Menu

Usb: in Valsusa arresti sbagliati per un’opera sbagliata

La Confederazione USB esprime solidarietà per i 20 attivisti NO Tav colpiti ieri da provvedimenti cautelari.  Un’opera sbagliata, quella dell’Alta Velocità Torino-Lione, come sbagliati sono gli arresti e le altre misure cautelari attuati ieri a Torino.

L’opposizione al Tav è opposizione alle speculazioni, agli affari di grandi gruppi economici, allo sperpero dei soldi pubblici, allo scempio del territorio e dell’ambiente, all’attacco alla salute di intere popolazioni, all’attacco alla democrazia e alla libertà.

Per questo l’USB, come sempre, si sente al fianco di chi “in valle” lotta per l’autodeterminazione della popolazione interessata dai lavori e per poter esprimere liberamente il proprio dissenso.

Per questo l’USB auspica e richiede la scarcerazione degli arrestati, il ritiro dei provvedimenti e la smilitarizzazione della Val di Susa.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.