Menu

B 61–12, qui in Italia

Sembra il nome di una vitamina.

Invece è una bomba nucleare di nuova generazione, con potenzialità distruttive dieci volte superiori a quelle di Hiroshima e Nagasaki.
Il pensiero va immediatamente alla Corea del Nord e all’arsenale nucleare di Kim Jong-un, oppure all’Iran e all’arsenale nucleare di Rouhani, più esposti mediaticamente di quanto non lo siano USA, Israele, Cina, Russia, Francia, Pakistan, Regno Unito, India.

Sciaguratamente non dobbiamo fare troppa strada.

A quanto pare fino ad oggi abbiamo consentito che sul nostro territorio, e precisamente ad Aviano e Ghedi, gli Usa “parcheggiassero” ben settanta bombe B 61 che devono essere sostituite da altrettante B 61 – 12.

Nonostante l’Italia abbia sottoscritto il Trattato di non proliferazione nucleare e, in virtù di quel Trattato non può avere armi nucleari sul proprio territorio, in violazione dei nostri impegni internazionali, consentiamo che gli USA ci trattino come se fossimo la loro dependance dove alloggia la loro servitù.In caso di conflitto, di sicuro saremmo oggetto di rappresaglie, proprio per distruggere gli arsenali nucleari che ospitiamo.

E se questa “ospitalità nucleare” è diretta conseguenza della adesione alla NATO, uscirne è forse il modo più coerente per applicare l’articolo 11 della nostra Costituzione.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *