Menu

Coronavirus nelle carceri. Appello per la sospensione pene a detenuti malati e anziani

Un appello al Presidente della Repubblica, ai ministri della Giustizia e della Sanità, al responsabile del Dap, al Garante dei detenuti, ai deputati e ai senatori della Repubblica.

“Vista la drammatica emergenza sanitaria che sta colpendo la popolazione tutta riteniamo che le misure di prevenzione adottate rispetto alla popolazione detenuta siano assolutamente inadeguate a fronteggiare i rischi connessi ad un contagio che metterebbe a rischio oltre 61.000 persone.

Va tenuto conto che tra la popolazione detenuta il 50% circa ha una età compresa tra i 40 e gli 80 anni, oltre il 70% presenta almeno una malattia cronica e il sistema immunitario compromesso.

È del tutto evidente che la diffusione del virus all’interno delle carceri assumerebbe dimensioni catastrofiche. Limitare o proibire i colloqui familiari, l’accesso dei volontari e i permessi di uscita non mette al riparo dal rischio contagio.

Quello che si è creato, e che va crescendo di ora in ora, è un clima di paura e insicurezza tra la popolazione detenuta, i familiari e il personale penitenziario che comunque è obbligato a garantire il servizio.

Gli istituti penitenziari sono a tutti gli effetti luoghi pubblici, sovraffollati e promiscui con un via vai continuo di personale e fornitori che potrebbero diventare veicolo di contagio e scatenare una vera epidemia, pertanto non bisogna dimenticare che la popolazione detenuta, al pari del resto della popolazione, è tutelata dalla Costituzione e dalle carte internazionali dei diritti umani.

Chiediamo che si intervenga con un provvedimento immediato di sospensione della pena per tutte le persone detenute ammalate ed anziane; chiediamo che il Parlamento vari una amnistia urgente per la rimanente popolazione detenuta”.

4 marzo 2020

Associazione Yairaiha Onlus, Osservatorio Repressione, Associazione Liberarsi, Associazione Bianca Guidetti Serra, Rifondazione Comunista, Associazione Memoria Condivisa, Associazione Il Viandante, Associazione Lasciateci Entrare, Ass. Culturale Papillon-Rebibbia, sezione Bologna, Associazione Fuori dall’Ombra, Comune-info, Federazione dei Verdi – Foggia,

Yasmine Accardo, Damiano Aliprandi, Ilario Ammendolia, Mario Arpaia, Luisa Barba, Tiziana Barillà, Sandra Berardi, Domenico Bilotti, Marco Boato, Fortunato Cacciatore, Rosy Canale, Donato Cardigliano, Francesca de Carolis, Angela Chiodo, Maurizio Ciotola, Francesco Cirillo, Valentina Colletta, Sissi Contessa, Edoardo Corasaniti, Gioacchino Criaco, Nicola D’Amore, Elisabetta Della Corte, Delio Di Blasi, Italo Di Sabato, Giuliana Falaguerra, Jenny Federigi, Alessandro Fo, Eleonora Forenza, Gabriella Fragiotta, Andreina Olga Ghionna, Yvonne Graf, Antonio Greco, Valerio Guizzardi, Pietro Ioia, Giuseppe Lanzino, Peppe Marra, Carmelo Musumeci, Bruna Nocera, Giampiera Nocera, Sante Notarnicola, Maurizio Nucci, Grazia Paletta, Antonio Perillo, Maria Teresa Pintus, Mario Pontillo, Paolo Rausa, Vittorio da Rios, Luigi Romano, Giovanni Russo Spena, Nino Santisi, Orlando Sapia, Vincenzo Scalia, Maria Elena Scandaliato, Annalisa Senese, Lisa Sorrentino, Mario Spada, Manola Testai, Giusy Torre, Carmen Veneruso, Carla Ventre, Francesca Volpintesta, Giorgio Vianello Accoretti

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

5 Commenti


  • Lorenzo Bonaiuti

    Condivido


  • Lia tagliacozzo

    Sono d’accordo


  • Barbara

    Ma state scherzando mi auguro, rimettiamo in libertà i delinquenti? Se si trovano li dentro c’è un motivo e devono restarci. Noi facciamo la galera a casa e loro la devono fare li dentro perché se la sono cercata, noi no.


    • Redazione Contropiano

      si sta parlando di detenuti anziani e malati o di persone a pochi mesi dalla scadenza pena. La bomba biologica e la vergogna civile del sovraffollamento nelle carceri va disinnescata. Se poi uno si sente proprio sicuro con le carceri piene, potremmo fare una sostituzione con quelli che sono ancora fuori e che da decenni, avendo responsabilità economiche e politiche decisive, hanno ridotto la società in questo stato.


  • Ezio

    Magari danno aministia e indulto perché c’è gente che vuole cambiare vita , bisogna dare una possibilità alle persone non tutti uguali sono capite questo almeno spero di sì 👋👋👋👋👋

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *