Menu

La “Bestia” e le tv pubbliche e private pompano a dismisura Salvini, ma non è la prima volta

Chi di voi conosce “la bestia”?

E’ stato definito così lo staff di 11 persone, che lavorano quotidianamente per costruire e perseguire la strategia mediatica di Salvini. Nulla è casuale in ciò che fa e dice il “capitano”.

“La bestia” lavora ininterrottamente per esaltare la sua immagine, che è ancora più importante delle proposte politiche della Lega.

Nell’articolo dell’anno scorso, spiegavo alcune tecniche comunicative utilizzate da Salvini e che devo dire… funzionano sugli italiani alla grande.Vi invito a rileggerlo.

Ma non bastasse “la bestia”, adesso arrivano i dati dell’AGcom. La fotografia è amara e preoccupante.

Dimostra quanto le TV pubbliche e private italiane forniscano una informazione sempre meno autonoma dal potente di turno.

Accadeva anni fa con Berlusconi al potere. Qualche tempo dopo, fu Renzi a dominare la scena, fino a raggiungere il massimo consenso.

Adesso è il turno di Matteo Salvini, il “capitano”.

Esaminando il mese di luglio 2019, nei TG delle 7 reti generaliste, Salvini ha fatto la parte del leone.

A Salvini sono stati dedicati 227 minuti. Vediamo gli altri.

Il premier Conte 146 minuti

Di Maio 93 minuti

Berlusconi 63 minuti

Zingaretti 53 minuti

E il Presidente Mattarella?

Quasi oscurato dal TG4, gli altri gli hanno dedicato 43 minuti.

Altri dati interessanti, tutti documentati dalle tabelle di monitoraggio.

Il TG1 ha dedicato lo stesso tempo al premier Conte ed ai 2 vice Salvini e Di Maio.

Il TG2 invece regala a Salvini il 24,23%, contro il 12% di Di Maio ed il 14% di Conte.

Il TG3 concede 9 minuti al premier Conte e 10 minuti ciascuno ai 2 vice.

Questo il bilancio delle reti pubbliche.

Certamente più scandaloso il comportamento delle TV commerciali.

TG4, TG5 e TG Italia1 hanno concesso complessivamente a Salvini 160 minuti di parola.

80 minuti a Conte

50 minuti a Berlusconi

43 minuti a Di Maio

25 minuti a Zingaretti

13 minuti al Presidente Mattarella.

Purtroppo non inverte la tendenza neppure il TG7 di Mentana.

5 minuti a Di Maio

6 minuti a Conte

2,5 minuti a Zingaretti

84 secondi a Mattarella

11 minuti a Salvini, che anche qui la fa da padrone.

Affido ad ognuno di voi le opportune riflessioni.

Personalmente, credo che queste scelte abbiano influenzato fortemente l’elettorato. Salvini ne ha tratto grandi vantaggi.

Ho ben chiaro, che non c’è stampa amica che possa far vincere un partito privo di idee e proposte.

Dopo di che è incontestabile che l’amplificazione che possono dare le TV è tale, da poter fare apparire grande anche un nano.

Il consenso che i sondaggi attribuiscono oggi alla Lega, ha cifre impressionanti. Supererebbero il doppio dei voti ottenuti con le elezioni politiche del 2018. Le elezioni europee sono state un campanello d’allarme.

Davvero qualcuno può pensare, che lo strano connubio tra “la bestia” e le TV generaliste, non abbia avuto un ruolo in questa impressionante ascesa?

A me Salvini non è mai piaciuto.  Un Ministro degli Interni che chiede in un suo comizio pieni poteri, mi preoccupa assai.

Salvini indossa sempre la giacca con all’occhiello la spilla dell’Alberto da Giussano, simbolo della Lega. Libero di farlo nei suoi impegni di partito.

Diventa intollerabile ed ingiustificabile, quando presenzia ad incontri anche internazionali come rappresentante del Governo.

Salvini è in perenne campagna elettorale e questo lede fortemente il suo ruolo istituzionale di Ministro.

Salvini ha aperto una crisi di governo con grande disinvoltura e superficialità, ritenendo realizzabile ogni sua volontà.

Pretende elezioni anticipate, ma non ha fatto i conti con le reazioni delle altre forze parlamentari. Fra queste il Movimento 5 stelle.

Manie di grandezza evidenti, che potrebbero ritorcersi contro e ridimensionare la sua immagine di uomo forte e decisionista.

Attendo con ansia il discorso che farà martedì 20 agosto, il Presidente del Consiglio Conte.

Credo che Conte voglia togliersi qualche sassolino dalla scarpa e poi si vedrà…

Il capitano ha goduto sino ad oggi di grande eco mediatico, ma anche Berlusconi e Renzi lo hanno avuto.

Tutti sappiamo che i momenti magici possono finire ed è difficile vivere di rendita.  Se fossi nel capitano, non dormirei sonni proprio tranquilli, visto la situazione che potrebbe prospettarsi.

Grande è la confusione sotto il cielo….

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.