Menu

Amazon uccide. Un cronista racconta l’orrore

Un giornalista del quotidiano inglese Mirror è andato a vedere da molto vicino come si lavora in Amazon. Si è fatto assumere e ha registrato anche un bel po’ di immagini. Ironicamente, aveva comprato la sua mini-telecamera proprio sul sito di Amazon.

La realtà che ne viene fuori è quella che ha raccontato ogni lavoratore, soprattutto quelli che hanno scioperato – nello stabilimento di Piacenza – in occasione del Black Friday. Solo che qui, a raccontarlo, c’è un “testimone indipendente” – un giornalista vero, non uno di quelli a busta paga dei servizi segreti italiani – e quindi non può essere smentito come “di parte”, come spesso avviene quando a parlare è un terribile “sindacalista di base”. Il Mirror, peraltro, non ha certo fama di essere un foglio “rivoluzionario”. Anzi.

Le conclusioni possono essere molte, ma alcune sono certificate. a) Nemmeno un maratoneta ben allenato – e Selby lo era, al momento entrare in Amazon – può reggere quei ritmi; b) quel che Amazon fa è legale, secondo le leggi inglesi (ed europee, visto che si lavora così anche in Germania e Italia), il che significa soltanto che la legalità esistente è quella che favorisce dei criminali; c) tutte le chiacchiere sulla “web economy” sono fuffa vuota: lo sfruttamento esiste in ogni meandro della produzione capitalistica, e ogni salto teconologico – nel regime del profitto – non libera affatto l’uomo dalla fatica, anzi, la perpetua nelle forme più antiche.

Ci scuserete per la traduzione un po’ zoppicante, fatta in fretta e furia. Ma ci sembrava utile farvi leggere quanto segue, visto che tra poco dovrete anche voi – come noi – decidere cosa comprare per il rito natalizio.

*****

Pause per andare in bagno troppo brevi, obiettivi impossibili e lavoratori addormentati a piedi: la vita brutale di chi lavora nel magazzino di Amazon.

Alan Selby è andato in incognito presso il magazzino Tilbury nell’Essex, dove vengono regolarmente chiamate ambulanze e dove i lavoratori si trovano davanti al licenziamento se non riescono a confezionare almeno due articoli al minuto.

Sono solo in una gabbia chiusa a chiave, a 10 piedi dal mio collega più vicino, un robot si avvicina all’ombra e spinge verso di me una torre di scaffali.

Ho nove secondi per afferrare ed lavorare un articolo da spedire per l’imballaggio: l’obiettivo è 300 articoli l’ora, un’ora dopo un’altra, incessantemente.

Mentre mi piego sul pavimento, devo tener alta la mia testa per compiere un flusso infinito di ordini; il mio corpo mi urla.

Benvenuti nel piano di raccolta di Amazon. Qui, mentre le telecamere guardano ogni mia mossa, uno schermo di fronte a me offre costanti ricordi delle mie “unità all’ora” e esattamente quanto tempo è stato richiesto per ognuna. Questo è il più grande impianto europeo di imballaggio del gigante online, destinato a distribuire 1,2 milioni di articoli un anno.

In qualità di principale rivenditore del Regno Unito, ha fatturato l’anno scorso 7,3 miliardi di sterline. Ma un’indagine del Sunday Mirror rivela oggi che questo successo ha un prezzo – lo stress quotidiano dei suoi lavoratori.

Ho trascorso cinque settimane nel nuovissimo magazzino della ditta a Tilbury, nell’Essex, armato di una macchina fotografica segreta acquistata proprio sul sito web di Amazon.

Ho trovato il personale addormentato in piedi, stanco di lavorare fino a 55 ore a settimana.

Quelli che non riuscivano a tenere il passo con gli obbiettivi punitivi affrontarono il licenziamento – e alcuni che si sono piegati sotto lo sforzo hanno dovuto essere assistiti da squadre arrivate in ambulanza.

È tutto molto diverso dai volti cantanti e sorridenti che riempiono le pubblicità natalizie di Amazon in TV. Il suo esercito di 24.000 elfi infelici viene pagato sette pence per articolo per confezionare e consegnare ogni merce in tutto il Regno Unito.

Il mio ultimo passaggio è stato due giorni fa, nel Black Friday, quando milioni di inglesi si sono collegati per aiutare Jeff Bezos, il fondatore, a guadagnare 1,8 miliardi di sterline in più durante la notte. Ma l’azienda è stata colpita da una serie di eventi scandalosi, sospingendo ulteriormente la nostra indagine “segreta”.

In Italia e in Germania il personale ha scioperato, lamentando una bassa retribuzione e condizioni di lavoro sfavorevoli.

I dipendenti dei magazzini del Regno Unito hanno raccontato di dormire nelle tende e sotto i ponti solo per arrivare al lavoro in orario.

Le pause temporanee per il bagno, gli obiettivi impossibili e le condizioni di lavoro estenuanti e “intollerabili” sono tra i reclami più frequenti. Il personale è pagato meno del salario di sussistenza, ed è emerso persino che i conducenti avevano subito multe per consegne “anticipate”.

Quando gli esperti hanno avvertito che i lavoratori stanno affrontando un aumentato rischio di malattie mentali e fisiche, Amazon ha ripetutamente promesso di ripulire il suo stile di lavoro. Ma una lavagna per i commenti del personale, nello stabilimento, suggerisce che questo è molto lontano.

Ci sono state lamentele per i bagni sporchi e le pause ancora troppo brevi.

Uno ha chiesto: “Perché non possiamo sederci quando è tranquillo e non occupato? Siamo esseri umani, non schiavi e animali. “

Mi è stato detto da un lavoratore: “Mi aspettavo che fosse tutto moderno e alimentato da robot qui, ma i miei occhi ora si sono spalancati”.

La mia stessa storia, di come sono diventato un robot umano, non poteva essere più oscura. I turni sono iniziati nell’oscurità alle 7.30 del mattino e si sono conclusi alle sei del pomeriggio, molto tempo dopo che il sole era tramontato.

L’impianto, senza luce naturale, è inondato di lampadine fluorescenti: notte e giorno non hanno significato.

Molti degli orologi sono stati coperti con del nastro dai dipendenti, nel disperato tentativo di non ricordare quanto tempo manca alla fine del proprio turno. Ma il tempo regna ancora qui: un nuovo pacchetto deve essere sigillato e pronto per partire ogni 30 secondi.

Qualunque sia l’ora, migliaia di lavoratori corrono per raggiungere obiettivi fissati dai computer che controllano ogni loro mossa. Nelle mie cinque settimane ho visto il personale che lottava per raggiungere obiettivi impossibili, nella costante paura del licenziamento.

Due sole pause di mezz’ora sono state l’unica volta in cui sono tornato in piedi, ma era appena il tempo necessario a correre in mensa e mangiare qualcosa per mantenere vive le mie energie.

Il mio corpo doleva dappertutto e il mio fitness tracker mi ha mostrato che camminavo per almeno 10 miglia (16,09 chilometri) quasi tutti i giorni.

Nonostante fossi un appassionato di maratona, lo sforzo fisico mi ha fatto venire le vertigini, e temevo di poter avere una crisi seria se avessi continuato a spingere con la forza necessaria per raggiungere gli obiettivi assegnatimi.

Un collega è stato portato in ospedale da un’ambulanza quando è crollato sul lavoro, dopo aver lottato per restare nonostante non si sentisse bene.

Un’altra ambulanza è stata chiamata dopo che una ragazza ha subito un attacco di panico quando le è stato detto che lo straordinario significava che avrebbe dovuto lavorare fino a 55 ore a settimana per Natale.

Uno dei miei colleghi mi ha detto: “Tutti soffrono, qui. Mi sono stirato il bicipite femorale, ma ho dovuto solo continuare. Il mio amico ha trascorso solo due giorni liberi dopo aver danneggiato i legamenti del ginocchio. “

Con la mia macchina fotografica segreta, ho documentato i colleghi che coglievano l’occasione per riposare un momento i piedi doloranti quando i supervisori non potevano vederli. I meno fortunati sono stati sgridati dopo essere stati sorpresi a riprendere fiato. Alcuni, semplicemente, dormivano dove si trovavano.

Da ottobre Amazon ha corso per riempire 1.500 ruoli nel magazzino, che ha la dimensione di 11 campi da calcio.

È così vasto che servono più di cinque minuti per andare in bagno, quasi un terzo di miglio, da alcune delle mie postazioni di lavoro, e anche di più quando quelli sul mio piano erano fuori uso, come spesso accadeva.

Se fossi andato, il sistema avrebbe saputo che non ero rimasto attivo, quindi sarebbe scatta a la pressione per mantenermi al posto. Per raggiungere il sito, chiamato LCY2, dopo il vicino aeroporto di London City, i lavoratori pagano 4 sterline al giorno di trattenute in busta paga per un autobus da Londra.

Alcuni sono disperati che debbono trascorrono quattro ore al giorno per fare aventi e indietro per un lavoro da 8,20 sterline l’ora.

Uno che vuole trasferirsi in un posto vicino allo stabilimento mi ha detto: “I proprietari stanno aumentando gli affitti da quando il sito è stato aperto. L’unica stanza che riesco a trovare è £ 600 al mese. Porto a casa 200 sterline a settimana – come posso permettermelo? “

Nei giorni precedenti il Black Friday, gli obiettivi prestazionali mancati hanno comportano il licenziamento di decine di dipendenti.

Una volta al giorno, un supervisore si avvicina per ricordarmi che la mia performance non era all’altezza. Spesso non stava bene. Ma gli operai vengono messi l’uno contro l’altro; uno mi ha detto: “Finché non sei inferiore non hai bisogno di preoccuparti … per il momento”.

Una volta che un oggetto viene prelevato, viaggia attraverso l’edificio per finire all’imballaggio – l’altro reparto in cui ho lavorato.

Mi è stato detto di confezionare 120 articoli singoli all’ora o 85 articoli multipli. E mi è stato detto che presto salirà a 200 articoli.

Si possono vedere dipendenti camminare su e giù per i nastri trasportatori che fanno vibrare le casse per raccogliere le ceste piene di oggetti più piccoli per taggiungere la loro quota. Un collega ha detto: “La mia ragazza dice che anche le vecchie signore nei turni di notte hanno litigato per le scatole”.

“Se ne ottieni uno con un sacco di piccoli oggetti, risparmi tempo e tieni i tuoi numeri in alto – e arrivi prima di tutti gli altri.”

A volte ho raggiunto i miei obiettivi, ma sapevo che non avrei potuto continuare così a lungo.

A metà del giorno mi sentivo svuotato. Se avessi borbottato, mi sarebbe stato ricordato che i miei numeri avrebbero sofferto per un’eventuale fermata. Nelle mie ultime due settimane ci sono stati almeno due incidentiche avrebbero potuto ferire seriamente qualcuno.

Un collega mi ha detto: “Quando sono stato assunto qualcuno mi chiedeva perché il turnover del personale fosse così alto qui. È perché stanno uccidendo le persone. Tutti i miei amici pensano che io sia morto. Sono esausto.”

La sua osservazione riassumeva ciò che avevo visto con i miei occhi. Se parliamo di trattare il proprio personale come persone, Amazon ha sicuramente ancora molta strada da fare.

Amazon ci ha detto: “Amazon offre un ambiente di lavoro sicuro e positivo con retribuzione e vantaggi competitivi sin dal primo giorno. Siamo orgogliosi di aver creato negli ultimi anni migliaia di posti permanenti nei nostri centri di distribuzione nel Regno Unito.criminali

“Offriamo ottimi posti di lavoro e un ambiente positivo con opportunità di crescita. Come con la maggior parte delle aziende, ci aspettiamo un certo livello di prestazioni”.

“Gli obiettivi sono basati sulle prestazioni precedenti raggiunte dai nostri lavoratori. Gli associati vengono valutati per un lungo periodo di tempo poiché sappiamo che una grande varietà di cose potrebbe influire sulla capacità di soddisfare le aspettative in un dato giorno o un’ora. “

Il punto di vista di ALAN SELBY

Il personale, lì, è solo bestiame per servire i robot.

Amazon gestisce una nave snella, come ci si aspetta da una società fondata dall’uomo più ricco del mondo.

Il magazzino di Tilbury è un’operazione ben oliata, al passo con i tempi e le leggi in materia di salute, sicurezza e diritto del lavoro.

Ma solo perché è legale non significa che faccia bene a te. Settimane prima che entrassi, avevo finito una stagione estiva che includeva due maratone e una mezza maratona.

Fisicamente non mi sento uno in debito d’ossigeno, eppure il mio corpo si sentiva svuotato ogni giorno.

La mia pressione sanguigna e la frequenza cardiaca a riposo sono entrambe aumentate dallo stress del lavoro. Un risvolto positivo, pensavo quando ho iniziato a lavorare come raccoglitore, era che avrebbe potuto essere un buon esercizio. Ma Amazon si è accorta che gli umani sono la parte meno efficiente dell’operazione, quindi a Tilbury i robot prendono il sopravvento.

Ad ogni svolta sembrava che il personale umano fosse ridotto a bestiame, esistendo solo per riparare le macchine. Il lavoro ripetitivo e monotono nel suo ironicamente chiamato “centro di adempimento” non mi ha nemmeno favorito mentalmente. Nelle prime settimane ero depresso, finché il mio cervello non si è spento.

Amazon non deve imporre un giorno di 10 ore, potrebbe allungare la sua settimana di 40 ore per cinque giorni e aggiungere più personale.

Il personale extra può consentire di ridurre gli obiettivi personali per ridurre il carico. Ma fa più soldi trattando i suoi lavoratori come beni sacrificabili.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

30 Commenti


  • Primo

    Sinceramente io a livello personale non sono uno che fa regali per natale,proprio perché vedo la cosa sotto due distinte ma equanime prospettive. Prima di tutto non credo nelle festività d’alcun tipo,men che meno a quelle religiose,la seconda è proprio il fatto stesso di essere in qualche modo complice della mera speculazione e del capitalismo.
    Penso in oltre,che questa forma di schiavismo del nuovo millennio sia ancora colpa di chi vi si piega e non si ribella,oltre che dei padroni e sfruttatori è ovvio!
    Io penso e non credo di sbagliare,che siamo diventati più schiavi degli oggetti che di padroni infami,che non riusciamo ad emanciparci dal senso del possesso e questo fa si che la catena alla fine siamo noi a renderla sempre più forte e difficile da spezzare!


  • Mauritius

    bell’articolo su cosa è il capitalismo e le assurdità dell’economia come giusto sistema che redistribuisce
    l’economia è letteralmente il proseguo della guerra, della lotta di classe che prima venivano realizzate con la forza bruta
    al posto della forza bruta c’è un sistema apparentemente oggettivo e con parametri legittimi
    quando si fanno lavorare così i lavoratori l’unica cosa che viene in mente è quanto possono durare delle persone fino alla definitiva voglia dei lavoratori o volontà dell’azienda di rimetterli nella disoccupazione
    sento tanti parlare male di questo sistema, dell’ingiustizia….ok ma qualcuno lungimirante deve anche proporre una alternativa sociale, culturale, economica, politica e farla arrivare ai cittadini….o qui moriamo tutti di disperazione
    è chiaro che una fetta è felice di questo mondo ingiusto e assurdo
    sono quelli che dal sistema per sostenerlo e fare il lavoro per me sporco di mantenimento ….vengono adeguatamente remunerati…. ma quanti sono??? Per me una netta minoranza
    se almeno votando diamo potere a chi vuole cambiare veramente


  • Ok Paolo Scheggi

    Spero che al padrone di Amazon venga un tumore al cervello


  • Giuseppe

    Quante bugie……… Io sono un dipendente Amazon di castel San Giovanni e vi dico che tutte questo è ridicolo, in Amazon si lavora bene ti pagano il giusto e la cosa più importante ti trattano con molto rispetto….Le persone che stanno infamando il modo di lavorare in Amazon, sono quelli che non vogliono lavorare ma! Vogliono lo stipendio. Faccio un appello a tutte queste persone: se non vi piace lavorare in Amazon, andate via…..


  • Eva

    che orrore… Però è vero: ribellarsi si può, anche nel proprio piccolo, a questo schifo, smettendo di comprare da Amazon..


  • Laura

    Se la parte umana è quella meno efficiente in questo sistema, ne deduco che cercheranno in tutti i modi di sostituirla con i robot, sempre più sofisticati e efficienti dotati di mani in grado non solo di prelevare gli oggetti dagli scaffali, ma anche di confezionarli, quindi meno operai meno stipendi più efficienza, meno costi, più profitto giusto?Ma chi sarà in grado di comprare i beni di consumo, i robot Forse? Quelli hanno bisogno di meccanici, olio per gli ingranaggi, programmatori,e gli altri senza lavoro e senza stipendio come potranno alimentare la grande macchina del consumo? Tutto questo si verificherà entro 10 anni forse meno, il tempo utile per ritrovarsi con una massa di disoccupati enorme, quindi lo stress sarà molto ma molto più grande, questo credo sia solo l’inizio di un processo irreversibile


  • Iko

    Anche io in altri lavori ero in un capannone per molte ore senza vedere la luce del sole ecc e con solo mezz’ora di pausa, bagno solo di corsa e steaordinari obbligati. E quest’azienda è grande e italiana. Però nessuno faceva tutte queste storie. Forse perché amazon è s


  • Lele

    Buongiorno Giuseppe
    Se in Amazon a Castel San Giovanni si sta così bene perché per il Black Friday hanno scooperato in più di 500 ??


  • Cristian

    Attacco di panico perche’ gli hanno detto che avrebbe lavorato 55h a settimana?..io ne faccio MINIMO 60..sono vivo e sto bene..


  • marco

    MA PIANTATELA FANNULLONI!!!! SE IL POSTO NON VI STA BENE LICENZIATEVI E ANDATE A TRASCORRERE INPOMERIGGI A GIOCARE ALLE SLOT!! C’È GENTE CHE PAGHEREBBE PER AVERE UN POSTO DI LAVORO!! È UN ARTICOLO ESAGERATO ED ESASPERATO. SCRITTO E COMMENTATO DA FANNULLONI CHE NON HAN VOGLIA DI LAVORARE!! ANDATE A FARE I MURATORI ALZARSI ALLE CINQUE DEL MATTINO PER ESSERE IN CANTIERE ALLE SEI, CON NEVE, PIOGGIA E VENTO O A SPALARE LA MERDA NELLE FOSSE BIOLOGICHE!! VERGOGNATEVI!!


    • Redazione Contropiano

      Dal troll aziendale semplice al kapò pronto a menare… Povera Amazon,costretta a farsi “difendere” da gente simile…


    • Redazione Contropiano

      Dovremmo quindi pensare che il giornalista che ha fatto il servizio è uno scemo (e che altre inchieste che hanno denunciato le stesse cose sono sceme) e che i lavoratori Amazon che hanno scioperato nel Black Friday in Italia e in Germania sono solo scansafatiche? Oppure possiamo anche pensare che l’azienda Amazon abbia sguinzagliato su fb un pò di troll “aziendali” per contrastare gli effetti della cattiva pubblicità?


  • Bastapure

    i commenti che seguono questo articolo ci conferma che Amazon ha visto bene di sfruttare impunemente le persone…tanto sono contente e felici, le pecore sono ormai più degli uomini senzienti. Dategli un Ihone e si fa piacere anche la merda che gli danno da mangiare!!
    Vergognatevi, anni di lotte e sacrifici umani per portare un po’ di rispetto e dignità, la storia a quanto pare non ha insegnato niente!
    Gli schiavi si rinchiudono nelle gabbie da soli!!!


  • Nerone

    Tu sei da ricovero !


  • pippo

    la colpa è dei lavoratori che accettano queste cose.


  • Caterina

    C’è gente che pagherebbe per avere un posto di lavoro? Ma per piacere! Il rispetto è alla base di ogni cosa, anche nel lavoro. Sottopagato, notevole pressione per raggiungere obiettivi, impossibilità di essere a casa ammalati perchè vieni minacciato con il licenziamento. . Questo è il lavoro che paghereste per avere? Un pò di dignità, cristo! Io spero si licenzino tutti così una voltq rimasti senza dipendenti due domande se le fanno! Per chi dice che le ore sono poche, e che lavorate 80 o 200 ore settimanali.. ma che tipo di lavoro fate? Perchè fa molta differenza questo. E comunque, non mi è sembrato un articolo “lamentela”, anzi.. non ha mai riportato lamentele degli altri operai, anzi, sono andati a lavoro anche se malati, hanno accettato condizioni di vita estreme senza lamentarsi. Ha solo voluto documentare e rendere noto ciò che accade lì dentro. Che, a mio parere, è un grande schifo! Vorrei vedere in quanti sarebbero disposti a farlo per degli stipendi miseri così!


  • R.P.Ffm.

    Okey, il lavoro nuoce alla salute. Che fare? L’alternativa rivoluzionaria non ha funzionato… finora! Boh!?!? R.P.Ffm. PS. Gentile Redazione appellare alcuni commenti come fatti da “kapò” é scorretto, oltreche’ superficiale… poi non ci si lamenti che Grillo, Salvini, Trump & Co. raccolgano un sacco di voti popolari!


  • roberto

    perdonate un piccolo appunto ma qualcosa non mi quadra.
    nell articolo prima si afferma di lavorare dalle 7 alle 18 (11 ore)
    poi afferma di guadagnare 8,20 sterline l’ora (che a casa mia per 11 ore fa 90,20 sterline al giorno)
    poi continua dicendo di guadagnare 200 sterline a settimana………..
    Qua la matematica diventa un opinione. Ora non voglio entrare nel merito di come si lavori in amazon visto che non ne so niente non lavorandoci. Vorrei solo affermare che questo articolo mi puzza alquanto


  • tiberio

    questo è il motivo per cui non pretendo che i miei articili arrivino in un giorno.mi basta che arrivino.anche in due settimane.
    parte della colpa è nostra,di chi pretende la consegna in un giorno lavorativo.mettetevi nei panni di questi operai.fareste un lavoro del genere?se il vostro capo vi chiedesse di lavorare a questi ritmi lo fareste?no ovviamente.quindi fate in modo che anche gli altri lavorino in serenita.


  • R.P.Ffm.

    Il lavoro nuoce gravemente alla salute. I rimedi rivoluzionari del XX secolo pure. Che fare? Boh!?!? Cordialita´. R.P.Ffm. P.S. Gentile Redazione, insultare come troll o kapo´ commenti di posizioni non condivise e´ idiota! Spero succeda meno in futuro!


  • Massimilian Sterling

    Ma…. Tutte le foto mostrano gente che dorme, senza pacchi o pacchetti in mano, nessun accumulo di merce sulle postazioni di lavoro. Mah… Se davvero ci fosse tutto quello che elenca in articolo penso che non avrebbe tipo per scattare foto e tutte queste persone non dormirebbero… Ma forse mi sbaglio…

    Ah, vengono pagati 8,20 sterline l’ora, lui dichiara che ne lavorano 11, quindi dovrebbero essere più di 90 sterline al giorno, che moltiplicate per 5 gg sono più di 450 sterline a settimana: perché dice che guadagnano dopo solo 200 sterline a settimana?

    Forse ho letto male…

    Ah, quando ho da consegnare velocemente un lavoro, tempo di scattare foto non ne ho, e lui dice che…..


    • Redazione Contropiano

      Una risposta che vale per tutti e soprattutto per o troll aziendali: esiste un solo motivo al mondo per dar retta ad un commento anonimo piuttosto che a un giornalista professionista – nemmeno “comunista”, diamine – che britannica distingue i fatti dalle opinioni, ci mette la faccia e affronta anche il (sicuro) rischio della denuncia? Secondo noi, evidentemente, no


  • Kim

    55 ore settimanali… 16 km al giorno… pause di 30 minuti… niente luce solare…
    Mica solo su Amazon. Io ho fatto molto di peggio per più posti di lavoro nella mia vita.
    Sottopagata e con orari notturni. E trattata con umiliazioni e insulti. Forse c’è anche di peggio di Amazon.


  • Bashkim

    E si ripete la stessa storia. Il capitalismo è un cane che si morde la coda, tutto il resto è solo la sofferenza della gente.


  • Stefano Rolando

    C’è un sacco di gente malata qui. Spero siano tutti troll, altrimenti ricordatevi che “uomo lupo di un altro uomo” famosa frase di Adam smith è alla base del pensiero liberale e quindi del capitalismo. Frasi del tipo io spesso non ho tempo nemmeno per le foto invece di genererare competizione tra poveracci dovrebbero creare solidarietà. Povero mondo Marx vi avrebbe chiamato “Robinson”


  • clelia

    Ho letto l’articolo e non nascondo che alla fine ho sperato nell’esagerazione ed esasperazione dello stesso, ma posso comunque affermare che ho lavorato a quei ritmi. Ho lavorato tante e tante ore consecutive e senza pause adeguate, ho trattenuto all’inverosimile la necessità di andare in bagno, di bere o mangiare o semplicemente soffiarmi il naso e, ciliegina sulla torta, ho guadagnato davvero poco rapportato allo sforzo prodotto. Il mio nemico peggiore, strano a dirsi, non era il titolare o il capo addetto ai controlli, il mio vero nemico era il/la collega: già perché tutti seguivano la corsa alla produzione, la pazzia del tempo minimo impiegato, terrorizzati di restare indietro e, soggetti al paragone con colleghi “funzionanti”, essere licenziati con una scusa qualunque, nel nostro caso a non riavere il rinnovo del contratto di lavoro.
    Perché ho accettato tutto questo? Perché si trattava di una piccola azienda, perché ogni giorno mi rendevo conto di quanto anche i titolari corressero e lavorassero per evadere gli ordini, incassare e mantenere gli impegni economici trai quali anche i nostri stipendi.
    Ma qui non si tratta della famiglia Vattelapesca che con fatica cerca di mantenersi in piedi anche grazie alla pelle dei dipendenti… questa è Amazon: la modernità, la funzionalità, il prossimo futuro lavorativo… il “colosso”.
    Ecco, dal colosso non posso che aspettarmi un maggiore rispetto sotto tutti i punti di vista, diversamente stiamo imboccando una strada pericolosa e lo stiamo facendo giocando in anticipo sulla pelle delle generazioni future.


  • carlo

    cara redazione ci sono degli errori di calcolo nella busta paga
    8 sterline all’ora per 11 ore per 5 giorni
    non fa 200 sterline a settimana


  • wizard 33

    Ho lavorato 6 mesi in questo posto di MERDA dove lo sfruttamento e’ all’ordine del giorno .
    Chi , dopo aver provato , decide di continuare a lavorare in questo lager di MERDA appartiene a 2 categorie:
    MASOCHISTI e DISPERATI , spesso coincidono …


  • wizard 33

    Amazon , Castel s. Giovanni , un LAGER di MERDA !!!! Ha piu’ dignita’ un mendicante che un picker / packer che lavora presso Amazon


  • roberto

    Non ti preoccupare non c’è neppure bisogno di un Iphone…bastano 80 euro …”donati” dagli stessi che hanno messo l’italia nella posizione del terzo mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *