Menu

Perché prendere il Covid di proposito è un’idea pericolosa

Dato che i casi di COVID negli Stati Uniti sono saliti alle stelle, stabilendo un nuovo record ogni due giorni – soprattutto a causa di Omicron – tra alcuni esperti e novizi scientifici stanno aumentando le speculazioni sul fatto  che l’infezione, per molti, sembra ormai inevitabile.

In un’audizione al Senato, martedì, il commissario ad interim della US Food and Drug Administration Janet Woodcock, ha anche detto che “la maggior parte delle persone stanno andando a prendere il COVID“.

A metà dicembre, il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha detto che i vaccini da soli non ci proteggeranno da Omicron. Alla fine di dicembre, un epidemiologo ha spiegato alla BBC News: “Dobbiamo essere realistici; non fermeremo Omicron“.

Sui social media stanno spuntando post che ripropongono idee simili alle “feste della varicella”, dove ci si mescola intenzionalmente con persone infette. Un ristorante in Italia sta facendo pagare 150 dollari per avere non solo del buon vino con la cena, ma anche il COVID.

Quindi, se è altamente probabile che tutti saranno infettati, perché non ascoltare le chiacchiere là fuori, infettarsi di proposito e farla finita?

Tutte queste narrazioni sono pericolose, hanno detto alcuni esperti di salute pubblica a Medscape Medical News.

No, non è inevitabile che tutti si infettino con l’Omicron“, spiega Greg Poland, professore di medicina e malattie infettive al Mayo Clinic College of Medicine di Rochester, Minnesota, fondatore e direttore del Mayo Vaccine Research Group, e caporedattore della rivista Vaccine.

Ci possono anche essere più alti tassi di infezione e alti tassi di esposizione, ma gli individui vaccinati, potenziati e con la maschera hanno una probabilità molto alta di proteggersi dalle infezioni“.

Quindi penso che la narrazione [che tutti lo prenderanno] provenga dall’idea che, anche se potenziato, c’è ancora una possibilità che qualcuno possa essere infettato se è stato esposto“. Tuttavia, ha detto, diventare infetti richiede una catena di eventi che non è inevitabile.

Penso che si stia certamente diffondendo a velocità folle“, spiega Aaron Glatt, un portavoce della Infectious Diseases Society of America, capo delle malattie infettive ed epidemiologo ospedaliero al Mount Sinai South Nassau a Oceanside, New York. “È altamente contagioso e avrà un impatto anche sui vaccinati e sui potenziati“.

Ma anche così, “Non c’è ragione di dire ‘Tutti lo prenderanno’.

Anche se l’inevitabilità sembra vera, con le unità di terapia intensiva affollate in tutto il paese e i test difficili da trovare quanto il tartufo, “certamente non è il momento di alzare le mani al cielo e dire: ‘Tutti lo prenderanno’“, ha detto Omai B. Garner, direttore della microbiologia clinica per il sistema sanitario UCLA in California. “Manda il messaggio sbagliato“.

Dire che Omicron ci colpirà su tutta la linea ”per me significa che dovremmo smettere di cercare di combatterlo”, ha detto Garner. Se questo accade, ha detto, “metterete a rischio gli immunocompromessi e i non vaccinati. Questa è ancora una malattia molto pericolosa per le persone che non sono vaccinate“.

E i non vaccinati, ricorda alla gente, includono “un’intera popolazione sotto i 5 anni“, per la quale nessun vaccino COVID è stato ancora autorizzato.

La narrativa del “prendi-e-via”

L’idea di prendere deliberatamente il COVID è anche un ragionamento errato, spiega Poland.

La gente può supporre, erroneamente, che quella che chiamano ”immunità naturale” – e che lui preferisce definire più accuratamente ”immunità indotta dalla malattia” – non avrà conseguenze negative, e che una volta infettati la loro immunità sarà di lunga durata.

Un altro problema, ha detto Poland, è l’incomprensione di ciò che significa “più mite” quando si dice che Omicron è generalmente meno letale della variante Delta. Se si è non vaccinati o insufficientemente vaccinati e ci si infetta con la variante Omicron, ha detto, la prognosi è migliore rispetto alla Delta, ma ci si potrebbe comunque ammalare gravemente e morire.

Non raccomanderei certamente alla gente di uscire e cercare di prendere Omicron“, ha concordato Glatt. “Se qualcuno viene infettato e si riprende e sta bene, questo aumenterebbe l’immunità, come con qualsiasi infezione“. Tuttavia, “questo significa che devi ammalarti“, e questa non è una buona idea.

L’altro pensiero errato, ha detto Poland, è immaginare che gli esperti sappiano già tutto quello che c’è da sapere su Omicron.

Non è vero, ha spiegato. Cita studi recenti, come la ricerca appena pubblicata dai Centers for Disease Control and Prevention, che trova un rischio maggiore per una diagnosi di diabete dopo che i bambini sono infettati da COVID, e altre ricerche che trovano prove di auto-anticorpi elevati che persistono nel tempo, anche dopo infezioni lievi o asintomatiche.

* da Medscape Medical News

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

6 Commenti


  • Ile

    Con un po’ di razionalità si riuscirebbe a capire che giovani e giovanissimi senza patologie hanno un rischio associato al covid praticamente trascurabile (a maggior ragione se il decorso è seguito con professionalità e non con protocolli “Speranza”).
    Questo non significa che abbia senso infettarsi intenzionalmente, ma che si sarebbe potuto evitare di compromettere la formazione (dad) e la salute mentale (isolamento, terrorismo mediatico, ecc) di diverse generazioni, semplicemente proteggendo chi ne aveva realmente bisogno.
    Evidentemente c’era interesse a distruggere i pilastri di una società sana come istruzione, sanità, tutele costituzionali, convivialità, partecipazione democratica.
    Provate a chiedere a amazon, Google, Meta, pfizer, moderna, ecc, quanto vorrebbero che durasse l’emergenza…


    • Redazione Contropiano

      In una pandemia, sia detto definitivamente, la “protezione” vaccinale DEVE essere estesa a tutta la popolazione MONDIALE, non solo a chi “ne ha realmente bisogno”. Per il buon motivo che un virus, come si è visto, muta, ritorna, aggira.
      Per evitare che Pfizer e le altre ci guadagnino ancora bisognerebbe azzerare i brevetti sui vaccini. Come chiedono anche diversi paesi (India, Sudafrica, ecc) che avrebbero la tecnologia per produrli in proprio ma non possono per una questione “di difesa della proprietà”.
      Fa ridere chi dice di non volersi fare il vaccino – Pfizer, per esempio – “per non arricchire Big Pharma” e magari fa incetta di Zitromax (Pfizer) e si diletta tramite Viagra (Pfizer)…


  • filippo

    Arriverà il giorno che ammettere di esservi preso un grande abbaglio con la politica della vaccinazione di massa tout court, come unica soluzione o la “migliore” per fronteggiare l’epidemia che ormai in Europa solo noi la gestiamo per ricavarne vantaggi nel limitare diritti e libertà individuali, visto che il green pass, ora denominato super green pass, ormai lo sanno pure i muri che non è una misura sanitaria. Adesso pian piano cominciano a scoprirsi gli altarini, e gli stessi enti preposti, per deroga delle istituzioni politiche, al controllo del Capitale sulla forza lavoro (Ema OMS, Aifa eccetera) dicono apertamente che continuare con i richiami vaccinali è controproducente perchè può provocare una sorte di “blocco immunitario”. Mi sa che siete rimasti solo voi a crederci ancora…..così come avete creduto fino a ieri alla novella che la Cina rappresentava l’altra faccia della medaglia cattiva delll’imperialismo americano….meno male che su questo argomento vi siete ricreduti alla grande, grazie anche alle eccellenti analisi di Pasquale Cicalese, custodite nel manoscritto Piano Contro mercato.


  • Sergio

    “… proteggendo chi ne ha realmente (?) bisogno”, una variante darwiniana insomma…


  • Ile

    Davvero non capisco la relazione con quanto da me commentato, ah sì forse per voi “protezione” è sinonimo di vaccino, no non intendevo quello.


  • giuseppe

    peccato, cara redazione, che la “protezione” vaccinale non ferma il virus, come dimostrato ampiamente.
    Per cui non ha senso estendere a tutti una protezione che non c’è. Tanto meno ai giovani e giovanissimi.
    Ma riconoscere di avere preso un abbaglio no eh?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.