Menu

Lava Jato è il partito della destra brasiliana

La destra non ha partito. Cambia partito secondo la sua convenienza. Il suo partito erano le Forze Armate durante la dittatura militare. Era il blocco neoliberista – PSDB, mass media, grandi aziende – durante il governo Cardoso. Adesso il partito della destra è Lava Jato, un’alleanza tra Magistratura, mass media e grandi imprese.

Prima del colpo di stato del 1964, la destra era sostanzialmente rappresentata nell’UDN (Unione Democratica Nazionale) come partito politico e nella Scuola Superiore di Guerra, che ha formulato e diffuso la Dottrina della Sicurezza Nazionale in Brasile.

L’UDN, che aveva Carlos Lacerda come principale leader politico e candidato alle elezioni presidenziali previste per il 1965, si caratterizzò per predicare sempre il golpe: contro Vargas nel 1964, contro l’insediamento di Kubitschek nel 1965, con le dimissioni di Janio Quadros in 1961 e nel 1964, già nel golpe militare.

L’alternativa golpista era quella di costruire proprie organizzazioni, tra cui l’IPES (Istituto per gli Studi e la Ricerca Sociale) e l’IBAD (Istituto Brasiliano per l’Azione Democratica), con finanziamenti diretti dagli Stati Uniti.

Hanno prodotto contenuti per radio, televisione, giornali e cinema, predicando l’anticomunismo e il rovesciamento del governo di Joao Goulart. Hanno speso 60mila dollari nella pubblicazione di libri per ufficiali delle Forze Armate -oggetto privilegiato dell’azione golpista e hanno organizzato 1.706 proiezioni di film in caserme, basi, scuole e navi.

Poiché l’opzione della destra brasiliana è stata incanalata direttamente verso il golpe militare, l’UDN è stato definitivamente sostituito dagli alti ufficiali delle Forze Armate come partito rappresentativo della destra brasiliana. L’aspettativa di Carlos Lacerda che Kubitschek e Brizola – gli altri candidati alle elezioni del 1965 – sarebbero stati revocati e lui si sarebbe presentato praticamente da solo, fu frustrata e i militari si impadronirono dello Stato brasiliano, militarizzandolo, fino alla fine della dittatura.

Fino agli anni 2000, la destra brasiliana aveva i suoi rappresentanti nei tradizionali partiti di destra, in particolare nell’Arena (poi PDS) e nel PFL. Quando Fernando Collor è caduto, si dice che Roberto Marinho – il padrone delle Organizzazioni Globo – avrebbe detto: “Non sceglieremo più qualcuno del nostro campo”, indicando che avrebbero dovuto scegliere qualcuno dell’altro campo, che avrebbe difeso i loro interessi.

Apparve Cardoso, assumendo la carica di ministro del governo di Itamar Franco, rilanciando il programma economico di Collor con un’altra versione, che avrebbe portato al Plan Real. Per poi essere il candidato di destra alla presidenza. Da lì, ha invitato il PFL (Antonio Carlos Magalhaes, in particolare, il suo principale leader politico) a stabilire un nuovo blocco di alleanze partitiche per governare il Brasile con il modello neoliberista.

I grandi media e le grandi imprese si sono organizzati attorno a questo, formando un blocco solido e dinamico, che ha propagato le idee neoliberiste: squalifica dello Stato, apertura del mercato interno al mercato internazionale, deregolamentazione dell’economia, privatizzazione delle aziende statali, tra le altre cose.

Si è costruito un nuovo consenso nazionale, strettamente legato ai nuovi consensi internazionali dell’era della globalizzazione, che ha imposto il neoliberismo come nuova ideologia dominante anche in Brasile.

La destra brasiliana era rappresentata in loro, avendo nel PSDB – in alleanza con il PFL – la sua rappresentanza di partito politico. I media – praticamente tutti i maggiori media, dalla televisione alla radio, passando per giornali e riviste – sono stati i grandi propagatori di nuove idee, promosse come un presunto “pensiero unico”, avendo i loro nuovi teorici in un gran numero di economisti, da cui nessun governo poteva sottrarsi -avendo l’adesione di un partito che si fingeva socialdemocratico, come il PSDB- a questo nuovo modello e a queste nuove idee.

Anche dopo la fine del governo FHC, la destra brasiliana ha continuato a rappresentarsi nel PSDB, che si è contesa quattro elezioni con il PT, perdendole tutte, difendendo il programma neoliberista del governo FHC.

Nell’ultimo decennio, la destra brasiliana ha cambiato strategia e rappresentanza politica. Sconfitta quattro volte in dispute elettorali democratiche, ha optato per la scorciatoia del golpe. Ha contestato la legittimità del governo Dilma Rousseff, per appellarsi all’impeachment, senza alcuna base giuridica, promuovendo, ancora una volta, un golpe e una rottura della democrazia.

La sua rappresentanza politica si è spostata, dal primo governo Lula, alla Magistratura e, in particolare, a Lava Jato, che è diventato un vero e proprio partito politico. La sua diagnosi fu che il problema principale in Brasile era la corruzione, che il PT era il suo principale agente, che si era appropriato dello Stato e delle imprese statali per finanziare le sue campagne elettorali, diffondendo la corruzione in tutto lo Stato e il sistema politico.

Il “mensalão” è stata la sua prima versione, seguita da denunce contro imprese statali – Petrobras in primis – e imprese edili – con Odebrecht come punto culminante. I media sono stati i maggiori alleati degli organi giudiziari, diffondendo l’immagine della corruzione del PT come la grande bandiera della destra, per impossessarsi del governo e cercare di impedirne il ritorno.

La guerra ibrida, come nuova strategia della destra, ha corrotto la democrazia liberale dall’interno, perseguitando, arrestando e condannando i leader politici accusati di essere coinvolti nella corruzione, così come gli imprenditori.

Sarebbe la grande pulizia nazionale della corruzione, operata da Lava Jato, che ha avuto in giudici come Sergio Moro e Deltan Dallagnol, le sue pop star, i nuovi eroi della destra, che sono riusciti a togliere il PT dal governo, arrestare, condannare Lula e portare Bolsonaro alla presidenza della Repubblica.

Una nuova strategia golpista richiedeva quindi una nuova forma di rappresentanza politica della destra, che ora ha i suoi agenti politici nel Potere Giudiziario e, in particolare, nella Lava Jato. Intorno ad esso un’immensa rete di mezzi di comunicazione -TV, radio, giornali, riviste, Internet- si è riunita ed ha assunto sia la diagnosi che le azioni per eliminare la corruzione in Brasile.

È stata una nuova egemonia, costruita per lungo tempo in Brasile, iniziata nella lotta contro Vargas, passata attraverso il governo Goulart e terminata nei governi del PT. Riuscì a spostare la centralità del problema sociale e della lotta alle disuguaglianze, che il PT era riuscito a imporre e grazie alla quale aveva vinto democraticamente quattro elezioni.

La battaglia politica e di idee attualmente in Brasile ruota attorno ai tentativi di sopravvivenza di Lava Jato -in cui sono direttamente coinvolti Moro e Dallagnol, tra gli altri politici e media filo Lavajato- e la ripresa di diagnosi e proposte basate sulla visione che il problema principale in Brasile sono le disuguaglianze sociali, che vanno combattute con un governo che riprenda la crescita economica, la creazione di posti di lavoro e la centralità delle politiche sociali.

Per questo motivo il confronto dei partiti Lava Jato e PT (e le forze identificate con la strategia del PT) occupa oggi il centro dei dibattiti e delle discussioni politiche nel Paese.

https://www.alainet.org/es/articulo/214313

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.