Menu

Israele. Espulso l’attivista italiano

L’Ambasciata italiana in Israele ha fatto sapere che Marco Di Renzo, attivista italiano dell’ISM, è stato deportato dalle autorità israeliane ed è in questo momento in volo verso l’Italia.
Di Renzo, arrestato sabato scorso nel neonato villaggio palestinese di Canaan, nelle colline a Sud di Hebron, aveva iniziato in carcere uno sciopero della fame in solidarietà con i prigionieri palestinesi.


Nena News. – Stando a informazioni diffuse dall’International solidarity movement e da alcuni attivisti dei Cpp, Di Renzo non ha firmato il foglio con cui autorizzava il suo rimpatrio. La sua espulsione però potrebbe essere imminente. E’ comparso una volta di fronte al giudice ed ha ricevuto una visita in carcere da parte dell’avvocato (che ha presentato una parcella di 15.000 shekel, circa 3000 euro). Dell’italiano si sta ora occupando l’ambasciata italiana a Tel Aviv, poiche’ l’attivista italiano si trova in carcere in territorio italiano.

Di Renzo continua lo sciopero della fame avviato due giorni fa in solidarietà con i detenuti politici palestinesi in carcere in Israele, in particolare con Samer Issawi che fonti palestinesi descrivono in condizioni fisiche critiche.

Sabato scorso assieme all’italiano erano stati arrestati anche un attivista inglese e 12 palestinesi, di cui quattro giornalisti. I palestinesi sono stati rilasciati mentre l’inglese subirà il rimpatrio forzato come Di Renzo.

Canaan è uno dei cinque villaggi di tende che ai quali i palestinesi, sulla scia del noto Bab al Shams, hanno dato vita dall’inizio di gennaio per protestare contro l’espansione continua delle colonie israeliane. (Nena News)

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.