Menu

Bologna. Occupato l’Itc Rosa Luxemburg

Oggi, 13 Dicembre, noi studenti e studentesse dell’ITC Rosa Luxemburg abbiamo deciso di occupare la nostra scuola. Dopo aver dibattuto a lungo in assemblea straordinaria, abbiamo ritenuto l’occupazione la forma di protesta migliore, visto che il nostro sciopero del 23 Novembre non è stato ascoltato sufficientemente.

La nostra azione nasce per protestare in primis contro i problemi del nostro sistema scolastico.

Noi infatti:

– Lottiamo contro i gravi problemi infrastrutturali della nostra scuola

– Lottiamo contro alle problematiche legate al freddo un grave problema per la nostra scuola che ci vede costretti a svolgere le lezioni in aule con una temperatura che oscilla dai 12 ai 16 gradi.

– Lottiamo contro il senso di insicurezza e pressione psicologica che viviamo nella nostra scuola

– Vogliamo una scuola libera dove ognuno di noi può sentirsi sicuro e protetto e dove la comunicazione tra studenti e professori/vertici gerarchici sia garantita.

Indirizziamo questo documento al nostro dirigente scolastico, alla città metropolitana e alla stampa.

L’occupazione è un gesto di protesta importante e necessario per far sentire la nostra voce. I problemi riscontrati non sono circoscritti alla nostra scuola ma appartengono a molti degli istituti presenti sul territorio. Visto il momento di mobilitazione studentesca questo gesto si mostra solidale nei confronti di tutti gli studenti del nostro paese
Gli studenti e le studentesse del Rosa Luxemburg”

Inoltre esprimiamo solidarietà ai due studenti che a Roma sono stati portati via dalla polizia in seguito alle lotte che in queste settimane hanno portato all occupazione di più di 50 scuole.

ALLA VOSTRA REPRESSIONE RISPONDIAMO CON LA LOTTA!

******

Agli studenti in occupazione è arrivata la solidarietà del consigliere municipale Piero Pasquariello di Potere al Popolo

Il consigliere del quartiere Navile Pietro Pasquariello di Potere al Popolo ha interrogato la presidenza del quartiere sull’impegno a proposito dell’edilizia scolastica. Pasquariello dichiara: “Potere al Popolo è solidale con le studentesse e gli studenti che hanno occupato l’Istituto Rosa Luxembourg per protesta contro la mancanza di riscaldamento e contro le condizioni fatiscenti della scuola, con aree non accessibili per pericolo crollo di intonaco. La filiera del PD che governa tutto, dalla regione ai quartieri passando per la città metropolitana che formalmente ha la competenza sull’edilizia scolastica, deve assumersi la responsabilità politica della gestione del problema. Purtroppo assistiamo a scene indegne come il ritiro da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale degli inviti al confronto pubblico all’Opposizione Studentesca d’Alternativa e altri gruppi di insegnanti e famiglie non conformi al sistema-PD”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.