Menu

Francia: domani nuova manifestazione contro la Loi Travail

Dopo una pausa estiva durata più di due mesi, domani la Francia torna in piazza per la 14esima giornata di mobilitazione contro la cosiddetta 'Loi Travail', la controriforma del codice del lavoro varata dal governo socialista che precarizza i contratti, aumenta gli orari di lavoro, facilita e rende meno onerosi i licenziamenti e concede priorità ai contratti aziendali invece che a quelli nazionali.

Le forze politiche e sindacali che ormai dalla primavera sono mobilitate contro la ‘Loi El Khomri’ hanno ottenuto ieri il semaforo verde della prefettura e dalla polizia di Parigi per manifestare da Piazza della Bastiglia a Place de la Republique. La marcia prenderà il via alle 14: in testa al corteo ci saranno i leader sindacali, Philippe Martinez (Cgt), Jean-Claude Mailly (Fo), Bernadette Groison (Fsu), i portavoce di Solidaires e i responsabili delle organizzazioni studentesche e giovanili Unef, Unl e Fidl. Marce e presidi contro il governo e la sua politica del lavoro sono previsti anche nel resto della Francia.

Quella di domani sarà la 14ma giornata nazionale di mobilitazione contro la riforma del codice del lavoro. Questa volta i dimostranti scenderanno in piazza per chiedere l'abrogazione del testo, promulgato ad agosto dal Parlamento francese esautorato più volte dal governo che ha fatto ricorso ad un apposito articolo della Costituzione che consente all’esecutivo di bypassare il consenso della maggioranza dei degli eletti.

L'ultima giornata di mobilitazione, il 5 luglio scorso, aveva visto la partecipazione alle manifestazioni organizzate in varie città di circa 45.000 lavoratori e giovani. La più massiccia mobilitazione è stata quella del 31 marzo scorso, con 1 milione e duecentomila persone che avevano sfilato in tutto il Paese.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.