Menu

Palestina. Hamas rilancia il dialogo con l’Anp

Nuovo appello del leader di Hamas, Ismail Haniye, al dialogo interpalestinese nel giorno in cui il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite discute la richiesta palestinese di pieno riconoscimento presentata venerdì dal leader dell’Autorità nazionale palestinese (Anp) Mahmoud Abbas.

«Siamo a favore di un dialogo strategico che porti alla definizione di una strategia congiunta riguardo la Palestina e all’attuazione della riconciliazione che abbiamo firmato», ha detto Haniye ai giornalisti, riferendosi all’accordo siglato da Hamas e Fatah a maggio.

E oggi Fatah ha annunciato che una sua delegazione e una di Hamas si incontreranno all’inizio di ottobre al Cairo per proseguire il dialogo sulla riconciliazione nazionale. «Non siamo contrari alla formazione di uno stato, ma non siamo d’accordo con questo tipo di attività politica e con questa iniziativa – ha ribadito Haniye, riferendosi alla mossa di Abbas – La causa palestinese è la causa di una nazione e i funzionari palestinesi non dovrebbero essere soli nell’affrontare le politiche americane e sioniste. Dovremmo investire nel rilancio della nazione per rafforzare le nostre posizioni». Il leader di Hamas ha quindi auspicato un lavoro comune da parte di Hamas, che controlla la Striscia di Gaza, e Fatah, che amministra la Cisgiordania, per portare avanti la «causa palestinese».

Hamas, ha aggiunto, sosterrà la creazione di uno stato palestinese «in qualsiasi terra liberata», a patto che il nuovo stato non debba riconoscere Israele. «Noi diciamo: prima la liberazione e poi lo stato, perchè – ha concluso – gli stati non possono essere creati da decisioni dell’Onu o attraverso manovre e compromessi, ma nascono dalla determinazione e dalla resistenza».

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.