Menu

Valerio ucciso dai fascisti 40 anni fa a Roma. Cinquemila in piazza, la partita non è chiusa

Anche quest’anno, questo quarantesimo anniversario, la manifestazione che ricorda l’omicidio di Valerio Verbano ucciso dentro casa quasi davanti ai genitori, ha visto una enorme partecipazione. Alemo cinquemila persone hanno sfilato per un lungo percorso che ha attraversato i quartieri di Valmelaina, Tufello e Montesacro concludendosi in Piazza Sempione dove c’è stato un affollato concerto. Visibili in piazza tre generazioni politiche: i compagni di Valerio, i giovanissimi studenti medi che sentono l’omicidio di quelo loro coetaneo come una ferita aperta anche per loro, le generazione di mezzo, forse quella più dolorosa, più piegata dal “buco” di memoria storica, pià sensibile al senso della sconfitta e più incerta.

Un corteo lungo, combattivo fino all’arrivo e che ha declinato in molti modi l’antifascismo come senso comune condiviso, militante, permanente e non disponibile a essere strumentalizzato come spauracchio solo in campagna elettorale. In diversi interventi dal camion e in uno spezzone è stata più volte richiamata la richiesta di scarcerazione per Nicoletta Dosio e i No Tav.

Nel corteo le foto di Nicoletta Dosio e gli slogan per la sua liberazione e la fine dell’accanimento contro gli attivisti NO TAV

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.