Menu

Roma. Piazza blindata e Messa saltata per far parlare Salvini

AGGIORNAMENTO. Decine di attivisti che intendevano contestare Salvini venuto a provocare a Roma in piazza SS Apostoli sono bloccati dallo sbarramento di polizia nella vicina via delle Vergini.

Scene surreali questa mattina nella centralissima piazza SS Apostoli a Roma. Oggi Salvini deve tenere un comizio contro lo Ius Soli nella piazza dove da quattro mesi decine di famiglie sgomberate da una occupazione abitativa questa estate hanno trovato ospitalità nell’atrio della chiesa che vi si affaccia. Molte di queste famiglie sono di immigrati che vivono nel nostro paese e ai quali, in quanto tali,  vengono negati i diritti. Già ieri riferivamo sul nostro giornale della tensione creatasi intorno a questa provocazione di Salvini.

  Questa mattina Piazza SS Apostoli è completamente blindata ma il massimo si è raggiunto con la blindatura anche della chiesa, ragione per cui neanche i fedeli possono passare per andare a Messa. Cosa che ha fatto infuriare il parroco che ha discusso a lungo con i poliziotti chiedendo spiegazioni e soprattutto chiedendo che le forniscano il Questore o chi per lui.

Salvini è e sa di essere un provocatore. Le leggi gli consentono di fare manifestazioni dove gli pare essendo parlamentare e presente nelle istituzioni. Ma il suo è un ruolo funzionale all’antifascismo dell’ultimo minuto riscoperto dal Pd e da La Repubblica a fini meramente elettorali. Una logica questa che uccide non solo la civiltà e la storia democratica e antifascista di questo paese, ma anche il buonsenso.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Sara Costantino

    Salvini con le chiese cattoliche non ha problemi. A Palermo era entrato nella Cattedrale ed i manifestanti,giovani studenti silenziosi che esponevano solo cartelli, sono stati assaliti alle spalle dalla polizia. Evidentemente questo parroco ha più buon senso del messo cardinalizio di Palermo.Chissà perchè questo evento mi riporta alla mente il patto col bandito Giuliano per sparare ai braccianti, organizzati dai comunisti, in festa per il Primo Maggio a Portella della Ginestra. Io trovo molte affinità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.