul ghiaccio sottile tra ragion di stato e corso della giustizia.

Gli strali della dott.ssa Boccassini contro Ingroia sono arrivati in modo imprevedibile e inopportuno ma non sorprendente. L’enfasi delle sue dichiarazioni sui mass media (dal Sole 24 Ore all’Unità) ne indica quanto siano state benvenute in tutti i competitori elettorali. Come lo erano state, in qualche modo, anche le battute di Crozza.

C’è del pregresso, evidentemente, nella visione personale e “politica” con cui i magistrati hanno affrontato le vicende politico-giudiziarie nella storia recente del paese. Qualcuno rammenterà la “guerra” che l’ex magistrato Casson (entrato in politica) fece al giudice Salvini, che aveva riaperto le indagini sulla strage di Piazza Fontana, arrivando alla conclusione che quella su “Gladio” fosse una falsa pista. I fatti hanno dato ragione a Salvini, ma la “politica” no.

La decisione di Ingroia di candidarsi come leader di una lista indipendente dal centro-sinistra, ha aggiunto un altro peso alla bilancia che intende schiacciarlo. Il problema non sono i magistrati “in politica” (il parlamento ed anche le liste di queste elezioni ne sono pieni), il problema è il “come e dove” ti collochi.

Abbiamo già scritto di quanto riteniamo deviante l’applicazione della categoria di società civile ai magistrati che entrano in politica, anzi addirittura contro la “politica”. I magistrati, in quanto uomini dell’apparato statale, sono parte integrante della classe dirigente. La società civile, semmai, si riferisce a coloro che ne vivono al di fuori: i lavoratori, le impiegate, gli studenti, le casalinghe, i pensionati, le insegnanti e le bidelle sono società civile, i magistrati no.

L’antiberlusconismo e per molti aspetti anche l’antimafia (come direbbe Sciascia) sono state anche occasioni per far carriera e per guadagnarsi visibilità. Guai però a uscire dallo spazio ben delimitato della testimonianza etica, dell’impegno civile e professionale, dalla legalità di principio. La mafia, la camorra, o’sistema, il narcotraffico, l’evasione fiscale, il conflitto di interessi sono temi che vanno agitati davanti agli occhi dell’opinione pubblica ma non vanno mai dettagliati. Uscire da questo spazio significa passare dalla retorica all’azione, colpire interessi definiti, e l’intreccio tra il malaffare e il business rispettabile, tra la ragion di stato e la mafia, è un confine sottile quanto il ghiaccio su cui sta pattinando Antonio Ingroia.

A far aprire il fuoco contro Ingroia non è stato, dunque, solo l’atteggiamento irriverente sulle connessioni nella trattativa tra Stato e mafia negli anni Novanta. E’ stata la scelta di essere leader di una lista che può indebolire elettoralmente uno dei poli candidati alla governance del paese: quello della coalizione Pd/Sel che dovrà accordarsi con Monti subito dopo le elezioni. La colpa di Ingroia è stata soprattutto la scelta di farlo in una fase storica e in una campagna elettorale i cui risultati sono stati stabiliti ancora prima di cominciarla… ce lo chiede l’Europa (sic!).

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

3 Commenti


  • Alfonso De Amicis

    Bravo Sergio. Condivido tutto. Quello che mi preme sottolineare è la subalternità dei Compagni di Rifondazione. Essi pensano che “l’esistenza” politica passi per una presenza in parlamento. Per carità nessuno sottovaluta l’aspetto istituzionale. Tuttavia uno dei guai della sinistra comunista e non, è la mancanza di rapporti di massa. Per cui anche gli apetti istituzionali “borghesi” diciamo cosi sovrastrutturali vengono tutti gestisti in termini di ricomposizione del “potere”. Più volte molti di noi e voi (scusate la cacofonia) abbiamo sollecitato il Prc ad invadere la prateria che brucia ma tantè! Il tema della giustizia nel bel paese è diventato sempre più dirimente per mancanza di una sinistra di classe. Comunque siete uno dei pochi gruppi che ragiona in termini di CLASSE. Diamine dopo il socialismo realizzato è rimasto il capitalismo realizzato


  • fabietto

    Mi dispiace ma io non sono istruito e colto come voi.
    Ingroia è odiato dal 90% del panorama politico, fascisti compresi.
    Per me questo è sufficiente: io lo voterò.
    Voi a febbraio rimanete pure a casa….. tanto io li conosco quelli come voi, anche se si presentassero alle elezioni Lenin, Che Guevara, o Chavez (per me sono tre esempi di vita) avreste da ridire anche su di loro.
    SALUTI!!


  • massimiliano

    Un articolo di cui si sarebbe fatto volentieri a meno, non mi sembra necessario sostenere un personaggio che fa parte a pieno titolo dell’apparato repressivo dello stato, imposto da qualche potere , di certo non dai compagni della base.Lo stesso Ferrero si è dovuto scusare per la svolta giustizialista di ‘Cambiare si può’, quindi di che stiamo parlando.Solidarietà piuttosto a Mario, la giustizia che conosciamo è solo quella della borghesia,di che prateria andate cianciando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.