Menu

Bologna 8 Novembre 2014/2015: “Salvini, Bologna non ti vuole”

A quasi un anno dall’8 novembre, in cui a Bologna una cinquantina di attivisti e militanti antifascisti cacciarono Salvini che, in campagna elettorale, voleva far visita ad un campo rom, sono arrivate ieri pomeriggio le denunce a una ventina di compagni, alcuni dei quali militanti della Rete dei Comunisti e di Noi Restiamo. Salvini, il prossimo 8 novembre scenderà nuovamente a Bologna, e già in città si prepara una nuova mobilitazione.
Pubblichiamo, di seguito, il comunicato della RdC- Bologna, Noi Restiamo e Rossa- Bologna, in solidarietà ai compagni denunciati.
*** *** ***

A quasi un anno dalla protesta contro la calata dello scorso 8 novembre di Salvini a Bologna – che assieme ai consiglieri regionali e candidati sindaco della Lega Nord voleva visitare il campo nomadi di Villa Erbosa per fomentare il razzismo e la guerra tra poveri anche nella nostra città – sono arrivate una ventina di denunce a compagni e attivisti che quel giorno hanno respinto la provocazione fascioleghista. Tra questi ci sono anche due compagni di Noi Restiamo e della Rete dei Comunisti.
Ancora una volta la Bologna solidale e resistente che sa riconoscere i veri responsabili delle politiche di austerità e di indebolimento della democrazia, viene posta sotto accusa dal sistema dei 2 Mattei. Da una parte, un Partito democratico che alleato con Sel ha governato la città negli ultimi anni senza alcuna discontinuità dalle politiche nazionali che stanno impoverendo sempre più larghi strati della popolazione. Dall’altra, quella Lega di Matteo Salvini che a colpi di xenofobia e luoghi comuni si erge ad unica opposizione al governo, quando è tra i principali responsabili della crisi in cui versa il paese. Se infatti quel giorno i nostri compagni si sono resi protagonisti di una giusta e legittima protesta contro la presenza del Matteo lombardo, le indagini e le conseguenti denunce arrivano ancora una volta da quella magistratura bolognese che proprio nelle ultime settimane ha più volte dimostrato la sua subalternità al partito del Matteo toscano.
Le elezioni in città si avvicinano e i 2 grandi contendenti sembrano sempre più giocarsi la partita sulle spalle di chi la crisi la sta subendo e delle realtà che tentano di costruire percorsi di resistenza e di alternativa al presente.
Già un nuovo 8 Novembre si avvicina e ancora una volta ci prepariamo a dimostrare a questa città che una parte importante di essa ha deciso di non cadere nelle trappole tese dal potere cittadino targato Pd, e di prepararsi a dare un sonoro “Rivattene” al Salvini lombardo-nazionale. Sarà una data importante che ci vedrà scendere in piazza con determinazione per cacciare paura e rassegnazione da questa città camminando verso l’alternativa al Pd della crisi, ai suoi storici alleati e alla Lega della guerra tra poveri.

Noi Restiamo
RdC – Rete dei Comunisti Bologna
Rossa – Bologna

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.