Menu

Il nemico dei governi europei? Le opposizioni interne

Ogni governo spia. E’ una regola vecchia quanto il mondo. La differenza tra Stati Uniti e Unione Europea, o almeno una sua parte, è che il “grande fratello” yankee non si fida di nessuno, nemmeno dei leader “alleati” di lunga data, mentre gli europei non si fidano soprattutto delle proprie stesse popolazioni. E così hanno messo in piedi un sistema di spionaggio di massa, che setaccia le telefonate quanto le mail o altri mezzi di comunicazione, indirizzato di preferenza – manco a dirlo – verso le aree di opposizione sociale e politica. Mezzi tecnologici di ultima generazione, ovviamente, ma anche “bipedi” vecchio stile, infiltrati qua e là, secondo l’imperscrutabile disegno dei servizi segreti interni. Mettersi a castellare, per esempio, sui “perché” i servizi avrebbero avuto bisogno di infiltrare Rifondazione – come denunciato dal segretario Paolo Ferrero – è un esercizio inutile, prima ancora che stupido, per un motivo assai semplice: obiettivi e strategie altrui vengono definiti in base a interessi che noi non conosciamo se non dopo che si sono realizzati o sono stati in qualche modo “scoperti”. La “nostra” immaginazione non basta mai a coprire le informazioni che mancano.

Non ci stupisce troppo, dunque, che anche diversi paesi europei si siano accordati per stendere una rete di controllo sulle comunicazioni continentali – tenendo ovviamente al riparo i principali leader dei rispettivi paesi – né che i capifila si chiamino Germania, Francia, Spagna. Qualche sopresa viene solo, in negativo, dalla Svezia. Ma non è più tempo di mitologie sulle “socialdemocrazie scandinave”.

La nuova rivelazione arrivva ancora dal Guardian, giornale progressista britannico che sta effettivamente squarciando molti veli (vedi qui per l’articolo originale: http://www.theguardian.com/uk-news/2013/nov/01/gchq-europe-spy-agencies-mass-surveillance-snowden).

Secondo il quotidiano britannico – che utilizza nuovi documenti forniti ancora una volta dalla ‘talpa’ del Datagate, Edward Snwoden – lo sviluppo di questa rete europea di spionaggio risalirebbe a 5 anni fa. In parallelo con l’istituzionalizzazione della “polizia comunitaria” chiamata Eurogendfor. Della serie: non abbiamo istituzioni politiche comunitarie permeabili – secondo le regole democratiche – agli interessi e alle domande della popolazione continentale, ma abbiamo un sistema unitario di controllo delle vite e delle formazioni politiche. Sarebbe interessante sapere in base a quale schema istituzionale o “costituzionale”, visto che una “Costituzione europea” non c’è….

Dai file emerge che il GCHQ, l’equivalente britannico della Nsa statunitense, agiva da “consulente” nell’aiutare i partner europei ad aggirare le leggi nazionali che limitano i poteri dell’agenzie di intelligence. Interessante, vero? Mettetevi comodi e ragionateci sopra. Esistono diversi paesi europei, i cui servizi segreti agiscono “limitati” da leggi nazionali altrettanto diverse. Bene, gli inglesi si sono messi a fare la “consulenza” perché questi servizi riuscissero a “liberarsi” di questi lacci e lacciuoli, mettendosi a spiare i propri cittadini in barba a qualsiasi legge. Molto democratico, vero?

Non sappiamo perché, ma non riusciamo a stupirci neppure del fatto che i servizi segreti italiani non abbiano partecipato in prima fila a questo”consorzio” spionistico extralegale. Avrebbero voluto, spiega il Guardian (che forse non sa quanto i servizi italiani siano abituati a occuparsi soprattutto delle opposizioni interne…), ma non ci sono riusciti perché troppo presi a farsi concorrenza tra loro. Succede anche questo, in un paese che si è dotato di sette o otto polizie diverse…

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

1 Commento


  • Walter

    Cinque anni fa, ovvero immediatamente dopo l’inizio della “crisi economica” ancora in corso, l’Europa istituiva una forza di polizia sovranazionale con funzioni di ordine pubblico; in Grecia l’Europa governa fianco a fianco con un partito nazista, senza opporvisi; in Italia non si sa più cosa inventarsi per tenere in vita (politica) un individuo criminale – ma molto liberista – che dovrebbe marcire in galera ed il governicchio facta che lo stesso tiene sotto scacco; in mezza Europa le politiche della Troika mirano allo smantellamento delle leggi costituzionali e dei diritti sociali acquisiti a beneficio del capitale e delle multinazionali; nei quasi trent’anni che hanno preceduto il 2008 la gente è stata abituata al lavoro in media disponibile, al salario sufficiente, ma soprattutto a contrarre debiti su debiti per comprare ciò che il salario non avrebbe mai permesso. E poi tutto quanto è stato sfilato d’un botto, come la tovaglia del famoso giuoco di prestigio, con la disoccupazione che lievita e gli stipendi ed i diritti che precipitano vorticosamente (le due cose a formare un circolo vizioso), lasciando solo, quelli sì, i debiti con le banche ed il sogno di vivere da gran signori, a formare un cappio al collo di qui in avanti…
    L’America spia l’Europa per assicurarsi che tutto proceda secondo i piani. E l’Europa spia i suoi cittadini… per rendere un altro, ennesimo servigio al suo padrone di sempre.
    È in corso la fase terminale di una rivoluzione della quale, questa volta, il popolo ne è assolutamente la vittima. In parte consapevole…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.