Menu

Torino. No Lagarde, No Draghi, No alle vostre politiche antipopolari!

Oggi alle 16.30 in piazza Castello, sabato 4 dicembre No Draghi day!

Oggi, lunedì 29/11 scenderemo in piazza dalle 16.30 in Piazza Castello per un presidio in occasione della venuta a Torino di Christine Lagarde, già direttrice del Fondo Monetario Internazionale e attuale presidente della Banca Centrale Europea, ovvero uno degli attori principali delle politiche antipopolari portate avanti dai vari governi che si sono succeduti negli ultimi 30 anni.

Carica come ben sappiamo rivestita per anni dal “nostro” Mario Draghi, ora presidente del Consiglio e da tutti caldeggiato come futuro Presidente della Repubblica.

Si tratta di personaggi di primissima fila di quella classe dirigente che da anni è impegnata in una lotta senza quartiere per smantellare il welfare, svendere il patrimonio pubblico, privatizzare e garantire gli interessi di grandi imprese, banche e finanza contro quelli delle classi lavoratrici e popolari.

Il governo Draghi, dopo aver sbloccato i licenziamenti in piena pandemia con l’appoggio dei sindacati confederali e aver varato un DDL concorrenza che apre ulteriore terreno alla privatizzazione dei servizi pubblici, si appresta ora a varare una nuova finanziaria lacrime e sangue, destinata ad aumentare il costo della vita colpendo pesantemente le classi popolari, e a varare una riforma fiscale a tutto vantaggio delle imprese e dei redditi alti, col pieno sostegno di tutto l’arco parlamentare e del sistema dei mezzi d’informazione.

Contro queste politiche europee e italiane saremo in piazza lunedì pomeriggio e ci ritorneremo sabato 4 dicembre, a Torino e in tutto il Paese, per un grande NO DRAGHI DAY che rompa il muro compatto a sostegno di questo campione delle privatizzazioni e indichi la strada di una concreta alternativa sociale, praticabile da subito a partire dalla difesa del settore pubblico e dei diritti collettivi!

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.