Menu

Gli archivi nascosti del Pentagono rivelano i fallimenti negli attacchi aerei mortali

Poco prima delle 3 del mattino del 19 luglio 2016, le forze delle operazioni speciali americane hanno bombardato quelle che credevano essere tre “aree di sosta” dell’ISIS alla periferia di Tokhar, un borgo lungo il fiume nel nord della Siria. Hanno riferito di 85 combattenti uccisi.

In realtà, hanno colpito case lontane dalla linea del fronte, dove i contadini, le loro famiglie e altre persone locali hanno cercato un rifugio notturno dai bombardamenti e dagli spari. Più di 120 abitanti del villaggio sono stati uccisi.

All’inizio del 2017 in Iraq, un aereo da guerra americano ha colpito un veicolo di colore scuro, ritenuto un’autobomba, fermo a un incrocio nel quartiere Wadi Hajar di Mosul Ovest. In realtà, l’auto non portava una bomba, ma un uomo di nome Majid Mahmoud Ahmed, sua moglie e i loro due figli, che stavano fuggendo dai combattimenti nelle vicinanze. Loro e altri tre civili sono stati uccisi.

Nel novembre 2015, dopo aver osservato un uomo che trascinava un “oggetto pesante sconosciuto” in una “posizione di combattimento difensivo” dell’ISIS, le forze americane hanno colpito un edificio a Ramadi, in Iraq. Una revisione militare ha scoperto che l’oggetto era in realtà “una persona di piccola statura un bambino che è morto nell’attacco.

Nessuno di questi fallimenti mortali ha portato alla constatazione di un illecito.

Questi casi sono tratti da un archivio nascosto del Pentagono sulla guerra aerea americana in Medio Oriente dal 2014.

La carrellata di documenti – le valutazioni riservate dell’esercito su più di 1.300 rapporti di vittime civili, ottenuti dal New York Times – mette a nudo come la guerra aerea sia stata segnata da un’intelligence profondamente imperfetta, da un’individuazione dei bersagli affrettata e spesso imprecisa, e dalla morte di migliaia di civili, molti dei quali bambini, un netto contrasto con l’immagine del governo americano della guerra condotta da droni onniveggenti e bombe di precisione.

I documenti mostrano anche che, nonostante il sistema altamente codificato del Pentagono per esaminare le vittime civili, le promesse di trasparenza e responsabilità hanno lasciato il posto all’opacità e all’impunità. Solo in una manciata di casi le valutazioni sono state rese pubbliche.

Non un solo documento fornito include una constatazione di illecito o di azione disciplinare. Meno di una dozzina di pagamenti di risarcimento sono stati fatti, anche se molti sopravvissuti sono rimasti con disabilità che richiedono cure mediche costose. Gli sforzi documentati per identificare le cause profonde o le lezioni apprese sono rari.

La campagna aerea rappresenta una trasformazione fondamentale della guerra che ha preso forma negli ultimi anni dell’amministrazione Obama, in mezzo alla crescente impopolarità delle guerre eterne che hanno fatto più di 6.000 membri del servizio americano.

Gli Stati Uniti hanno scambiato molti dei loro “stivali sul terreno” con un arsenale di aerei diretti da controllori seduti ai computer, spesso a migliaia di chilometri di distanza. Il presidente Barack Obama l’ha chiamata “la campagna aerea più precisa della storia”.

Questa era la promessa: la “straordinaria tecnologia” dell’America avrebbe permesso all’esercito di uccidere le persone giuste facendo la massima attenzione a non danneggiare quelle sbagliate.

Il califfato dell’ISIS alla fine si è sgretolato sotto il peso dei bombardamenti americani. Per anni, la potenza aerea americana è stata cruciale per la sopravvivenza dell’assediato governo afgano. E mentre le morti in combattimento degli Stati Uniti diminuivano, le guerre lontane, e i loro costi civili, si allontanavano dalla vista e dalla mente della maggior parte degli americani.

A volte, rivelazioni sbalorditive hanno bucato il silenzio. Un’indagine del Times ha scoperto che un attacco di droni a Kabul in agosto, in cui gli ufficiali americani hanno detto di aver distrutto un veicolo carico di bombe, ha invece ucciso 10 membri di una famiglia afgana.

Il Times ha recentemente riferito che decine di civili sono stati uccisi in un bombardamento del 2019 in Siria che l’esercito ha nascosto alla conoscenza pubblica. Quell’attacco è stato ordinato da una cellula topsecret chiamata Talon Anvil che, secondo le persone che hanno lavorato con essa, ha spesso eluso le procedure volte a proteggere i civili. Talon Anvil ha eseguito una parte significativa della guerra aerea contro l’ISIS in Siria.

Il Pentagono pubblica regolarmente riepiloghi scarni di incidenti con vittime civili, e recentemente ha ordinato una nuova indagine di alto livello sull’attacco aereo in Siria del 2019. Ma nei rari casi in cui le mancanze sono riconosciute pubblicamente, tendono ad essere caratterizzate come sfortunate, inevitabili e non comuni.

In risposta alle domande del Times, il capitano Bill Urban, il portavoce del Comando Centrale degli Stati Uniti, ha detto che “anche con la migliore tecnologia del mondo, gli errori accadono, sia sulla base di informazioni incomplete o di una cattiva interpretazione delle informazioni disponibili. E noi cerchiamo di imparare da questi errori”. Ha aggiunto: “Lavoriamo diligentemente per evitare tali danni. Indaghiamo su ogni caso credibile. E ci dispiace per ogni perdita di vite innocenti”.

Ha descritto la minimizzazione del rischio di danni ai civili come “una necessità strategica così come un imperativo legale e morale”, spinto dal modo in cui queste vittime sono usate “per alimentare l’odio ideologico sposato dai nostri nemici nei conflitti successivi all’11 settembre e sovralimentare il reclutamento della prossima generazione di estremisti violenti”.

Eppure, ciò che i documenti nascosti mostrano è che i civili sono diventati le regolari vittime collaterali di un modo di fare la guerra finito male.

Per capire come questo sia successo, il Times ha fatto ciò che gli ufficiali militari ammettono di non aver fatto: ha analizzato le valutazioni delle vittime in aggregato per discernere i modelli di intelligence, processo decisionale ed esecuzione falliti.

Ha anche visitato più di 100 siti di vittime e intervistato decine di residenti sopravvissuti e funzionari americani attuali ed ex. Nei prossimi giorni, la seconda parte di questa serie – “The Civilian Casuality Files” – traccerà questi viaggi attraverso le zone di guerra dell’Iraq e della Siria.

Presi insieme, i rapporti offrono il ritratto più ampio, e anche il più granulare, di come la guerra aerea è stata perseguita e studiata – e del suo costo civile.

Non c’è modo di determinare l’intero costo, ma una cosa è certa: è molto più alto di quanto il Pentagono abbia riconosciuto. Secondo il conteggio dell’esercito, 1.417 civili sono morti in attacchi aerei nella campagna contro l’ISIS in Iraq e Siria; dal 2018 in Afghanistan, le operazioni aeree statunitensi hanno ucciso almeno 188 civili.

Ma l’analisi dei documenti fatta dal Times  ha scoperto che molte accuse di vittime civili sono state sommariamente scontate, con scarsa valutazione. E il rapporto sul campo – che coinvolge un campione di casi respinti, casi ritenuti “credibili” e, in Afghanistan, casi non inclusi nella raccolta di documenti del Pentagono – ha trovato centinaia di morti non contati.

La guerra di precisione non prometteva che i civili non sarebbero morti. Ma prima di approvare un attacco, i militari devono intraprendere elaborati protocolli per stimare ed evitare danni ai civili; qualsiasi perdita civile prevista deve essere proporzionale al vantaggio militare ottenuto. E le bombe di precisione americane sono davvero precise: colpiscono i loro obiettivi con una precisione quasi assoluta.

I documenti, insieme al resoconto sul campo del Times, illustrano i molti, spesso disastrosi modi in cui le previsioni dei militari sui pericoli per i civili si rivelano sbagliate. Le loro lezioni sono raramente imparate, questi fallimenti di intelligence e sorveglianza si ripetono ancora e ancora.

Ripetutamente i documenti indicano il fenomeno psicologico del “bias di conferma” – la tendenza a cercare e interpretare le informazioni in modo da confermare una credenza preesistente. Le persone che si precipitavano verso un nuovo sito di bombardamento sono state assunte come combattenti dell’ISIS, non come soccorritori civili.

Gli uomini in moto che si muovevano “in formazione”, mostrando la “firma” di un attacco imminente, erano semplicemente uomini in moto.

Spesso, il pericolo per i civili si perde nell’abisso culturale che separa i soldati americani dalla popolazione locale. “Nessuna presenza civile” è stata rilevata quando, in realtà, le famiglie dormivano durante i giorni del digiuno del Ramadan, si riparavano all’interno contro il caldo di mezza estate o si riunivano in una sola casa per proteggersi quando i combattimenti si intensificavano.

In molti casi, i civili erano visibili nei filmati di sorveglianza, ma la loro presenza non è stata osservata dagli analisti o non è stata notata nelle comunicazioni prima di un attacco. Nei registri di chat che accompagnano alcune valutazioni, i soldati possono sembrare come se stessero giocando ai videogiochi, in un caso esprimendo gioia per arrivare a sparare in una zona apparentemente “piena” con i combattenti ISIS – senza individuare i bambini in mezzo a loro.

Il portavoce militare, il capitano Urban, ha sottolineato che “in molte situazioni di combattimento, dove i responsabili dei bersagli affrontano flussi di minacce credibili e non hanno il lusso del tempo, la nebbia della guerra può portare a decisioni che tragicamente portano a danni ai civili”.

Infatti, i documenti del Pentagono dettagliano come a Mosul, nel 2016, tre civili sono stati uccisi quando una bomba mirata a un’auto invece ne ha colpiti tre – in parte perché l’ufficiale militare che ha approvato l’attacco aveva deciso di risparmiare armi più precise per altri attacchi imminenti. Eppure l’analisi del Times dei documenti e dei rapporti di terra ha mostrato che i civili sono stati spesso uccisi in attacchi aerei pianificati con largo anticipo.

Gli ufficiali militari parlano spesso delle loro capacità di sorveglianza a lungo raggio “oltre l’orizzonte”. Ma i documenti identificano ripetutamente carenze nella qualità e quantità delle riprese video che guidano l’intelligence.

A volte, solo pochi secondi di filmati sono stati ripresi prima di un attacco, appena sufficienti per valutare la presenza di civili. Spesso i video girati dall’alto non mostrano persone all’interno di edifici, persone sotto il fogliame, persone sotto le coperture di alluminio o teloni conosciuti come “quamaria” che proteggono le auto e le bancarelle del mercato dal sole.

In più della metà dei casi ritenuti credibili dai militari, uno o due civili sono stati uccisi entrando nell’area bersaglio dopo che un primo colpo era stato sparato. Gli ufficiali spesso descrivono questi come incidenti terribili ma ineluttabili. Ma mentre molti avrebbero potuto essere evitati attraverso precauzioni aggiuntive – allargando il campo visivo della telecamera di sorveglianza o schierando altri droni – il fenomeno è continuato senza sosta, tra il ritmo intenso della battaglia e la carenza di aerei di sorveglianza.

E a volte, per ragioni redatte nei documenti, le armi semplicemente mancano. Nell’aprile 2016 i militari hanno riferito di aver ucciso un noto reclutatore australiano dell’ISIS, Neil Prakash, in un attacco su una casa a Mosul Est. Mesi dopo, molto vivo, è stato arrestato mentre attraversava dalla Siria alla Turchia. Quattro civili sono morti nell’attacco, secondo il Pentagono.

Eppure, nonostante questo costo inesorabile, il sistema militare per esaminare le vittime civili raramente funziona come uno strumento per insegnare o valutare le colpe.

Non solo le registrazioni non contengono alcun riscontro di illeciti o azioni disciplinari, ma in un solo caso c’è una “possibile violazione” delle regole di ingaggio. Ciò è derivato da una violazione nella procedura di identificazione di un bersaglio. Le indagini complete sono state raccomandate in meno del 12% dei casi credibili.

In molti casi, il comando che ha approvato un attacco era responsabile anche dell’esame. E questi esami erano spesso basati su prove errate o incomplete. Gli ufficiali militari hanno intervistato i sopravvissuti o i testimoni solo in due casi. I rapporti sulle vittime civili sono stati regolarmente respinti perché il video non mostrava corpi tra le macerie, ma il filmato era spesso troppo breve per fare una vera determinazione.

Nella sua risposta al Times, il capitano Urban ha detto: “Un errore onesto, su un attacco preso con le migliori informazioni disponibili e in linea con i requisiti della missione che risulta in vittime civili, non è, di per sé, un motivo per azioni disciplinari come stabilito dalla legge del conflitto armato”.

I funzionari americani hanno avuto l’opportunità di estrarre i documenti alla ricerca di cause e modelli di errore nel 2018, quando i Capi di Stato Maggiore e la National Defense University hanno intrapreso uno studio sulle morti civili. Ma uno dei ricercatori che ha cercato di analizzare i documenti in aggregato ha detto al Times che quasi tutte le sue scoperte sono state tagliate dal rapporto. Un altro studio di alto livello sulla campagna aerea non è mai stato reso pubblico.

Alla fine, ciò che emerge dalle oltre 5.400 pagine di documenti è l’accettazione istituzionale di un inevitabile pedaggio collaterale. Nella logica dei militari, un attacco, per quanto mortale per i civili, è accettabile fintanto che è stato adeguatamente deciso e approvato – la proporzionalità del guadagno militare al pericolo civile pesato – in conformità con la catena di comando.

Lawrence Lewis, l’ex consigliere del Pentagono e del Dipartimento di Stato la cui analisi per lo studio del 2018 è stata cassata, ha detto in un’intervista che la prodezza tecnologica dell’esercito, e il sistema altamente burocratizzato per valutare come viene impiegato, può effettivamente servire uno scopo non dichiarato: creare un maggiore spazio legale e morale per un rischio maggiore.

Ora possiamo colpire nelle strade delle città, perché abbiamo missili Hellfire, e abbiamo cose fantasiose con le lame”, ha detto. “Sviluppiamo tutte queste capacità, ma non le usiamo per ridurre il rischio per i civili. Le usiamo solo per poter fare attacchi che forse prima non potevamo fare”.

La promessa di precisione

Il nuovo modo di fare la guerra si è realizzato sulla scia dell’ondata di truppe americane in Afghanistan del 2009, che ha portato un po’ di stabilità ma non ha mai trasformato la guerra.

Alla fine del 2014, con la fine della missione della NATO, il presidente Obama ha dichiarato che la guerra di terra americana era essenzialmente finita. D’ora in poi, gli Stati Uniti avrebbero fornito principalmente supporto aereo e consulenza alle forze afgane che combattono i talebani.

Più o meno nello stesso periodo, quando i combattenti dello Stato Islamico hanno invaso Mosul e massacrato migliaia di curdi yazidi sul monte Sinjar, Obama ha autorizzato una campagna di attacchi aerei contro gli obiettivi dell’ISIS e a sostegno delle forze alleate in Iraq e Siria.

Difficilmente l’armamento non era testato. Questo arsenale hightech, sempre più sofisticato, era stato fondamentale per il successo nella guerra del Golfo Persico del 1991, nella campagna della NATO del 1999 nei Balcani, e più recentemente in Yemen e Somalia. Al tempo delle guerre in Medio Oriente, il drone MQ9 Reaper, equipaggiato con missili Hellfire a guida laser, era diventato il veicolo di sorveglianza e di attacco preferito.

A un ritmo sempre più rapido nei cinque anni successivi, e mentre l’amministrazione di Obama lasciava il posto a quella di Donald J. Trump, le forze americane avrebbero eseguito più di 50.000 attacchi aerei in Iraq, Siria e Afghanistan, in conformità con un rigoroso processo di approvazione che privilegiava l’essere “discriminato”, “proporzionale” e in conformità con la legge del conflitto armato. Non solo sarebbe stata la campagna aerea più precisa di sempre, ma anche la più trasparente.

L’unico resoconto ufficiale di questa promessa sono i documenti nascosti del Pentagono.

Sono stati ottenuti attraverso richieste di libertà d’informazione a partire da marzo 2017 e cause legali intentate contro il Dipartimento della Difesa e il Comando Centrale degli Stati Uniti. Ad oggi, il Times ha ricevuto 1.311 di almeno 2.866 rapporti – noti come valutazioni di credibilità – che esaminano gli attacchi aerei in Iraq e Siria tra settembre 2014 e gennaio 2018. Le richieste di rapporti dall’Afghanistan sono oggetto di una nuova causa giudiziaria.

Ogni rapporto è il frutto di un processo di revisione che inizia quando un potenziale incidente con vittime civili viene identificato dai militari o, più frequentemente, presunto da una fonte esterna – un’organizzazione non governativa, una notizia o un social media.

Gli esperti di valutazione classificano le accuse in due categorie. Un caso è “credibile” se si ritiene “più probabile che non” che l’attacco aereo abbia causato vittime civili. Nei rapporti esaminati dal Times, 216 casi sono stati considerati credibili. I casi “non credibili” non soddisfano questo standard – spesso perché non c’è alcuna registrazione di un attacco nel luogo e nel momento in questione, o perché le prove disponibili sono considerate insufficientemente specifiche o semplicemente deboli.

Finora, meno di 20 di queste valutazioni che risalgono alla fine del 2014 sono state rese pubbliche.

Per valutare le valutazioni dei militari, tra la fine del 2016 e lo scorso giugno, il Times ha visitato i siti di 60 incidenti ritenuti credibili in Iraq e Siria, così come altre tre dozzine ritenuti non credibili o non ancora valutati. Ha anche visitato decine di siti d’attacco in Afghanistan. In 35 casi credibili, è stato possibile localizzare l’area precisa di impatto e trovare sopravvissuti e testimoni sul terreno. Poi il rapporto includeva la visita ai rottami, la raccolta di prove fotografiche e video, e la verifica delle vittime attraverso i certificati di morte, i documenti di identità del governo e le cartelle cliniche.

Spesso il resoconto corrispondeva strettamente alle informazioni di base dei documenti. Ma i resoconti dettagliati che alla fine sono emersi dal terreno distrutto erano spesso in netto contrasto con quanto era stato valutato dal cielo.

“È tempo di giocare?

> quest’area è piena di gente

Era il 13 gennaio 2017, e la battaglia per Mosul Est avrebbe presto raggiunto il quartiere di alFaisaliya. Le forze irachene erano a 120 metri di distanza; più indietro, una squadra di terra americana stava aiutando a coordinare il supporto aereo.

A Erbil e a Doha, in Qatar, un controllore di terra e i membri dell’equipaggio aereo digitavano messaggi, aiutando a soddisfare la serie di direttive di combattimento e le regole del processo di attacco:

> adm in kp 9 ha il suo fucile appoggiato al muro

Un maschio adulto si è appoggiato al muro di un tetto, il suo fucile accanto a lui, poi è stato visto sparare verso sud prima che due uomini lo raggiungessero.

> è tempo di giocare?

Il controllore di terra ha chiesto quanto tempo l’equipaggio aveva nell’area dell’obiettivo. La risposta è stata cancellata.

Un uomo è stato visto correre dentro un edificio, poi fuori.

> slant dell’edificio (cancellato)

Lo “slant” – il numero di uomini, donne e bambini osservati – fu digitato nella chat. Quattro uomini, una donna e tre bambini in un edificio sarebbe “bldg slant 4/1/3. Questo è lo slant che è stato redatto.

Le coordinate sono state inserite per quello che ora è stato valutato come un edificio utilizzato dall’ISIS.

> cancellato a caldo

L’autorizzazione ad attaccare è stata concessa, e l’arma – il tipo esatto è stato redatto – ha sparato.

> splash

Cinque secondi all’impatto.

Sono stati osservati due “squirters” – persone in fuga da un sito bomba: uno che correva dall’edificio, l’altro che tornava dentro. Il drone ha seguito gli uomini, sparando su uno di loro, ma ha sparato troppo in alto. Ha sparato di nuovo, poi si è rivolto ad altri quattro.

L’azione è continuata – una serie di attacchi agli uomini che sfrecciavano nella zona, fino a quando il drone tornò all’edificio e colpì di nuovo.

> l’edificio è stato completamente distrutto

Verso la fine, sono stati osservati uomini salire su un furgone.

> sembrano anche dei bambini

La guerra contro l’ISIS ha annunciato l’alba delle “cellule d’attacco” – centri operativi remoti da cui la maggior parte degli attacchi aerei erano diretti e controllati. Queste stanze di guerra sinergizzavano la miriade di giocatori – piloti, operatori di sensori, esperti di intelligence, forze di terra, specialisti di armi, analisti di mitigazione delle vittime civili, avvocati, persino ufficiali meteo.

Le cellule d’assalto si vantavano a volte del fatto che, con i loro feed video e gli aerei di sorveglianza, potevano capire cosa stava accadendo sul campo di battaglia così bene come se fossero stati lì loro stessi.

Quando la guerra si intensificò e i comandanti di terra ottennero una maggiore autorità per chiamare gli attacchi, le cellule si espansero, con un piccolo numero di americani incorporati con gli alleati sul campo di battaglia.

Le cellule sono state viste come un tale successo che si sono fatte strada anche in Afghanistan. E mentre l’amministrazione Trump cercava di fare pressione sui talebani per un accordo, l’autorità decisionale per gli attacchi aerei veniva spesso spinta più in basso nella catena di comando.

Le cellule hanno condotto “attacchi dinamici” – identificati ed eseguiti in pochi minuti o ore nel flusso della guerra, che rappresentano la stragrande maggioranza della campagna aerea. Gli attacchi “deliberati”, che erano prepianificati – ampiamente controllati, spesso filmati per settimane o mesi e analizzati da diversi gruppi di lavoro – sono diminuiti nel tempo.

In entrambi gli scenari, il processo di individuazione del bersaglio (“targeting” in inglese) si riduceva essenzialmente a due domande: il presunto obiettivo nemico poteva essere identificato con certezza? E qualsiasi danno ai civili sarebbe stato proporzionato, in linea con la legge del conflitto armato – o avrebbe superato il “previsto vantaggio militare ottenuto”?

Per l’identificazione positiva, l’ufficiale designato con l’approvazione del colpo aveva bisogno di una “ragionevole certezza” che l’obiettivo svolgesse una funzione per l’avversario. Questo potrebbe essere relativamente semplice, come quando l’obiettivo era un caccia che sparava direttamente sulle forze amiche. Ma un obiettivo più ambiguo, come un sospetto quartier generale dell’ISIS, potrebbe richiedere ulteriore sorveglianza.

Per determinare la proporzionalità, gli analisti valutavano se l’obiettivo era usato esclusivamente dal nemico o poteva essere usato anche dai civili, poi valutavano il “modello di vita” dei civili. Infine, avrebbero calcolato quanti civili avrebbero potuto essere uccisi o feriti.

Per gli attacchi deliberati, questo generalmente comportava un’esauriente “stima dei danni collaterali”, un calcolo computerizzato del numero previsto di vittime civili, basato su un mix di fattori: il modello di vita, la densità della popolazione, l’arma specifica utilizzata, il tipo di struttura presa di mira – un edificio di cemento, un capannone di alluminio, una capanna di fango. L’ufficiale che approva l’attacco peserebbe questa stima con altri fattori, come il potenziale di esplosioni secondarie da materiali esplosivi nelle vicinanze.

Per gli attacchi dinamici, il processo potrebbe essere notevolmente compresso. Soprattutto se c’era una minaccia per le forze amiche o qualche altra urgenza, le cellule d’attacco erano più propense a fare affidamento su una valutazione improvvisata di un feed video.

In ogni caso, sulla base di questo calcolo, i militari erano tenuti a prendere “precauzioni fattibili” per mitigare i danni ai civili. Maggiore era la probabilità che qualcuno si trovasse nel posto sbagliato al momento sbagliato, più precauzioni venivano prese – ad esempio, schierando armi più precise per limitare il raggio dell’esplosione o attaccando quando si prevedeva che fossero presenti meno civili.

I militari non forniscono una definizione precisa di ciò che è proporzionale. Essenzialmente, il costo previsto per i civili era proporzionale se l’ufficiale che effettuava tale determinazione credeva ragionevolmente che lo fosse, e se non superava un “valore limite per i non combattenti”. Altrimenti, dicono gli ufficiali, l’obiettivo sarebbe stato scartato.

L’ultimo passo ufficiale era una revisione legale. Ma gli sforzi per proteggere i civili potevano continuare fino a pochi istanti prima che un missile venisse sparato. Dalla cabina di pilotaggio, i piloti potevano scegliere come far esplodere un colpo – all’impatto o con una spoletta ritardata. O potrebbero chiamare un “aborto”, se, per esempio, un civile è stato visto camminare nell’area del bersaglio.

Nelle giuste circostanze, questo processo poteva risultare in un colpo così preciso da distruggere la sezione di una casa piena di combattenti nemici e lasciare intatto il resto dell’edificio.

Mentre le forze irachene si avvicinavano alla casa di Qusay Saad a Mosul Est il 12 gennaio 2017, l’ISIS ha costretto la sua famiglia a spostarsi in una zona ancora sotto il suo controllo. Hanno trovato rifugio nella casa abbandonata di suo fratello ad alFaisaliya.

Attraverso una notte di spari ed esplosioni, il signor Saad e sua moglie, Zuhour, hanno confortato i loro tre figli e pregato che le forze irachene li raggiungessero. Poi l’ISIS ha ordinato loro di spostarsi di nuovo, in una scuola abbandonata accanto con altre due famiglie. Quello era l’edificio osservato nella chat del 13 gennaio 2017.

Il primo attacco aereo ha colpito mentre la famiglia Saad si sedeva a colazione. Il signor Saad ricorda i blocchi di cemento che premono sulla sua testa, e sua moglie che urla. Un uomo di una delle altre famiglie sollevò i blocchi, e lui strappò rapidamente sua figlia di 14 mesi, Aisha, dalle macerie e la diede a sua moglie.

Il secondo colpo è arrivato proprio quando si è girato per liberare suo figlio di 7 anni, Muhammad.

Il colpo è stato incredibile”, ha detto. “Un’intera casa di tre piani è stata schiacciata”.

Tre membri di un’altra famiglia sono scappati. Il signor Saad non ha potuto trovare sua moglie, il loro figlio di 4 anni, Abdulrahman, o Aisha. Ma Muhammad era vivo, con la coscia aperta. Sanguinando dalla testa, il signor Saad raccolse il bambino e fuggì.

Sarebbero passati due mesi prima che potesse recuperare i corpi. Il governo iracheno non ha offerto alcun aiuto. Così la famiglia pagò per scavare il sito. Il signor Saad guardò mentre sua moglie e i suoi due figli più piccoli venivano tirati fuori. Mancava la testa di Aisha, ma il suo corpicino era tra le braccia della madre.

Sono stati sepolti non lontano dalla loro casa, che il signor Saad ha mantenuto com’era quando ci vivevano tutti. A volte, ha detto suo fratello, passa intere notti al cimitero.

Il mese scorso, il Times gli ha raccontato i risultati della valutazione dell’esercito, che offre questo resoconto: l’obiettivo era un edificio valutato come sede di quattro combattenti dell’ISIS. Una revisione delle immagini ha rivelato che dopo il primo colpo, che a causa di un “malfunzionamento dell’arma” ha fatto crollare solo parzialmente l’edificio, quattro adulti e quattro bambini potevano essere visti muoversi nel suo centro. L’edificio è stato colpito di nuovo ed è crollato completamente.

Più tardi, tre persone sono emerse. La squadra d’assalto non ha segnalato alcun civile nelle vicinanze, e a causa dell’angolazione del drone, la vista delle otto persone nell’edificio dopo il primo colpo “era oscurata”.

L’accusa è stata ritenuta credibile, con otto civili uccisi, ma non sono state ordinate ulteriori indagini. Anche otto “nemici” sono stati uccisi, dice il documento.

Quando gli è stato detto delle scoperte dell’esercito, il signor Saad non poteva capire come un militare con una tale ricchezza di informazioni potesse non vederle – o come l’inseguimento di combattenti che non ha mai visto potesse giustificare il livellamento di un edificio pieno di famiglie. Se gli americani gli avessero mostrato il video, ha detto, avrebbe mostrato loro Mosul.

Devono venire qui e vedere con i loro occhi”, ha detto, aggiungendo: “Quello che è successo non è stata una liberazione. È stata la distruzione dell’umanità”.

Come avvengono i fallimenti mortali

Lo scorso maggio, l’ispettore generale del Pentagono ha completato un rapporto classificato che valuta le politiche per garantire che “solo obiettivi militari validi siano colpiti” e che “i danni alla proprietà e la perdita di vite civili siano mitigati nella misura massima possibile”.

Una versione ridotta, che fa eco a studi simili di altre agenzie negli ultimi anni, dichiara che il processo di targeting è solido.

Le valutazioni del Pentagono raccontano una storia molto più ricca.

I documenti spesso non articolano cause precise, e in molti casi, diversi fattori si sono coalizzati in un fallimento mortale. Ma l’analisi del Times dei 216 casi ritenuti credibili, insieme ai suoi rapporti sul campo, rivela diversi modelli distinti di fallimento.

Identificazione errata dei civili

L’identificazione positiva del nemico è uno dei pilastri del processo di targeting, eppure i normali cittadini sono stati abitualmente scambiati per combattenti.

In una nota di dissenso allo studio dei Joint Chiefs del 2018, il signor Lewis e un collega hanno citato una ricerca che dimostra che l’errata identificazione è una delle due principali cause di vittime civili nelle operazioni militari americane. Con poche truppe sul terreno, hanno scritto, “è ragionevole aspettarsi un sistematico sottoconteggio delle identificazioni errate nei rapporti militari statunitensi”.

Infatti, secondo i registri del Pentagono, gli errori di identificazione sono stati coinvolti solo nel 4% dei casi. Nei siti delle vittime visitati dal Times, l’errore di identificazione è stato un fattore importante nel 17% degli incidenti, ma ha rappresentato quasi un terzo dei morti e dei feriti civili.

A volte, l’errore implicava un’intelligenza veloce di una minaccia imminente. Nel campione di terra del Times, però, l’errore di identificazione si è verificato altrettanto frequentemente in scioperi pianificati con largo anticipo – come in un attacco del gennaio 2017 su un “quartier generale dei foreign fighters” dell’ISIS a Mosul Est che ha ucciso 16 persone in quelle che si sono rivelate essere tre case civili. Tre edifici dell’ISIS in fondo alla strada non furono toccati.

Eppure, caso dopo caso, l’identificazione errata sembra essere meno una questione di confusione che di bias di conferma.

Questo è quello che è successo il 20 novembre 2016, dopo che una task force di operazioni speciali ha ricevuto una segnalazione di una fabbrica di esplosivi dell’ISIS in un villaggio siriano a nord di Raqqa. In un complesso murato, gli operatori hanno individuato “sacchi bianchi”, valutati come nitrato di ammonio.

Due camion con una dozzina di uomini sono partiti, si sono fermati a vari posti di blocco dell’ISIS, hanno guidato verso un edificio “associato a precedenti attività dell’ISIS”, poi sono tornati al complesso.

Il primo attacco ha preso di mira un camion, che ha causato “esplosioni secondarie”. Sulla base di quelle esplosioni e dei “sacchi bianchi”, gli operatori hanno ricevuto l’approvazione per colpire tre edifici. Dopo l’impatto, due “squirters” fuggirono dall’edificio più occidentale. Quell’edificio e un altro furono colpiti di nuovo.

I risultati della revisione dell’esercito, iniziata dopo i rapporti online che un attacco nella stessa zona aveva ucciso nove civili e ferito più di una dozzina, contraddicevano quasi tutte le informazioni originali.

Esaminando le scansioni del composto, gli analisti non hanno rilevato nitrato di ammonio. Le presunte esplosioni secondarie erano in realtà riflessioni da un edificio vicino, e uno degli “squirters” era un bambino.

Infine, un lasso di tempo di sei mesi di immagini ha mostrato che il composto era “più probabilmente una sgranatrice di cotone che una fabbrica” di esplosivi. Due civili sono stati uccisi, dice il rapporto. La task force ha continuato a chiamare la sgranatrice un obiettivo legittimo, citando una notizia secondo cui l’ISIS controllava tre quarti della produzione di cotone della Siria.

Diversi mesi dopo, in Iraq, le forze americane hanno ricevuto informazioni su una sospetta autobomba – un veicolo pesantemente blindato di colore scuro che si muoveva nel quartiere Wadi Hajar di Mosul ovest.

Esaminando un feed di sorveglianza, un coordinatore del supporto aereo ha rapidamente individuato una possibile corrispondenza: un veicolo verde i cui finestrini sembravano essere coperti. Non ha visto alcun segno di blindatura rinforzata, ma ha identificato positivamente sia l’auto verde che un veicolo bianco che seguiva da vicino come autobombe.

Entrambi i veicoli si allontanarono dalla prima linea e si fermarono a un incrocio dove diverse persone erano riunite su un tratto coperto di marciapiede. Il conducente della prima auto scese e si unì al gruppo. L’autorità di destinazione ha approvato l’attacco.

Il veicolo preso di mira “ha subito un colpo diretto”, secondo la valutazione militare. Il gruppo sul marciapiede “ha subito effetti delle armi”.

Ma la revisione del filmato non ha trovato alcuna prova che il veicolo fosse un’autobomba. Non c’era un’esplosione secondaria rivelatrice. Né l’auto era pesantemente blindata. E anche se le persone sul marciapiede erano visibili nel filmato, non sono mai state menzionate nella chiacchierata prima dell’attacco.

Il quadro completo, che il team di puntamento coinvolto nell’attacco non ha visto, è emerso quando il Times ha visitato Wadi Hajar all’inizio di quest’anno.

Ordinato dall’ISIS di lasciare il quartiere, Majid Mahmoud Ahmed, sua moglie e due bambini si erano ammassati nella loro Opel Astra station wagon blu – non verde. Seguendo da vicino in un’auto bianca c’erano suo fratello, Firas, e la sua famiglia. A un incrocio dove si erano radunati altri residenti in fuga, il signor Ahmed ha visto il suo amico Muhammad Jamaal Muhammad che salutava ed è sceso per dire ciao. Mentre un altro vicino si avvicinava, l’attacco aereo ha colpito.

Ricordo che c’è stata una grande esplosione e sono svenuto”, ha ricordato Abdul Hakeem Abdullah Hamash Al Aqidi, un uomo anziano che era stato vicino alla sua porta all’incrocio. Ha perso un occhio e ha dovuto farsi impiantare una placca nella gamba sinistra ferita. La gamba sinistra di suo figlio ha dovuto essere amputata.

In tutto, sette persone del posto – compresi i quattro membri della famiglia Ahmed – sono state uccise. Il signor Mohamed, che aveva salutato il signor Ahmed, non può scacciare dalla sua mente l’immagine della moglie del suo amico, Hiba Bashir, bruciata sul sedile, tenendo ancora in grembo il figlio neonato.

Il portavoce militare, il capitano Urban, ha riconosciuto che “i bias di conferma sono una vera preoccupazione”, citando l’attacco aereo di Kabul in agosto che ha ucciso i 10 membri di una famiglia. “C’è più lavoro da fare su questo”, ha detto.

Mancato rilevamento dei civili

Se l’esercito spesso scambiava i civili per combattenti nemici, spesso semplicemente non riusciva a vedere o capire che erano lì. Questo è stato un fattore in un quinto dei casi nei documenti del Pentagono, e in una frazione leggermente inferiore delle vittime. Tuttavia, ha rappresentato il 37% dei casi credibili, e quasi tre quarti del totale dei morti e feriti civili nei siti visitati dal Times.

Il capitano Urban ha detto che il processo di targeting è stato notevolmente complicato dai nemici che “pianificano, si procurano risorse e si basano nella e tra la popolazione locale”.

Non si presentano in grandi formazioni”, ha aggiunto, “non combattono le forze della coalizione con tattiche convenzionali, e usano la geografia e il terreno in modi non favorevoli in ogni modo a facili soluzioni di targeting. Inoltre, spesso e deliberatamente usano i civili come scudi umani, e non aderiscono a nulla di lontanamente simile alla legge del conflitto armato a cui aderiamo”.

Anche così, i documenti mostrano che spesso, invece di una sorveglianza estesa, gli analisti si basavano su brevi “scansioni collaterali” – di appena 11 secondi – per determinare che i civili non erano nella zona. Le riprese erano spesso limitate dalla carenza di droni di sorveglianza, in particolare durante le battaglie per riprendere Mosul e Raqqa.

In un certo numero di casi, gli obiettivi che erano stati inseriti nelle “nostrike list” perché attaccarli avrebbe violato le leggi di guerra – una scuola, un panificio, un ospedale civile – sono stati rimossi dopo che i militari hanno erroneamente giudicato che erano ormai utilizzati esclusivamente dal nemico.

A Mosul nel febbraio 2017, un ospedale è stato tolto dalla lista dopo che i militari hanno concluso che i civili avevano lasciato l’area, e che l’edificio veniva usato solo come quartier generale dell’ISIS e centro di propaganda. La settimana prima dell’attacco, secondo il rapporto, gli analisti avevano esaminato immagini fisse di bambini che “interagivano” con l’ospedale, ma avevano determinato che colpire di notte avrebbe “alleviato le preoccupazioni collaterali”. Quattro civili sono stati uccisi e sei feriti.

Per gli analisti militari, studiare il “modello di vita” è un passo cruciale per prevedere i danni collaterali. Ma esaminare i documenti e intervistare la gente del posto significa capire quanto spesso i civili invisibili avrebbero potuto essere visti, o la loro presenza almeno sospettata, se i militari avessero avuto una conoscenza più intima del tessuto bellico della vita quotidiana.

In alcuni documenti, come prova dell’assenza di presenza civile, gli ufficiali militari affermano che la gente usciva di casa al suono degli aerei in avvicinamento. La realtà è molto diversa: i vicini si riunivano insieme, cercando un rifugio comune in una casa o in un gruppo di case, invisibile ai droni di sorveglianza.

Molti degli attacchi aerei più letali sono avvenuti in questo modo. Tra questi, l’attacco al villaggio siriano di Tokhar.

Nel luglio 2016, una task force delle Operazioni Speciali ha identificato un grande gruppo di combattenti dell’ISIS a due chilometri da dove le forze sostenute dagli Stati Uniti stavano combattendo l’ISIS. Hanno osservato i combattenti viaggiare in pickup noti come “camion bongo” verso tre “aree di sosta” dove non erano presenti civili. I combattenti, hanno concluso, si stavano radunando per un contrattacco.

Poco prima delle 3 del mattino, hanno bombardato le tre aree di sosta e cinque veicoli, sicuri di aver ucciso 85 combattenti dell’ISIS.

Quasi immediatamente, i rapporti di un vasto numero di morti civili sono apparsi online. La task force ha condotto un’indagine completa e ha determinato che tra sette e 24 civili “mescolati ai combattenti” potrebbero essere stati uccisi.

Il Times ha visitato Tokhar nel dicembre 2018. Gli abitanti del villaggio sopravvissuti hanno dato questo resoconto: quella notte, come ogni notte per un mese, circa 200 abitanti del villaggio avevano camminato fino al bordo esterno della frazione e si erano rifugiati in quattro case nel punto più lontano dalla battaglia sempre più veloce.

Non c’erano prove, hanno detto, che l’ISIS fosse stato vicino a nessuna delle quattro case. Infatti, i residenti hanno detto che i droni hanno volato sopra di loro per settimane, dando loro conforto che le forze della coalizione sapevano che erano lì.

Il Times ha documentato i nomi dei civili uccisi in ciascuna delle quattro case, corroborando i dettagli con informazioni di fonte aperta, giornalisti locali e altri sul terreno, e ha determinato che più di 120 persone sono morte. Erano rimasti pochi giovani per estrarre i corpi dalle macerie. Ci sono volute quasi due settimane, e ancora alcuni non sono stati trovati.

Se il bilancio completo delle vittime fosse riconosciuto, Tokhar sarebbe il più grande incidente con vittime civili che gli Stati Uniti hanno ammesso nella guerra aerea contro l’ISIS.

Saif Saleh, 8 anni all’epoca, si svegliò quella mattina presto alle pareti che crollavano, il suo braccio intrappolato sotto i detriti. I suoi genitori hanno esaurito ogni favore per raccogliere 6.000 dollari per un intervento chirurgico per innestare la pelle della sua gamba.

Alla domanda su cosa vorrebbe dire ai militari americani, il padre di Saif ha detto: “Vogliamo dire che dovreste essere sicuri che la zona sia vuota o che non ci siano civili prima di bombardare”.

L’indagine militare ha trovato che non c’erano prove di negligenza o di illecito; che le “politiche, procedure e pratiche” erano “sufficienti per continuare le operazioni”; e che “non erano necessarie ulteriori azioni”. Nessun pagamento di condoglianze fu autorizzato.

Trascurare l’intelligenza imperfetta

Spesso, i civili sono stati uccisi in attacchi eseguiti di fronte a informazioni incomplete, obsolete o ambigue. Molti di questi fattori si sono riuniti in un attacco che ha ucciso almeno 10 civili a Tabqa, in Siria, nel marzo 2017.

Mentre le forze sostenute dagli americani si preparavano a riconquistare la città, a ovest di Raqqa, gli ufficiali militari hanno approvato scioperi su un gruppo di obiettivi dell’ISIS: due quartieri generali, una stazione di polizia e una fabbrica di armi. Ogni attacco è andato come previsto, secondo le valutazioni iniziali. Poi sono arrivate le notizie di vittime civili.

La revisione militare ha scoperto che l’intelligence per entrambi i quartieri generali era basata su singoli rapporti di mesi prima. Gli obiettivi erano stati identificati prima, ma per un vantaggio strategico, i comandanti avevano deciso di aspettare fino a quando le Forze Democratiche Siriane stavano spingendo verso Tabqa.

Il rapporto di intelligence sul primo edificio avvertiva che non c’erano prove “sufficienti” per corroborare il giudizio, su cui ci si basava per rimuovere l’edificio da una lista di obiettivi limitati, che era usato solo dall’ISIS; il rapporto diceva semplicemente che un emiro dell’ISIS aveva frequentato il sito.

Allo stesso modo, la revisione ha trovato che l’intelligence non supportava l’opinione che il secondo quartier generale fosse usato esclusivamente dall’ISIS. Inoltre, anche se entrambi i quartieri generali si trovavano in aree densamente popolate con strutture residenziali nelle vicinanze, non c’erano filmati sufficienti per valutare la presenza di civili – un minuto di video del primo obiettivo e meno di due del secondo.

La revisione ha anche sollevato seri dubbi sulla qualità dell’intelligence per gli altri due obiettivi.

Video difettosi

A volte, il problema era meno la quantità di video che la qualità.

Gli analisti del Combined Air Operations Center dell’esercito in Qatar lo hanno visto chiaramente quando hanno esaminato 17 minuti di filmati sgranati che hanno preceduto un attacco del 13 novembre 2015 su una “posizione di combattimento difensiva” dell’ISIS a Ramadi.

Usando la TV ad alta definizione da 62 pollici del centro, hanno concluso che quello che era stato identificato come un “oggetto pesante sconosciuto” che veniva trascinato in un edificio era in realtà “una persona di piccola statura”, “coerente con come un bambino apparirebbe in piedi accanto a un adulto”.

Spesso la telecamera di sorveglianza aerea non ha visto persone semplicemente sedute o in piedi sotto qualcosa, facendo le cose più quotidiane.

15 giugno 2016: un combattente dell’ISIS su una moto ha girato su una strada secondaria vicino all’università di Mosul. Era il Ramadan; i negozi e le bancarelle pullulavano di gente. Tra i cinque civili anche uccisi e quattro feriti nel colpo:

Abdul Wahab Adnan Qassim, ucciso dalle schegge, era stato in piedi nel cortile alberato della sua casa.

Zanoun Ezzedine Mahmoud, ucciso dall’esplosione, era in piedi presso un banco di frutta coperto da un telo blu che bloccava il sole. Il proprietario del chiosco, Ilyas Ali Abd Ali, ha perso la gamba destra.

Un padre e una figlia, uccisi da vetri e schegge, erano seduti in un’auto nelle vicinanze.

Nashwan Abdul Majeed Abdul Hakeem Al Radwani, ucciso dalle schegge, era in piedi sotto il tendone della popolare gelateria Hammurabi.

Camminare nel pericolo

Più della metà dei casi che i militari hanno ritenuto credibili coinvolgono qualcuno che entra nella cornice del bersaglio nei momenti tra lo sparo di un’arma e l’impatto, come in un attacco del marzo 2017 a Mosul, quando le schegge hanno ucciso un uomo che spingeva un carrello lungo una strada vicino a un tubo di mortaio dell’ISIS.

Queste morti, che rappresentano il 10% delle vittime civili riconosciute, sono spesso inquadrate come incidenti inevitabili. Nell’attacco di Mosul che ha ucciso l’uomo con il carretto, gli operatori avevano già interrotto due volte il rilascio delle armi perché i civili erano entrati nell’inquadratura – dimostrando sforzi concertati per evitare il pericolo. Eppure la natura sistematica del problema suggerisce che i militari potrebbero fare di più.

Infatti, la revisione di un attacco del febbraio 2017 su un “individuo di alto valore” a un funerale a Mosul che ha ferito due civili include alcune raccomandazioni. Pur notando che la presenza dei civili “non poteva essere prevista con ragionevole certezza”, aggiunge che un aereo di sorveglianza supplementare avrebbe potuto fornire una visione più completa.

A causa dell’importanza dell’obiettivo, sono stati usati due aerei per zoomare, piuttosto che fuori, sulla scena più ampia. Ancora una volta i droni di sorveglianza scarseggiavano.

Esplosioni secondarie

Nella tarda primavera del 2015, mentre l’ISIS continuava a dimostrarsi resistente nell’effettuare attacchi e nel mantenere il territorio, i bersaglieri e gli specialisti di armi americani hanno preparato un attacco aereo notturno su una fabbrica di autobombe nel distretto industriale di Hawija, a nord di Baghdad. Gli appartamenti occupati circondavano la zona. Ma la “preoccupazione collaterale” più vicina è stata valutata come un “capannone”.

Non molto tempo prima, decine di famiglie sfollate, incapaci di permettersi l’affitto, avevano iniziato a occupare abusivamente le case abbandonate sparse nella zona industriale. Tra loro c’erano Khadijah Yaseen e la sua famiglia, che erano fuggiti dai combattimenti nella loro città natale, Yathrib.

La notte del 2 giugno era particolarmente calda, così la famiglia ha dormito fuori. Si sono svegliati alle urla e al suono dei jet.

C’era fuoco ovunque”, ha ricordato la signora Yaseen quando The Times l’ha incontrata in un campo di sfollati nell’ottobre 2016. La maggior parte delle persone uccise appartenevano a famiglie abusive come la sua. “Non si riusciva a contarli. C’erano così tante persone morte”.

Ben 70, ha scoperto un’indagine militare. La signora Yaseen ha perso tre nipoti: Muhammad di 13 anni, Ahmed di 12 anni e una bambina di 3 anni, Zahra.

Hawija è tra gli esempi più letali del fallimento nel prevedere le conseguenze collaterali del colpire i depositi di armi o altri obiettivi con il potenziale di esplosioni secondarie. Tali esplosioni hanno spesso raggiunto ben oltre il raggio di esplosione previsto; esse hanno rappresentato quasi un terzo di tutte le vittime civili riconosciute dall’esercito e la metà di tutti i morti e feriti civili nei siti visitati dal Times.

Anche se l’esercito americano ha pianificato l’attacco di Hawija, le bombe sono state sganciate dall’aviazione dei Paesi Bassi. Lì, il caso è diventato una causa célèbre dopo che è emerso che il ministro della difesa ha lavorato per sopprimere i risultati dell’indagine militare.

Nel rapporto dell’inchiesta, i responsabili di individuazione dei bersagli e gli esperti di armi descrivono i calcoli alla fine disastrosi fatti per ottenere l’approvazione dell’attacco. Lavorarono e rielaborarono l’obiettivo, calcolando attentamente quali tipi di munizioni usare fino a quando il loro modello concluse – nonostante il fatto che avrebbero colpito una fabbrica di autobomba con appartamenti nelle vicinanze – che non ci sarebbero state morti civili. L’esercito olandese avrebbe effettuato solo attacchi con un tasso di vittime civili previsto pari a zero.

Il documento descrive un’esplosione secondaria che ha prodotto una “visibile onda d’urto” che si estende per più di 750 piedi (230 metri circa, ndt)dal bersaglio.

Questo è enorme, per essere in grado di vedere un’onda d’urto come quella su un video”, ha detto un ex funzionario di alto livello coinvolto nella campagna aerea contro l’ISIS, parlando a condizione di anonimato per paura di ritorsioni. L’unica esplosione paragonabile che aveva visto, ha detto, era l’esplosione del 2020 che ha devastato il porto di Beirut.

Tra i siti visitati dal Times, almeno la metà degli attacchi con esplosioni secondarie hanno coinvolto obiettivi – come una centrale elettrica o una fabbrica di ordigni esplosivi improvvisati – che i militari avrebbero potuto prevedere che avrebbero prodotto tali esplosioni.

Tuttavia, altre volte non era a conoscenza sia di un nascondiglio di armi che di una presenza civile. Questo è stato il caso del più grande incidente con vittime civili che l’esercito ha ammesso nella guerra, il 17 marzo 2017, l’attacco aereo su due cecchini dell’ISIS nel quartiere di Mosul alJadida che ha ucciso almeno 103 civili.

Mancanza di responsabilità

Il 6 gennaio 2017, Rafi Al Iraqi si svegliò al suono di una bomba vicina. Un’altra ha colpito la porta accanto. Pochi istanti dopo, la sua stessa casa fu colpita. Poteva sentire suo figlio maggiore, Hamoody, urlare tra le macerie. “L’ho dato ad alcune persone perché lo portassero all’ospedale”, ha ricordato il signor Al Iraqi. “Poi sono tornato a cercare gli altri miei figli”.

Quello che è successo dopo è stato catturato in un video ripreso dall’agenzia mediatica dell’ISIS, che spesso visitava i luoghi delle esplosioni per la propaganda.

I soccorritori sono emersi tenendo in mano corpi flosci. La figlia del signor Al Iraqi, Nour, era viva. “L’ho portata con le mie mani all’ospedale”, ha ricordato lo scorso giugno, nella sua più recente intervista con il Times. “Ma a quel punto era morta”. Una vicina casa di combattenti dell’ISIS non è stata toccata.

Presto, attraverso il video dell’ISIS e le notizie riportate, si è diffusa la voce online che tre famiglie erano state prese di mira nel quartiere di Zerai, vicino alla Grande Moschea di Mosul. In tutto, 16 civili sono stati uccisi, compresi tre figli del signor Al Iraqi e sua suocera. La gamba di Hamoody è stata lacerata.

L’esercito ha iniziato una valutazione delle vittime civili, che ha scoperto che c’era stato un singolo attacco a Zerai quel giorno – su una casa valutata per essere usata esclusivamente come “quartier generale dei foreign fighters” dell’ISIS e “postazione per l’artiglieria”. L’attacco era stato prepianificato, senza vittime civili previste.

Il filmato dopo l’attacco non ha mostrato alcun civile ucciso o ferito. La chat postcolpo non ha indicato la presenza di civili, anche se ha menzionato un uomo ferito – giudicato un combattente dell’ISIS – che veniva aiutato dalle rovine.

Il filmato durava 1 minuto e 22 secondi. L’affermazione è stata ritenuta non credibile. Ufficialmente, 16 persone non erano morte quel giorno a Zerai. Il Pentagono ha finalmente riconosciuto le vittime nel settembre 2020, dopo anni di seguiti da parte del Times.

A parte i rari casi di rivelazione e le successive proteste, i brevi rapporti pubblicati dal Pentagono sulla minoranza di casi che ritiene credibili sono l’unico riconoscimento pubblico del pedaggio civile della guerra aerea.

Il rapporto del Times in Iraq, Siria e Afghanistan indica una verità più ampia.

Oltre alla scoperta che molte accuse di vittime civili sono state erroneamente respinte, il Times ha scoperto che anche quando le morti civili sono state riconosciute, sono state spesso significativamente sottovalutate.

Circa il 37% delle affermazioni ritenute credibili derivavano da precedenti indagini sul campo da parte di giornalisti o organizzazioni non governative; in quei casi, il numero di morti riconosciuto corrispondeva approssimativamente al rapporto esterno.

Ma negli altri casi, il rapporto del Times ha scoperto che il bilancio dei civili era quasi il doppio di quello riconosciuto dai militari. Questo non includeva le mogli e i figli dei combattenti dell’ISIS, le cui informazioni erano difficili da verificare.

I documenti identificano i bambini uccisi o feriti nel 27% dei casi; nel rapporto di terra del Times era il 62%. Nel 40 per cento dei siti visitati, i sopravvissuti erano stati lasciati con disabilità significative, che non sono state tracciate dai militari.

Oltre al conteggio delle vittime, la struttura e l’esecuzione delle valutazioni non incoraggiano l’esame regolare delle lezioni immediate o delle tendenze più profonde.

Le registrazioni ottenute dal Times, alcune significativamente ridotte, vanno da brevi rapporti di prima impressione a valutazioni di credibilità più formali. I rapporti in genere contengono una narrazione tratta dal “pacchetto di obiettivi” dell’attacco – comprese le informazioni sull’obiettivo, la stima delle vittime civili, le azioni per mitigare i danni ai civili, le riprese video e i log delle chat che tracciano ogni passo del processo.

Non solo non c’era traccia di azioni disciplinari, o indagini complete in circa 9 casi su 10, ma solo un quarto includeva ulteriori revisioni, raccomandazioni o lezioni apprese. Anche l’architettura dei moduli rende difficile analizzare le cause in aggregato; non hanno caselle specifiche per fattori specifici coinvolti in un errore fatale.

Ci sono alcuni posti per registrare le cause prossime o le lezioni apprese, ma questi campi sono per lo più vuoti o redatti. I record sono spesso incompleti, mancano gli allegati o sono stati inseriti solo parzialmente nei database condivisi.

In molti casi, l’unità che ha eseguito un attacco ha anche finito per indagare; le loro valutazioni spesso includono informazioni minime. Ad esempio, la motivazione di un’unità di operazioni speciali per respingere le accuse che un attacco aereo del dicembre 2016 vicino a Raqqa aveva ucciso ben nove civili consisteva in un singolo paragrafo in cui si affermava che aveva rivisto i suoi attacchi nella zona e non aveva trovato “nessuna prova di possibili vittime civili”. Non c’erano ulteriori informazioni o dettagli dal filmato.

Il Times ha scoperto che tali omissioni, così come le riduzioni e i documenti mancanti, erano spesso associati a Talon Anvil, l’unità di operazioni speciali che ha effettuato l’attacco aereo recentemente rivelato che ha ucciso decine di civili in Siria nel 2019.

Le prove video

Delle 1.311 valutazioni del Pentagono, solo in una gli investigatori hanno visitato il sito di un attacco. Solo in due hanno intervistato testimoni o sopravvissuti.

Il capitano Urban, il portavoce militare, ha detto che in territorio ostile, gli investigatori potrebbero non essere in grado di visitare il luogo dell’esplosione e intervistare “il personale a terra”.

Invece, spesso il pezzo clamoroso di prova studiato è stato il video registrato sulla scia di un attacco. Eppure, proprio come le riprese scadenti o insufficienti hanno spesso contribuito a fallimenti mortali del bersaglio, così hanno ostacolato gli sforzi per esaminarli.

Spesso i filmati erano lunghi solo pochi secondi o minuti, in molti casi troppo brevi per vedere i soccorritori che trasportavano i sopravvissuti da un edificio crollato. Spesso, i soccorritori aspettavano prima di avvicinarsi a una zona bombardata, per paura di essere identificati in modo errato e provocare un secondo attacco, noto nell’esercito come “doppia trappola”. Spesso le immagini erano oscurate dal fumo dell’esplosione.

In un’intervista – parlando in forma anonima a causa di un accordo di non divulgazione – un analista che cattura le immagini degli attacchi ha detto che gli ufficiali superiori spesso “dicono alle telecamere di guardare da un’altra parte” perché “sanno se hanno appena colpito un cattivo obiettivo”.

E a volte, semplicemente non c’era nessun filmato da rivedere, che è diventato la base per respingere l’accusa. Questo era spesso a causa di un “errore dell’attrezzatura”, perché nessun aereo aveva “osservato o registrato l’attacco”, o perché l’unità non poteva o non voleva trovare il filmato o non lo aveva conservato come richiesto.

In un certo numero di casi, accuse convincenti sono state respinte perché i dettagli della richiesta non corrispondevano esattamente alle immagini.

Per esempio, quando Airwars – la principale fonte di denunce di vittime civili riferite ai militari – ha riferito che un attacco a Mosul Est nell’aprile 2015 aveva ucciso decine di soccorritori civili, l’accusa è stata respinta a causa di “discrepanze nei racconti dei testimoni oculari”.

Nonostante l’accurata testimonianza che tre bombe avevano colpito una sottostazione elettrica, un testimone ha detto che la terza era arrivata un quarto d’ora dopo la seconda e non era esplosa; il documento ha descritto ciò come “incoerente” con le immagini militari e il rapporto dell’attacco. L’accusa è stata poi ritenuta credibile dopo che il Times ha visitato il sito e ha detto ai militari che almeno 18 civili erano stati uccisi e più di una dozzina feriti.

Anche quando le affermazioni sono state ritenute credibili, l’esercito spesso ha sottovalutato il bilancio perché le vittime, non viste dalla telecamera aerea prima dell’attacco, sono rimaste invisibili nel periodo successivo.

Caso emblematico: il bombardamento del Ramadan del 2016 vicino all’università di Mosul che ha ucciso cinque civili e ne ha feriti quattro. I militari hanno riferito di aver ferito due civili che erano stati nel filmato precedente all’attacco.

Casi chiusi

Quando l’esercito riceve una denuncia di vittime civili, passa attraverso una lista di controllo per determinare se il caso merita ulteriori indagini. La maggior parte non raggiunge mai il punto di revisione video.

Circa un quarto dei casi non credibili sono stati sommariamente chiusi perché mancavano informazioni o dettagli sufficienti, come un luogo specifico o un lasso di tempo di 48 ore. Ma più della metà sono stati respinti, in alcuni casi erroneamente, perché i militari non potevano trovare alcuna registrazione di attacchi corroboranti nell’area geografica identificata nell’accusa – o perché c’erano troppe corrispondenze potenziali, e troppo poche informazioni dettagliate.

Queste informazioni si troverebbero nei registri ufficiali mantenuti da diverse autorità di sciopero. Ma il Times ha trovato numerosi casi in cui i registri erano incompleti o imprecisi: Spesso, i registri mostrano che la coalizione sapeva che i suoi registri erano difettosi.

Spesso, i casi sono stati chiusi perché l’esercito ha detto che non aveva le informazioni per individuare il quartiere in questione. A volte questa conclusione era radicata in incomprensioni di costume e cultura locale.

Nel gennaio 2017, citando informazioni insufficienti, un ufficiale ha chiuso rapidamente un caso sulla base dei rapporti dei social media che i civili erano stati uccisi in un attacco a un funerale nel quartiere di al Shifaa a Mosul Ovest. Infruttuosamente, l’ufficiale aveva cercato nei registri degli attacchi potenzialmente corroboranti nel cimitero più vicino a quel quartiere.

Tuttavia, come si riflette in un video grafico che accompagna i rapporti iniziali, l’attacco non aveva avuto luogo in un cimitero: Una miniatura raffigurava l’ingresso di una casa. Infatti, i funerali musulmani si tengono raramente nei cimiteri. Inoltre, i musulmani seppelliscono i morti rapidamente, ed erano passati quattro giorni da quando quest’uomo, il colonnello Aziz Ahmed Aziz Sanjari, era morto.

La morte del colonnello aveva portato molti membri della tribù della famiglia Sanjari a casa loro per piangere. Era un pomeriggio di sole, quindi più di una dozzina di persone si sono sedute fuori. Potevano sentire il ronzio di un drone, ma non si preoccupavano. Era un evento comune. Pochi minuti dopo, la bomba ha colpito. Undici persone sono state uccise, secondo il Times.

“A volte succedono cose brutte

Il capitano Urban ha riconosciuto che “in alcuni casi la nostra valutazione del numero di vittime civili non sempre corrisponde a quella dei gruppi esterni, e riconosciamo che anche questi numeri possono cambiare nel tempo”.

Facciamo il meglio che possiamo, date le circostanze, per comprendere appieno gli effetti delle nostre operazioni e i danni causati a vite innocenti. Che a volte non arriviamo sempre alla stessa conclusione dei gruppi esterni non diminuisce la sincerità con cui ci sforziamo di fare le cose per bene”.

Diversi studi del Pentagono, resi in burocratese militare, hanno osservato alcuni dei fallimenti della responsabilità. Lesame dei Capi di Stato maggiore congiunti (“Joint Chiefs”, in inglese) dellaprile 2018 sulle morti civili da attacchi aerei in Medio Oriente e in Africa ha rilevato che “il feedback ai comandi subordinati sulla causa e/o le lezioni apprese da un incidente con vittime civili è incoerente.” Il recente rapporto dell’ispettore generale del Pentagono ha parlato di “omissioni”.

Eppure, per la maggior parte, questi rapporti non parlano di come gli attacchi aerei vadano ripetutamente male.

Lewis, il coautore i cui sforzi per analizzare le valutazioni in aggregato sono stati esclusi dallo studio dei Joint Chiefs, ha detto che il rapporto invece si è basato principalmente su interviste con gli ufficiali di valutazione. Essi sono stati in grado di rilevare alcuni modelli – in particolare le vittime di esplosioni secondarie e di persone che entrano nella cornice del bersaglio dopo lo sparo di un missile – ma poche delle ragioni sistematiche dietro la maggior parte delle morti civili.

Il Times gli ha chiesto perché l’esercito dovrebbe sviluppare procedure così intricate per prevenire le vittime civili, e poi valutarle, ma non dare priorità alla documentazione o allo studio delle cause e delle lezioni apprese. Non solo il sistema fornisce legittimità alle azioni dell’esercito, ha detto, ma permette anche agli Stati Uniti di vantarsi di un processo che è un modello globale di responsabilità.

L’ex funzionario americano di alto livello nella campagna contro l’ISIS ha detto che le procedure sono servite ad un ulteriore scopo – fornire una “patina psicologica” per le persone coinvolte: “Abbiamo fatto il processo. Abbiamo fatto quello che dovevamo fare. A volte succedono cose brutte”.

Ha detto che dopo essere tornato dal suo posto, angosciato da ciò che aveva visto, aveva iniziato la terapia. Ha indicato Raqqa, resa una necropoli dagli attacchi aerei guidati dagli americani, e l’ha paragonata alle rovine di Aleppo, che è stata bombardata dai russi senza le sofisticate considerazioni di proporzionalità dell’esercito americano – le stime dei danni collaterali, le liste nostrike o le regole di ingaggio.

Alla fine ho smesso di dire che questa è stata la campagna di bombardamenti più precisa nella storia della guerra”, ha detto. “E allora? Non importa che questa sia stata la campagna di bombardamenti più precisa e che la città abbia questo aspetto”.

In Afghanistan

Tutti i ragazzi e gli uomini di BandeTimor sapevano che quando arrivavano le Toyota Hilux, bisognava correre per salvarsi.

La gente li chiamava wegos. Alla guida c’erano forze paramilitari afgane che di solito partivano nelle notti di luna piena al bivio prima di Lashkar Gah, caricando attraverso il villaggio di Barang a cavallo del confine KandaharHelmand e in altre parti di BandeTimor, “catturando tutti: vecchi, giovani, tutti”, ha detto un residente di nome Matiullah.

Non importava se non eri talebano, diceva la gente. Se eri maschio, le forze afghane ti arrestavano, semplicemente per raccogliere una taglia per il tuo rilascio. Se eri vecchio o debole, il prezzo era poco più di 500 dollari; un uomo nel fiore degli anni ne avrebbe guadagnato il doppio. “Dovevi vendere la tua mucca o la tua terra per far rilasciare i tuoi parenti”, ha detto Rahmatullah, un abitante del villaggio. Spesso erano i più poveri a scappare.

La notte del 31 gennaio 2018, la luna era particolarmente luminosa. I wegos, come al solito, arrivavano accompagnati da quelli che gli abitanti del villaggio dicevano essere aerei americani. Hidayatullah, un autista di professione, a tre giorni dal matrimonio, sapeva di non potersi permettere la taglia e il matrimonio, così si mise alla guida nel deserto. Poi un attacco aereo lo ha trovato, ha detto Matiullah, che è suo cugino. Decine di altri civili, scambiati per talebani mentre fuggivano a piedi e in moto attraverso BandeTimor, sono morti nel raid.

L’attacco dei droni di agosto a Kabul, che ha ucciso un operatore umanitario afgano e nove dei suoi parenti, ha attirato l’attenzione del mondo. Ma la maggior parte degli attacchi aerei americani in Afghanistan ha avuto luogo lontano dalle città, in aree remote dove le telecamere non riprendevano, le linee mobili erano spesso tagliate e internet era inesistente.

La guerra più lunga dell’America è stata, per molti versi, la meno trasparente. Per anni, questi campi di battaglia rurali erano in gran parte offlimits per i reporter americani. Ma dopo che i talebani sono tornati al potere in agosto, l’entroterra afghano si è aperto.

Il Times è arrivato a Barang poco più di un mese dopo, visitando 15 famiglie in questa frazione di case di fango e terreni agricoli, e intervistando anche gli anziani della tribù e altri in tutta BandeTimor. La maggior parte ha detto di non aver mai parlato con un giornalista prima.

I resoconti che hanno dato – in modo coerente e affidabile, in interviste di ore – aiutano a spiegare come l’America ha perso il paese, come la sua guerra di attacchi aerei e il sostegno alle forze di sicurezza corrotte hanno aperto la strada al ritorno dei talebani.

In media, ogni famiglia ha perso cinque membri della famiglia civile. La stragrande maggioranza di queste morti sono state causate da attacchi aerei, la maggior parte durante i raid di wego. Molte persone hanno ammesso di avere parenti che erano combattenti talebani, ma i civili sono stati la maggior parte delle perdite: un padre ucciso in un attacco aereo mentre correva nella foresta; un nipote ucciso mentre dormiva con il suo gregge di pecore; uno zio ucciso dai soldati americani mentre andava al bazar a comprare il gombo per la cena.

Al suono degli elicotteri, i figli di Hajji Muhammad Ismail Agha erano scappati nel deserto. Gli “elicotteri stranieri” hanno sparato su di loro. Un figlio, Nour Muhammad, fu ucciso; l’altro, Hajji Muhammad, sopravvisse. “Come potevano gli aerei distinguere un civile da un talebano?” chiese il padre. “È stato ucciso poco lontano da qui. L’ho visto accadere”.

Nessuno di questi incidenti è stato menzionato nei comunicati stampa del Pentagono. Pochi sono stati conteggiati dalle Nazioni Unite. I residenti erano così isolati dal governo afgano che, quando gli venivano chiesti i certificati di morte dei loro cari, chiedevano dove avrebbero potuto ottenerli. Invece, per verificare le morti, il Times ha visitato le lapidi, nei cimiteri sparsi nel deserto.

* dal New York Times

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.