Menu

Libia. Armi nucleari? Forse. Truppe straniere? Sicuramente.

Una dichiarazione, quella di Jibril, che appare piuttosto sorprendente e che arriva a 24 ore dallo scadere della missione Nato in Libia. Alla televisione satellitare Al Arabiya, Jibril ha aggiunto che l’Aiea, l’Agenzia dell’Onu per l’energia atomica, darà l’annuncio del ritrovamento nei prossimi giorni. Dopo il 2003 l’agenzia non aveva più fatto menzione di armi nucleari in Libia in quanto gli Stati Uniti avevano provveduto – in accordo con Gheddafi – a smantellare e trasferire negli Usa il materiale fissile esistente in Libia. Secondo alcuni osservatori molto ben informati – il Corriere della Sera – a trarre in inganno al Arabya e di conseguenza tutto il sistema dei media mainstream, potrebbe esserci un errore di traduzione da “Armi chimiche” ad “armi nucleari”. Ma altri osservatori mettono in relazione questo allarme con un altro fattore. Oggi infatti, dopo 215 giorni si conclude l’Operazione della Nato, Unified Protector, partita a metà marzo dopo il disco verde delle Nazioni Unite. Non sono pochi, all’interno del Cnt, che temono la partenza della Nato a causa dei forti contrasti interni. Alla mezzanotte di oggi, 31 ottobre, il controllo dello spazio aereo libico passerà sotto la responsabilità del Consiglio nazionale di transizione (Cnt). Una serie di Paesi della Nato, ma anche alleati esterni all’Alleanza Atlantica, hanno anche espresso la disponibilità a continuare una presenza militare sul territorio libico «se richiesto» dal Cnt, dopo la fine della missione. Nel frattempo prende corpo l’ipotesi di una Forza militare multinazionale per la “stabilizzazione politica della Libia”. La missione – di cui si è parlato in settimana nel vertice di Doha tra i capi di stato maggiore dei Paesi impegnati militarmente in Libia – dovrà aiutare a garantire la sicurezza dopo che la Nato sarà tornata a casa. Fra i Paesi che intendono aderirvi: Gran Bretagna, Marocco, Svezia e Giordania. E anche l’Italia sta valutando la sua eventuale partecipazione militare contribuendo con addestratori per le forze di sicurezza libiche.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

  • Molfetta 10 marzo, assemblea di Eurostop

    VUOI SAPERE PERCHE’siamo in guerra contro l’art. 11 della Costituzione?l’Unione europea non è riformabile?l’euro è lo strumento delle politiche...

  • Anche tre navi da guerra cinesi nel Mediterraneo

    Mentre i media nazionali fanno finta che tutto sia “quasi normale” nello sviluppo della crisi siriana, anche la Cina...

  • Mediterraneo, ponte di guerra

    «I molti, troppi morti senza nome che il nostro Mediterraneo custodisce

    NOTIZIE PER DATA

    Ottobre 2011
    Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

    NEWSLETTER

    Vuoi essere sempre aggiornato sulle notizie di Contropiano? Iscriviti alla nostra newsletter: