Menu

Siria. Le truppe governative riconquistano Palmira

1122 visualizzazioni

L'esercito siriano ha confermato di avere strappato ieri all'Isis la città di Palmira, dove è situato uno dei principali siti archeologici del Medio Oriente, di epoca romana.
In un comunicato diffuso dall'agenzia governativa Sana, le forze armate affermano di avere ripreso il controllo della città con l'aiuto di "forze alleate e amiche", in particolare i combattenti di Hezbollah e l’aviazione russa.
Il ministro della difesa russo Sergey Shoigu ha riferito al presidente Vladimir Putin, che la città storica di Palmira, situata nella provincia di Homsè stato liberata e la notizia è stata confermata dal portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.
Palm
ira era caduta sotto il controllo dell’Isis nel 2015, e gli jihadisti avevano fatto esplodere numerosi monumenti storici, tra cui l’arco monumentale di Palmyra, vecchio di 1800 anni, la maggior parte del Tempio di Bel e il Tempio di Baalshamin. La città era stata liberata dopo un'operazione durata due settimane condotta dall'esercito siriano, con l'appoggio dell'aviazione russa. Tuttavia, la città è stata ripresa dll’Isis con una controffensiva nel dicembre 2016, che aveva costretto l'esercito siriano a ritirarsi, e ad evacuare l'80 per cento della popolazione.
La nuova operazione per liberare la città
da parte delle truppe siriane, era stata lanciata poco dopo, con le forze governative che avanzavano verso la città. Ieri l'esercito siriano aveva conquistato le alture strategiche di al-Tar nei pressi della città. I primi giornalisti che sono riusciti a entrare nella città è una troupe della televisione Russia Today che ha mandato in onda un servizio televisivo da Palmira.

Sul piano negoziale intanto non sembrano esserci passi avanti nelle trattative avviate tra governo e opposizione siriana ad Astana, in Kazachistan. Sulla partecipazione dell'opposizione ai prossimi colloqui ad Astana per il cessate il fuoco, che avverranno probabilmente a marzo, Mohammad Alloush, capo della delegazione dell'opposizione siriana nelle trattative ha dichiarato all’agenzia russa Novostj che: "no, non andiamo ad Astana, se non vengono mantenute le promesse precedenti. Non ha senso andare avanti e ottenere nuove promesse che non si realizzeranno".

Alloush ha dichiarato che "In una riunione ad Astana il 16 e 17 febbraio, ho ricevuto la promessa da parte del capo della delegazione russa Alexander Lavrentyev, in presenza del vice ministro degli esteri del Kazakistan, di cessazione delle incursioni aeree. Ma purtroppo, quando siamo tornati da Astana, gli attacchi aerei sono diventati ancora più intensi. Noi, attraverso i turchi, abbiamo inviato una nota di protesta e il rapporto sulle violazioni dell'aviazione per due giorni" ha detto Alloush, che ha partecipato ai negoziati tra le fazioni siriane sotto l'egida delle Nazioni Unite a Ginevra.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *