Menu

La salute di Julian Assange è così grave che “potrebbe morire in prigione”

La lettera aperta del gruppo chiede che il fondatore di Wikileaks venga trasferito dal carcere di massima sicurezza di Londra all’ospedale.

Più di 60 medici hanno scritto una lettera aperta dicendo che temono che la salute di Julian Assange sia così grave che il fondatore di Wikileaks potrebbe morire all’interno di una prigione britannica di massima sicurezza. L’australiano di 48 anni sta ancora combattendo un tentativo americano di estradarlo dalla Gran Bretagna con l’accusa presentata ai sensi dell’Espionage Act che potrebbe vederlo condannato a una pena detentiva fino a 175 anni in un carcere americano.

Nella lettera al segretario di casa britannico, Priti Patel, i medici hanno chiesto che Assange fosse trasferito dalla prigione di Belmarsh nel sud-est di Londra in un ospedale universitario per l’insegnamento. Hanno basato la loro valutazione su “strazianti testimonianze oculari” della sua apparizione in tribunale del 21 ottobre a Londra e un rapporto del 1 novembre di Nils Melzer, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura.

L’esperto indipendente dei diritti delle Nazioni Unite ha affermato che “la continua esposizione ad arbitrarietà e abusi potrebbe presto finire per costargli la vita”. Assange ha usato Wikileaks per pubblicare file militari e diplomatici classificati nel 2010 sulle campagne di bombardamenti statunitensi in Afghanistan e Iraq che si sono rivelate estremamente imbarazzanti per Washington.

Scriviamo questa lettera aperta, come medici, per esprimere le nostre serie preoccupazioni sulla salute fisica e mentale di Julian Assange “, hanno detto i medici nella loro lettera aperta di 16 pagine. Dissero di avere “preoccupazioni per l’idoneità del signor Assange” a passare per l’intera udienza di estradizione, che è fissata per febbraio.

Mr Assange richiede una valutazione medica urgente da parte di esperti del suo stato di salute sia fisico che psicologico“, ha scritto. “Qualsiasi trattamento medico indicato deve essere somministrato in un ospedale universitario adeguatamente attrezzato e dotato di personale esperto (assistenza terziaria)[…] Se una valutazione e un trattamento così urgenti non dovessero aver luogo, nutriamo serie preoccupazioni, in merito alle prove attualmente disponibili, che il signor Assange potrebbe morire in prigione. La situazione medica è quindi urgente. Non c’è tempo da perdere.” I medici provengono da Stati Uniti, Australia, Gran Bretagna, Svezia, Italia, Germania, Sri Lanka, Polonia.

Alla sua prima apparizione in pubblico per sei mesi, in un’udienza in tribunale il mese scorso, Assange sembrava fragile. Sembrava anche confuso ogni volta che gli veniva chiesto di parlare alla corte dei magistrati di Westminster a Londra. Sembrava avere difficoltà a ricordare la sua data di nascita e alla fine dell’udienza disse al giudice distrettuale Vanessa Baraitser di non aver capito cosa fosse successo in tribunale.

Si lamentava anche delle condizioni in cui veniva tenuto a Belmarsh. È stata la sua prima apparizione pubblica da quando è stata trascinata drammaticamente dall’ambasciata dell’Ecuador ad aprile.

Il pubblico ministero svedese ha dichiarato martedì scorso di aver lasciato cadere le proprie indagini su un’accusa di stupro del 2010, anche se hanno ritenuto “credibile” la pretesa del ricorrente.

* da Agence France Presse su The Guardian del 25/11/20197 

Vedi anche https://contropiano.org/news/internazionale-news/2019/11/20/in-svezia-cadono-le-accuse-di-stupro-contro-julian-assange-adesso-va-scarcerato-0120980

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.