Menu

“Combattere il Covid-19 attraverso solidarietà e cooperazione”: Xi Jinping all’Oms

Lunedì 18 maggio e martedì 19 si svolge l’assemblea annuale dell’Organizzione Mondiale della Sanità (OMS) che condensa in due giorni di conferenza virtuale i lavori dei suoi 194 Stati Membri.

Al centro della discussione vi è ovviamente la lotta al Covid-19, che ha contagiato più di 4 milioni e mezzo di persone e causato più di 300 mila decessi. Un emergenza tutt’altro che rientrata.

«La pandemia è sempre in fase d’espansione» riassume Ibrahima Socé Fall, un dirigente dell’OMS incaricato degli interventi d’urgenza presso l’Organizzazione, intervistato dal quotidiano francese Le Monde.

«C’è una stabilizzazione in Europa occidentale, ma la curva è ascendente in Europa dell’Est ; è in espansione nel Sud Est asiatico e diminuisce nella regione del Pacifico. La malattia è in crescita nelle Americhe: i paesi americani sono I più toccati e gli Stati Uniti costituiscono attualmente l’epicentro della pandemia. In fine l’Africa è sempre più una minaccia»

I lavori dell’OMS si svolgono un mese circa dopo l’annuncio di Donald Trump di sospensione dei fondi che gli Stati Uniti destinano all’Organizzazione, cui ha indirizzato critiche feroci nella gestione dell’emergenza e che in una delle sue prime esternazioni a riguardo l’ha definita “sino-centrica”.

Due ulteriori questioni geo-politiche venivano annunciate come “spinose” per la sessione dei lavori: la risoluzione per un’inchiesta sulla gestione internazionale del virus, notevolmente mitigata nella formulazione conclusiva della UE rispetto alla richiesta ipotizzata a suo tempo dall’Australia, con un non proprio velato attacco alla Cina, di cui lo storico Stato dei Fine Eyes si è fatto carico tra gli Stati “middle power”.

Una politica poco fruttuosa, quella del Paese oceanico, considerata la cessazione di fornitura di carne rossa – formalmente per motivi sanitari che la Cina ha imposto a 4 suoi produttori, più di un terzo delle forniture complessive di questo prodotto dell’industria alimentare – e l’ipotesi di paventato “boicottaggio” del suo vino e della sua industria turistica di parte dell’opinione pubblica cinese, o di una riduzione dei materiali ferrosi usati per ottenere l’acciaio.

La risoluzione della UE – che riguarda anche l’accesso a dispositivi medico-sanitari adeguati per affrontare l’epidemia – godrebbe invece dell’approvazione di molti Paesi. La seconda questione spinosa riguarderebbe Taiwan, Paese riconosciuto da una manciata di Stati e che la Cina rivendica storicamente come proprio territorio.

L’isola di 23 milioni di abitanti che dal 2016 ha come presidente Tsai Ing-wen del DPP – cioè un esponente dell’ala “filo-indipendentista”, a differenza degli anni precedenti – si è caratterizzata per una modalità virtuosa nel combattere il contagio ed un aiuto sanitario ad altri Stati, attuando una specie di “diplomazia sanitaria” in contrapposizione alla Repubblica Popolare, popolarizzata dal famoso hashtag #TaiwanCanHelp, per uscire dalla suo tradizionale isolamento diplomatico.

Gli Stati Uniti intendevano sfruttare l’occasione ed utilizzare pretestuosamente la questione per dare filo da torcere alla Cina, che esclude Taiwan anche da ruolo di osservatore nel consesso – a differenza che in passato – e si oppone fermamente al suo riconoscimento.

Ma al di là dei soggiacenti scontri geopolitici, una delle questioni rilevanti è il tentativo di speculazione dell’industria farmaceutica che puntualmente denunciamo attraverso il nostro giornale e la necessità della disponibilità universale di tutti gli approdi scientifici in questo campo.

Una preoccupazione anche recentemente espressa il 7 maggio da Ellen’T Hoen direttrice del Medicines Law&Policy nella rivista “Nature Medicine”: «c’è di che essere legittimamente preoccupati nel vedere l’industria farmaceutica cercare di proteggere i suoi interessi economici in questa crisi a discapito dell’accesso universale».

In questo campo colpisce questa affermazione di Xi sulla disponibilità dell’ipotetico vaccino, se paragonata alle recenti prese di posizione della multinazionale farmaceutica “Sanofi”: Lo sviluppo e la distribuzione di vaccini COVID-19 in Cina, ove disponibili, saranno resi pubblici a livello mondiale. Questo sarà il contributo della Cina per garantire l’accessibilità dei vaccini nei paesi in via di sviluppo”.

Considerato il pessimo servizio a cui ci sta abituando l’informazione mainstream a proposito della Cina – una vera e proprio esempio di “disinformazione strategica” – e i contenuti assolutamente rilevanti, abbiamo tradotto integralmente dall’inglese la dichiarazione di Xi Jinping, Presidente della Repubblica Popolare Cinese, all’apertura virtuale della 73° Assemblea mondiale della sanità a Pechino, messa a disposizione da numerosi organi informativi cinesi.

Buona lettura…

*****

Combattere il COVID-19 attraverso la solidarietà e la cooperazione.  Costruire una comunità globale della salute per tutti

Presidente dell’Assemblea mondiale della sanità,

Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità,

Cari delegati,

Ciò che stiamo affrontando è l’emergenza sanitaria pubblica più grave dalla fine della seconda guerra mondiale. Prendendo il mondo di sorpresa, COVID-19 ha colpito oltre 210 paesi e regioni, ha colpito oltre sette miliardi di persone in tutto il mondo e ha causato oltre 300.000 vite preziose. Piango per ogni vita persa ed esprimo condoglianze alle famiglie in lutto. La storia della civiltà umana è una storia di lotta contro le malattie e di gestione delle catastrofi. Il virus non rispetta i confini. Né la razza o la nazionalità sono rilevanti di fronte alla malattia.

Di fronte alle devastazioni di COVID-19, la comunità internazionale non si è tirata in dietro. La gente di tutti i paesi ha affrontato il virus a testa alta. In tutto il mondo, le persone si sono guardate l’un l’altro e si sono messe insieme. Con amore e compassione, abbiamo creato straordinarie sinergie nella lotta contro COVID-19. In Cina, dopo aver compiuto scrupolosi sforzi e enormi sacrifici, abbiamo invertito la tendenza del contagio del virus e protetto la vita e la salute della nostra gente.

Tutti insieme, abbiamo agito con apertura, trasparenza e responsabilità. Abbiamo fornito informazioni all’OMS e ai paesi interessati in modo tempestivo. Abbiamo rilasciato la sequenza del genoma il prima possibile. Abbiamo condiviso l’esperienza di controllo e trattamento con il mondo senza riserve. Abbiamo fatto tutto il possibile per sostenere e assistere i paesi bisognosi.

Signor Presidente, anche quando mentre ci incontriamo, il virus continua a imperversare e bisogna fare di più per tenerlo sotto controllo. A tal fine, desidero presentare le seguenti proposte:

Innanzitutto, dobbiamo fare tutto il possibile per il controllo e il trattamento di COVID-19. Questo è un compito molto urgente.

Dobbiamo sempre mettere al primo posto le persone, perché nulla al mondo è più prezioso della vita delle persone.

Dobbiamo impiegare competenze mediche e forniture critiche nei luoghi in cui sono maggiormente necessarie.

Dobbiamo compiere passi importanti in settori chiave quali prevenzione, quarantena, individuazione, trattamento e tracciabilità.

Dobbiamo muoverci il più velocemente possibile per frenare la diffusione globale del virus e fare del nostro meglio per arginare la trasmissione transfrontaliera.

Dobbiamo intensificare la condivisione delle informazioni, scambiare esperienze e migliori pratiche e proseguire la cooperazione internazionale in materia di metodi di prova, trattamento clinico e ricerca e sviluppo di vaccini e medicine.

Dobbiamo anche continuare a sostenere la ricerca globale da parte degli scienziati sulle fonti di origine e sulle vie di trasmissione del virus.

In secondo luogo, l’Organizzazione mondiale della sanità dovrebbe guidare la risposta globale. Sotto la guida del Dr. Tedros, l’OMS ha dato un contributo importante nel guidare e far progredire la risposta globale a COVID-19. Il suo buon lavoro è applaudito dalla comunità internazionale. In questo momento cruciale, sostenere l’OMS è sostenere anche la cooperazione internazionale e la battaglia per salvare vite umane. La Cina invita la comunità internazionale ad aumentare il sostegno politico e finanziario all’OMS in modo da mobilitare risorse in tutto il mondo per sconfiggere il virus.

Terzo, dobbiamo fornire un maggiore sostegno all’Africa. I paesi in via di sviluppo, in particolare quelli africani, hanno sistemi di sanità pubblica più deboli. Aiutarli a costruire capacità deve essere la nostra massima priorità nella risposta COVID-19. Il mondo deve fornire più materiale, supporto tecnologico e personale ai paesi africani.

La Cina ha inviato un’enorme quantità di forniture mediche e assistenza in oltre 50 paesi africani e nell’Unione africana. Cinque squadre di esperti medici cinesi sono state inviate anche nel continente africano. In totale, negli ultimi sette decenni, oltre 200 milioni di persone in Africa hanno ricevuto cure da equipe mediche cinesi. Al momento, 46 ​​squadre mediche cinesi residenti in Africa stanno aiutando gli sforzi di contenimento di COVID-19 a livello locale.

In quarto luogo, dobbiamo rafforzare la governance globale nel settore della sanità pubblica. Alla fine noi esseri umani prevarremo sul coronavirus. Eppure questa potrebbe non essere l’ultima volta che una grande emergenza sanitaria bussa alla nostra porta.

Alla luce delle debolezze e delle carenze esposte da COVID-19, dobbiamo migliorare il sistema di governance per la sicurezza della salute pubblica. Dobbiamo rispondere più rapidamente alle emergenze sanitarie e istituire centri di riserva globali e regionali di approvvigionamento anti-epidemico.

La Cina sostiene l’idea di una revisione globale della risposta globale a COVID-19 dopo che è stata messa sotto controllo per riassumere l’esperienza e affrontare le carenze. Questo lavoro dovrebbe basarsi su scienza e professionalità, guidati dall’OMS e condotti in modo obiettivo e imparziale.

In quinto luogo, dobbiamo ripristinare lo sviluppo economico e sociale. Mentre lavorano su base continuativa per contenere il virus, i paesi in cui le condizioni lo consentono possono riaprire le imprese e le scuole in modo ordinato nel rispetto delle raccomandazioni professionali dell’OMS.

Nel frattempo, il coordinamento delle politiche macro-economiche internazionali dovrebbe essere intensificato e le catene industriali e di approvvigionamento globali dovrebbero essere mantenute stabili e non ostruite se vogliamo ripristinare la crescita dell’economia mondiale.

In sesto luogo, dobbiamo rafforzare la cooperazione internazionale. L’umanità è una comunità con un futuro condiviso. La solidarietà e la cooperazione sono la nostra arma più potente per sconfiggere il virus.

Questa è la lezione chiave che il mondo ha imparato dalla lotta contro l’HIV/AIDS, l’Ebola, l’influenza aviaria, l’influenza A (H1N1) e altre importanti epidemie. E la solidarietà e la cooperazione sono un modo sicuro attraverso cui noi, le persone del mondo, possiamo sconfiggere questo nuovo coronavirus.

Signor Presidente,

La Cina appoggia la visione della costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. La Cina si assume la responsabilità di garantire non solo la vita e la salute dei propri cittadini, ma anche la salute pubblica globale. Per rafforzare la cooperazione internazionale contro COVID-19, vorrei annunciare quanto segue:

La Cina fornirà 2 miliardi di dollari in due anni per aiutare la risposta COVID-19 e lo sviluppo economico e sociale nei paesi colpiti, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

– La Cina collaborerà con le Nazioni Unite per creare un deposito e un hub di risposta umanitaria globale in Cina, garantire il funzionamento delle catene di approvvigionamento anti-epidemiche e promuovere “corridoi verdi” per il trasporto rapido e lo sdoganamento.

– La Cina istituirà un meccanismo di cooperazione per i suoi ospedali per allearsi con 30 ospedali africani e accelerare la costruzione del quartier generale dell’Africa CDC per aiutare il continente a rafforzare la propria capacità di preparazione e controllo delle malattie.

– Lo sviluppo e la distribuzione di vaccini COVID-19 in Cina, ove disponibili, saranno resi pubblici a livello mondiale. Questo sarà il contributo della Cina per garantire l’accessibilità dei vaccini nei paesi in via di sviluppo.

– La Cina lavorerà con altri membri del G20 per attuare l’iniziativa di sospensione del servizio di debito per i paesi più poveri. La Cina è anche pronta a collaborare con la comunità internazionale per sostenere il sostegno ai paesi più colpiti con la più grande tensione nel servizio del debito, in modo che possano superare le attuali difficoltà.

Per concludere, invito tutti noi a riunirci e lavorare insieme. Facciamo sforzi concertati per proteggere la vita e la salute delle persone in tutti i Paesi. Lavoriamo insieme per salvaguardare il pianeta Terra, la nostra casa comune. Lavoriamo insieme per costruire una comunità globale di salute per tutti!

Vi ringrazio.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Mario Bianchi

    L’invito alla cooperazione di Xi-Jinping è anche la risposta all’unilateralismo fuori tempo massimo della Casa bianca; la democratizzazione dei rapporti internazionali, di cui la Cina si sta facendo portavoce durante questa pandemia, è quanto mai urgente e indispensabile per evitare futuri disastri di ogni specie. In un’epoca di nani – come i banditi Trump e Pompeo – il presidente della RPC si sta rivelando come uno dei pochi statisti degni di considerazione presenti sulla Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.