Menu

Chicago. Mobilitazione contro il vertice Nato

Alcuni commentatori l’hanno già definito come “la Yalta del XXI secolo”. Si tratta del doppio vertice G8/NATO in corso negli Stati Uniti. A Camp David si è riunito il summit del G8, a Chicago vertice della NATO del 20 e 21.  Durante i lavori, il “blocco occidentale” cercherà di allargarsi fino a creare una NATO non più “atlantica” ma globale, dividendo sfere di influenza nel mondo a scapito dei Brics e in particolare della Cina. La Russia ha scelto di non partecipare al vertice. Del resto, già la NATO include ormai — tra i suoi “paesi di contatto” o “di dialogo” o “di cooperazione” — l’Australia, il Giappone, alcuni paesi ex sovietici, l’intera Nord Africa e prossimamente l’Afghanistan.  Ecco perché -secondo gli attivisti No War – bisogna fermare questa politica espansionistica che il tandem USA-Unione Europea tenta di svolgere attraverso la NATO. 

La contestazione che da stasera metterà in campo il movimento “Occupy a Chicago” mira proprio a fermare questo espansionismo militarista globale.  Dicono gli esponenti Occupy: “Ovviamente siamo favorevoli al ‘contatto’, al ‘dialogo’ e alla ‘cooperazione’ con tutti i paesi del mondo, figuriamoci — ma tramite gli  scambi culturali ed economici, non tramite la pianificazione congiunta di nuove guerre di conquista.  
In previsione delle contestazioni, il sindaco di Chicago, l’ex consigliere speciale di Obama, Rahm Emanuel (detto “Rahmbo”), ha pensato bene di dotarsi di poteri da stato poliziesco.  Per tenere la manifestazione a Chicago bisogna stipulare una polizza assicurativa di 800.000 euro (un milione di dollari) contro eventuali danni alla città — per fortuna i sindacati sono intervenuti a pagarla, cosa che lo squattrinato movimento Occupy non era certo in grado di fare.  Inoltre bisogna registrare preventivamente presso il comune (con documentazione fotografica) ogni cartello e ogni manifesto che verrà portato o affisso in più di una copia.  Poi non potranno essere usate (per salvaguardare la quiete pubblica) megafoni o forme di amplificazione.  Infine il Sindaco si è dotato del potere di reclutare centinaia di vigilantes privati con poteri di polizia e che rispondano solo a lui; non solo, ma dispone ora del potere di mettere telecamere spie in qualsiasi luogo della città senza qualsivoglia autorizzazione o notifica.  Queste misure sono ovviamente state contestate giuridicamente dal movimento Occupy ma il vertice sarà concluso prima della celebrazione dei processi. 

Una manifestazione di sostegno allee mobilitazioni anti Nato di Chicago è in corso a Roma davanti al Colosseo.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.