Menu

Roma. Sequestrato il Gerini occupato

Il 20 agosto 2014 il CineTeatro Gerini Occupato, sito in Via Tiburtina 990, e tutta l’area annessa, sono stati messi sotto sequestro giudiziario per motivi che prescindono dall’occupazione. Ne è conseguito l’allontanamento degli occupanti che, dopo una prima occupazione del 2006, grazie alla quale il Teatro è stato riconosciuto Bene Culturale, il 9 novembre 2013 l’hanno nuovamente occupato.

Acquistato da una ditta privata e lasciato a morire per dieci anni, l’obiettivo della nuova occupazione è salvare il Teatro e restituirlo al quartiere, riconsegnandolo alla città di Roma e facendolo tornare ciò che era: un bene comune, un posto vivo, una cittadella dell’arte accessibile a tutti, nato per il popolo, salvato dal popolo e gestito dal popolo. Coordinato dai cittadini del quartiere e da alcuni professionisti del mondo dell’arte e dello spettacolo il Teatro, in questi nove mesi, è tornato ad essere uno spazio attivo del IV Municipio. Gli occupanti hanno istituito l’Associazione CineTeatro Gerini, che solo dopo aver eseguito a proprie spese numerosi interventi di ripristino della funzionalità della struttura, ha offerto una vasta programmazione di spettacoli teatrali, musicali e cinematografici, nonché laboratori di formazione artistica. Inoltre l’Associazione ha richiesto la sala consiliare agli attuali Assessori alla Cultura e all’Urbanistica per presentare un progetto di ristrutturazione e riqualificazione dello stabile e dell’area circostante, realizzato da un’équipe di professionisti del settore. Dopo ripetuti silenzi da parte dell’Amministrazione, l’associazione si è presentata con le forze dell’ordine ottenendo, unicamente sulla parola, un incontro a settembre.
L’Associazione CineTeatro Gerini vuole essere un centro di cultura, di vita sociale e di costume, un luogo familiare in cui socializzare, discutere, creare relazioni e crescere insieme. Un punto di riferimento per tutto il quartiere e la città, capace di accogliere le esigenze di ogni cittadino. L’Associazione, che ha lavorato per tutto questo, ed è attualmente l’unica realtà culturale del IV Municipio, dichiara: «Oggi fisicamente siamo fuori, ma continueremo ad impegnarci, per vie legali, affinché il Teatro possa essere restituito definitivamente ai cittadini che in questi mesi hanno partecipato attivamente e moralmente alla nostra azione. La sovranità è del popolo. La Costituzione stessa lo riconosce. Il popolo è sovrano, sempre e comunque. E non dobbiamo dimenticarlo».
L’associazione ‘Cine Teatro Gerini’

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.