Menu

Der elefant im raum (L’elefante nella stanza)

Un fantasma si aggira nelle statistiche mondiali sul fenomeno pandemico. Un solo Paese al mondo, mostra statistiche del tutto fuori logica tra i dichiarati contagiati ed i morti: la Germania.

E sì che la Germania è il Paese europeo più grande (demograficamente circa un terzo circa più grande dell’Italia, della Francia e dell’UK), ha un peso di popolazione anziana praticamente pari all’Italia, ed in più, è il primo Paese europeo in cui si è accertata la precoce presenza del virus. Il che è ovvio visto che è anche il Paese con i maggiori contatti ed interscambi economici coi cinesi.

Il virus è lì da più tempo che altrove, in un Paese pieno di anziani, un terzo almeno di più che in Italia, ma i tedeschi non muoiono. Lo “spread dei morti” tra ogni Paese del mondo e la Germania è ovunque alto ma si sa, quando si tratta di spread, ai tedeschi piace ben figurare.

Il mistero ha attratto i giornalisti anglosassoni, vi hanno scritto articoli a vario titolo il Financial Times, The Guardian, The Indipendent, Wall Street Journal, ma molto meno la stampa europea. L’Espresso, l’altro giorno, vi ha posto ritardata attenzione confezionando un “the best of” di ragioni a spiegazione, copiato dagli articoli anglosassoni che avevano doverosamente riportato le risposte tedesche alle domande poste:

1) Il loro facente funzione di ISS, il Robert Koch Institute (RKI), afferma che i morti tedeschi sono più giovani, quindi la popolazione anziana è stata misteriosamente per il momento evitata dal virus (a parte il medico della Merkel). Qualcuno sostiene che gli anziani tedeschi vivono più “isolati” dai giovani che non in Italia o Cina, ma francamente a me pare una stupidaggine insostenibile, anche perché andranno pur in giro a far la spesa come tutti, no? ma le spiegazioni arzigogolate hanno anche varianti;

2) I tedeschi sostengono che l’epidemia, da loro, si sarebbe sviluppata più tardi. Ma come? esistono studi pubblicati su The Lancet che confermano la precocità del “paziente 0” in Germania, come è ovvio che sia. Portano loro l’infezione in Lombardia, ma non in Germania? Tutta Europa ha più morti percentuali di loro perché loro sono “in ritardo” nella diffusione del contagio? Incredibile …

Anche perché la stampa tedesca se ne uscì a gennaio e primi febbraio con notizie di una incredibilmente contagiosa e virulenta epidemia di influenza polmonare, rigorosamente diagnosticata come tale e non coronavirus. come probabilmente era. Alla domanda se RKI dispone di test Covid-19 post mortem, gli interessati hanno risposto “sì”, ma i giornalisti inglesi hanno verificato che la strana struttura sanitaria tedesca che è iper-federale, crea notevoli asimmetrie tra centro e periferia, ognuno fa un po’ come gli pare.

In più perché fare i tamponi ex post e non ex ante, visto che dichiarano di farne in ogni dove? Questa strana struttura della sanità tedesca darebbe anche conto del perché i tedeschi danno le cifre in ritardo mentre John Hopkins University, che segue la pandemia dall’inizio, dà cifre diverse perché attinge direttamente ai Lander. Insomma, a voler pensar male si potrebbe notare una certa cortina fumogena di grande confusione fatta apposta per render difficile la comprensione reale degli eventi e sopratutto per darsi la libertà di sparare cifre ad estro.

3) Poi c’è la versione secondo la quale i tedeschi farebbero molti più tamponi di chiunque altro, dichiarazione del RKI riportata anche dalla stampa inglese (in effetti RKI dichiara che “possono” far tamponi, non che li fanno). Non so, a me secondo altri dati non risulterebbe, o sono sbagliati i miei dati o la stampa inglese riporta dichiarazioni tedesche senza verificarle e chissà perché tutti fanno finta di crederci;

4) Si arriva così alle note enormi capacità di ricovero ospedaliero e letti di terapia intensiva tedesche. Ma dati alla mano, è vero che la Germania sta messa meglio dell’Italia, ma l’Italia starebbe comunque messa meglio di (in ordine) Francia, Svizzera, UK ed Olanda, oltre a molti altri. Ma più che altro, questa spiegazione – se sembra logica di primo acchito – non lo è in approfondimento.

In Italia il SSN ha retto botta per un bel po’ prima di andare in affanno ed è andato in affanno solo nell’area più colpita. I morti a casa perché gli ospedali son pieni, in Italia non compaiono nelle statistiche. In più i morti italiani censiti, passano dai letti di terapia intensiva e finiscono nella bara comunque, come per altro in tutto il mondo, visto che non sembra esserci una cura effettiva ma solo un supporto terapeutico che è lo stesso in tutto il mondo.

Cos’hanno i tedeschi di diverso? Letti più comodi? Respiratori fabbricati dalla Mercedes? Dottor House in ogni stanza? Non si sa …

Ma una rasoiata di Occkam comincia qui e lì a comparire a mezza bocca. Un portavoce del direttivo del’ISS che ogni sera affianca Borrelli in conferenza stampa, a precisa domanda, qualche giorno fa ha risposto qualcosa tipo “io so che noi contiamo sia ‘morti di’ che i ‘morti con’; come contano gli altri, non lo so”.

Da qualche giorno questo insistere sul fatto che noi contiamo – tutti – i morti è stata ripetuta da Borrelli, Brusaferro e altri membri dell’ISS che si alternano giornalmente anche fuori dal contesto della “questione tedesca”. Ieri hanno avanzato dubbi su questa differenza, che è logicamente l’unica e per giunta auto-evidente statisticamente e logicamente parlando, un biologo su la Stampa ed uno sul Corriere.

Nessuno può ufficialmente accusare i tedeschi di contare i morti in modo scorretto, è evidente. Sarebbe guerra diplomatica ed anche improprio, perché non lo si può dimostrare, ovviamente. E’ inoltre una questione più politica che non virologica o biologica. Non sta a gli scienziati fare ipotesi di tal fatta anche se ogni biologo o virologo o statistico sa che quella sproporzione è talmente esagerata che non c’è altro modo per spiegarla.

E così si spiega anche il silenzio pudico in Europa. Chi va a fare una accusa così grave ed indimostrabile e pure antipatica, perché politicizzare i morti è davvero brutto?

Abbiamo visto tutti come ogni cancelleria abbia negato sin dall’inizio l’esistenza del problema del virus, pur nota a tutti, come ora viene fuori nei rapporti dati con grande anticipo tanto negli USA che in Francia, UK e non c’è motivo di non ritenere, anche Germania.

E tutti abbiamo visto come i Paesi più ostinatamente difensori del “mercato come ordinatore sociale” abbiano ritardato gli interventi a costo di mentire, inventare idiozie come “l’immunità di gregge”, modulare interventi ma salvaguardando l’operatività economica come plaudono anche molti insospettabili difensori del “market first”, forse involontari, qui da noi.

Magari avanzando cautele costituzionali o biopolitiche o libertarie o sdilinquendosi davanti ai miracoli del “modello coreano”, o solo perché ormai il far polemica su tutto gli parte di riflesso facebook-esistenziale.

E vediamo tutti la reazione furibonda al decreto del Governo, pur in ritardo, pur mal comunicato, pur pieno di difetti, quando tocchi la fabbrica ed il denaro scoppiano scintille, è ovvio.

Il governo tedesco non conta i morti reali per non spaventare la propria popolazione, che lo costringerebbe a misure che vogliono ritardare il più a lungo possibile, come hanno provato a fare tutti. E questo avviene nel cuore dell’Europa, dell’Occidente democratico e trasparente che s’indigna per i ritardi cinesi e le nebbie russe.

Il virus in Germania colpisce solo giovani alti, biondi e sanissimi, per questo le Merkel va in quarantena stanziando miliardi di miliardi per far fronte ai 90 morti dichiarati (cioè come gli svizzeri che sono otto volte di meno!) in un mese e mezzo su 82 milioni di individui.

Buying time”, comprare tempo pagandolo con morti non censiti. Berlino, manipolando la sua opinione pubblica ed iniettando al contempo denaro nell’economia, si vuole garantire il suo rimanere al centro del sistema europeo anche nel “dopo”, perché è quella la sua “potenza”. Ed alla potenza si sacrifica tutto.

[Il post è della serie libere opinioni. Naturalmente seguo la faccenda da giorni ed ne ho letto e studiato il più possibile, per quanto mi è stato possibile. Se qualcuno ha da postare dati (le opinioni di articoli che si arrampicano sugli specchi per favore no), che facciano ulteriore luce, è il benvenuto. Vediamo chi mi fa cambiare opinione …]

 * da Facebook

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • giorgino

    E se oi fossimo noi a sottostimare i contagiati, non facendo tamoni a tappeto per risparmiare (18 euro ciascuno) ? C’entra poco quanti ne facciano in germania (e su questo l’articolo assume che in germania ne facciano pochi nonostante le dichiarazioni ufficiali, dicendo semlicemente “dai miei dati non risulta ne facciano molti in germania” : ipse dixit ??), il punto e che da noi si è scelto di non farli affatto, pensando che se chi ha poche linee di febbre o la tosse resta a casa, allora i contagiati saranno egualmente in quarantena. Ma pur in quarantena in ogni caso, senza tamone non si conosce il contagiato , non se ne possono ricostruire i contatti e sottoporli a tamone, costoro come portatori inizialmenrte sani avranno il temppo di contagiare tanti altri
    Tra l’altro anche cina la mortalità è stata solo del 3,8, in norvegia l del 0,4, in danimarca dello 0,5, in belgio 1,2, noi soli arriviamo allo 8, 5 %
    Mi sa che con questa storia di vedere sempre l’italia vittima dell’egoismo altrui ( che c’è eccome), assolviamo la nostra classe dirigente e la nostra borghesia nazionale, invece di chiederne il processo per crimini contro l’umanità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.