Menu

Scandali, arresti e contagi. Lombardia in testa in ogni classifica

Pochi giorni fa il Pubblico Ministero di Milano ha depositato gli atti di chiusura d’inchiesta contro undici indagati, Tra cui Paolo Storari, ex dirigente del Gruppo San Donato – che conta 18 ospedali privati, tra i quali il San Raffaele di Milano – e alcuni manager di cinque grandi case farmaceutiche: Mylan, Abbvie, Novartis, Eli Lilly Italia e Bayer.

Tra gli indagati, anche l’attuale presidente di Snam, Nicola Bedin, già dirigente del Gruppo San Donato e l’ex capo dell’ufficio acquisti del S. Raffaele.

L’accusa è di aver truffato la regione Lombardia per una cifra totale di più di 10 milioni di euro con un imbroglio abbastanza semplice: gli ospedali acquistavano farmaci dalle aziende a prezzo scontato (dal 2 al 20%) ma al momento di chiedere il rimborso alla Regione dichiaravano di averli pagati a prezzo pieno.

Ma non basta, poiché sembra che il gruppo facesse acquisti molto superiori alla necessità. “per raggiungere gli obiettivi da cui dipendono le note di credito e non in base alle reali esigenze cliniche” facendo scorte sovradimensionate solo a tal fine. Dove finissero i medicinali in eccesso non è dato sapere, per il momento.

Va detto che dopo l’apertura dell’inchiesta, nel dicembre 2019, il Gruppo San Donato rimborsò 10 milioni di euro alla Regione, «anche per ricostituire un rapporto di correttezza con l’istituzione», come dichiarò l’avvocato del gruppo.

Una fiducia che tuttavia non sembra facile da concedere poiché il Gruppo San Donato non pubblica in toto, o solo parzialmente, se si eccettuano il Policlinico San Donato e il San Raffaele, i bilanci delle sue strutture. Un fatto largamente condiviso dalle complessive 789 aziende private accreditate che gestiscono il 40% della sanità lombarda.

Tutto ciò in aperta violazione delle norme che impongono trasparenza e pubblicità su come sono utilizzati i fondi pubblici che tali strutture sanitarie ricevono dalla Regione. In pratica, denaro pubblico inghiottito dai privati e, ancora più grave, approfittando dell’assenza di controlli da parte della Regione.

Di fronte a tutto ciò appare ancora più grave e sospetta la nomina nel Consiglio d’amministrazione del gruppo San Donato di Roberto Maroni, ex presidente della Lombardia, avvenuta pochi giorni fa. Dato che la truffa di cui scriviamo avvenne tra il 2013 e il 2018, quando Maroni era presidente della Regione, è lecito chiedersi come un truffato possa accettare di sedersi, da amministratore, al tavolo con i suoi truffatori che dovrebbe, piuttosto, denunciare.

Sempre sul fronte giudiziario, segnaliamo che la Magistratura di Milano ha aperto un’inchiesta, per ora senza indagati, sulla discussa vicenda riguardante la fornitura di camici e calzari medici per un totale di 500.000 euro alla Regione da parte di una ditta di proprietà del cognato e della moglie del presidente Fontana.

Fornitura avvenuta senza concorso pubblico, per cui la ditta in questione emise regolare fattura alla Regione che tuttavia, dopo che lo scandalo fu denunciato, venne annullata. Una storia tutta da chiarire per la quale l’ipotesi di reato è di turbativa d’asta.

Mentre dilagano gli scandali, la pessima gestione dell’epidemia da parte della giunta lombarda emerge soprattutto dal numero dei contagi che si continuano a registrare in regione, costantemente attestato a circa a circa il 50% delle infezioni di tutta Italia. Una cifra inquietante che tuttavia è difficile da valutare epidemiologicamente a causa del modo assolutamente poco trasparente con cui i dati sono forniti.

Infatti la Regione continua a fornire numeri assoluti sui contagi e sui decessi, senza precisare se tali dati si riferiscono a tamponi effettuati su malati pregressi che non avevano ottenuto questo esame, dopo attese anche di mesi, oppure su nuovi casi sospetti.

Tali dati quindi non permettono di comprendere se si è in presenza di uno strascico di quanto accaduto nei mesi scorsi oppure, e sarebbe preoccupante, di nuovi contagi. Una mancanza di chiarezza e d’informazione che accompagna l’evidente incapacità dell’amministrazione regionale a dominare l’epidemia.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.