Menu

#10Novembre. Lo sciopero generale è in corso

978 visualizzazioni

E’ in corso in tutta Italia lo sciopero generale indetto da Usb, Cobas e Unicobas. Come recitano le agenzie, “pesanti conseguenze per la circolazione” nelle città. Segno che nei settori in cui la riuscita dello sciopero è più visibile, non si può far finta che non ci sia stato. Sotto il MIUR volano manganellate contro gli insegnanti.

L’adesione del settore trasporto pubblico locale di Roma allo sciopero generale proclamato dall’Unione Sindacale di Base è pressoché totale: sono ferme le linee A, B e C della metropolitana, chiuse anche le linee Roma-Lido, Roma-Viterbo e Roma-Centocelle.

Pubblicato da Federazione del Sociale USB su Venerdì 10 novembre 2017

In superficie è rientrato in deposito il 95% dei mezzi. Altissima anche la percentuale di adesione tra gli operai, con cifre superiori al 90%.
Lo sciopero, proclamato da USB insieme a Or.Sa Tpl e Faisa Confail, è iniziato alle 8.30 e si conclude alle 17, per riprendere poi dalle 20 a fine servizio.

C’è stata un’alta adesione allo sciopero anche a Venezia con disagi soprattutto sul fronte dei vaporetti e oltre il 70% nel trasporto su gomma.

A Napoli sono chiuse Cumana e Circumflegrea mentre per i bus il servizio è a singhiozzo.

Naturalmente stiamo ricevendo segnalazioni da molte città e questo articolo resterà in aggiornamento almeno per tutta la mattinata.

Qui la diretta streaming da Roma, dove la questura ha senza motivo annullato il previsto corteo, che era stato preventivamente autorizzato. Identico atteggiamento per il corteo dei Cobas della scuola, che avevano intenzione di raggiungere la sede del Miur in viale Trastevere dove sono volate anche le manganellate. Stessa decisione anche a Napoli.

 

Inaccettabile: la questura di Roma vieta all'ultimo momento il corteo

Pubblicato da Unione Sindacale Di Base su Venerdì 10 novembre 2017

Roma SCIOPERO GENERALE

Pubblicato da Unione Sindacale Di Base su Venerdì 10 novembre 2017

A Bologna è iniziato il presidio per lo sciopero generale in piazza della Mercanzia. Presidi in regione anche a Modena, Parma, Ravenna e Piacenza.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa
Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *