Menu

Trump incontra gli amministratori di “Big Pharma”. Adesso vuole un vaccino subito

Dopo aver negato la pandemia e attaccato come diffusore di notizie false l’Oms, Trump sta cercando di correre ai ripari con una serie di incontri riservati con i responsabili della sanità statunitense. Ma nel paradiso del business, più che le sorti del sistema sanitariotra i più darwiniani del mondo (nel senso della selezione naturale per gli umani), a fare la differenza sarà l’atteggiamento delle multinazionali.

Il presidente Trump in passato non è stato esattamente un fan delle grandi aziende farmaceutiche. I suoi tweet sui prezzi dei farmaci hanno sollevato preoccupazioni tra gli esponenti del “Big Pharma” ed hanno contribuito alla volatilità delle scorte farmaceutiche negli ultimi anni. Ma adesso la Casa Bianca non sta affatto criticando le grandi aziende farmaceutiche, al contrario adesso vuole il loro aiuto.

La scorsa settimana, il presidente Trump e il vicepresidente Mike Pence hanno incontrato i leader di sette grandi produttori dell’industria farmaceutica – noti come “Big Pharma” – sulla minaccia rappresentata da COVID-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus. Quali multinazionali si sono guadagnate un posto al tavolo durante l’incontro alla Casa Bianca e quali di loro hanno più probabilità di vincere nella battaglia contro COVID-19?

Il 2 marzo scorso le seguenti sette società biofarmaceutiche quotate in Borsa hanno incontrato il presidente Trump tramite i loro Ceo (Chef Executive Officier, ndr): Gilead Sciences (NASDAQ: GILD), GlaxoSmithKline (NYSE: GSK), Johnson & Johnson (NYSE: JNJ), Moderna (NASDAQ: MRNA), Pfizer (NYSE: PFE), Regeneron Pharmaceuticals (NASDAQ: REGN) e Sanofi (NASDAQ: SNY).

Ognuna di queste sette società sta lavorando allo sviluppo di farmaci antivirali per curare COVID-19 o vaccini per prevenire la malattia.
Un funzionario dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato a febbraio che il remdesivir sperimentale antivirale di Gilead sembra essere il candidato più promettente per il trattamento di COVID-19 in questo momento. La Gilead sta attualmente valutando il farmaco in studi in fase avanzata.
Regeneron sta collaborando con il Dipartimento della Salute e servizi umani (HHS) per sviluppare un trattamento per COVID-19. La società ha lavorato con HHS in passato sui trattamenti per Ebola e MERS. Johnson & Johnson sta anche lavorando con HHS per identificare i candidati antivirali che potrebbero essere potenzialmente efficaci nel trattamento di COVID-19. Il gigante della sanità si sta arrampicando per sviluppare anche un nuovo vaccino contro il coronavirus.
Tutti gli altri produttori di farmaci stanno lavorando a vaccini sperimentali per il nuovo coronavirus.

GlaxoSmithKline sta collaborando con i biofarmaci biotecnologici cinesi Clover per lo sviluppo di un vaccino. Sanofi sta cercando di riutilizzare il suo vaccino SARS sperimentale per colpire il nuovo coronavirus. Pfizer non si è ancora completamente buttato nella mischia, ma la grande azienda farmaceutica sta pensando di lavorare con il suo partner BioNTech per sviluppare un vaccino COVID-19.
Moderna è la più piccola delle sette società. Tuttavia, si colloca tra i leader nello sviluppo di un vaccino COVID-19 e prevede di iniziare a testare entro marzo un vaccino sperimentale sull’uomo.
Ci sono anche altri produttori di farmaci che lavorano su programmi di coronavirus ma che non sono stati invitati alla Casa Bianca.

Ad esempio, Inovio e Novavax stanno sviluppando vaccini sperimentali COVID-19. Entrambe le società, tuttavia, sono significativamente più piccole di qualsiasi delle sette società i cui amministratori delegati hanno incontrato il presidente Trump.
Il presidente Trump ha esortato i “Big Pharma” a lavorare insieme in stretta collaborazione affinché un vaccino e un trattamento terapeutico possano essere disponibili il più rapidamente possibile.

Durante la riunione, i CEO hanno dichiarato di essere disposti a collaborare allo sviluppo del vaccino COVID-19 e allo sviluppo del trattamento. Il vicepresidente Mike Pence ha ringraziato al termine dell’incontro facendo trapelare che le società “hanno già formato un consorzio” per colpire il nuovo morbo di coronavirus.
Non è ancora chiaro, tuttavia, esattamente come le aziende intendano lavorare insieme. Non sono stati rivelati dettagli di alcuna alleanza industriale.
Trump ha anche spinto i Ceo delle società a fornire una scadenza sul quando un vaccino potrebbe essere disponibile. Ha detto di aver sentito da alcuni dei dirigenti che un vaccino poteva essere sviluppato in un periodo che va da soli tre/quattro mesi fino ad un anno.

Tuttavia, tale periodo di tempo è probabilmente eccessivamente ottimista. Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, ha tentato di stabilire un’aspettativa più realistica e ha dichiarato che probabilmente un vaccino non sarà distribuito fino a “al più presto un anno a un anno e mezzo”.
A questo punto, Gilead e Moderna si distinguono come i due più probabili vincitori dell’incontro della Casa Bianca nella corsa allo sviluppo delle terapie COVID-19. Gilead è in vantaggio su Regeneron nel testare un trattamento antivirale per COVID-19. Moderna sta avanzando dei test clinici di un vaccino sperimentale più rapidamente di altri.
Ma gli investitori non pare che stianponderare questi stock farmaceutici esclusivamente sulla base dei loro programmi sul coronavirus.
C’è una storia più grande da considerare per ciascuno degli stock.
Due “geni” degli investimenti come David e Tom Gardner gestiscono da oltre un decennio una newletter a pagamento sugli, Motley Fool Stock Advisor, che ha triplicato i suoi iscritti.
David e Tom Gardner hanno appena rivelato quali sono i dieci titoli migliori che gli investitori possono acquistare in questo momento … e Gilead Sciences non era uno di questi!

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.