Menu

“It’s about Revolution”: intervista ad Angela Davis

L’attuale fase negli Stati Uniti di conflitto sembra avere aperto una breccia negli assetti consolidati,  ponendo al centro del dibattito dell’opinione pubblica alcune tematiche che sembravano patrimonio di un ristretto ambito di attivisti e ricercatori.

E non si tratta solo del campo della denuncia in quanto tale di alcuni aspetti peculiari della società nord-americana – che è comunque servita da matrice per le trasformazione avvenute in tutto l’Occidente neo-liberista – ma del dibattito su proposte allo stesso tempo concrete e radicali, una agenda politica insomma.

Una di queste è la storica proposta “abolizionista” rispetto a quelle istituzioni che hanno avuto una funzione storica repressiva nei confronti delle “minoranze etniche” e di porzioni significative della working class, dalla polizia alle carceri.

Ecco un ampio stralcio di uno degli interventi più lucidi apparso nientepopodimeno che sul New York Times, nella sezione “Opinion”, scritto da Mariame Kaba, attivista e prolifica autrice afro-discendente, direttrice del NIA Projet: “Sì, vogliamo proprio abolire la polizia. Perché non verrà riformata”.

Non esiste una sola era nella storia degli Stati Uniti in cui la polizia non sia stata una forza violenta contro i neri. La polizia nel sud emerse dalle slave patrols nel 1700 e nel 1800 che catturarono e restituirono schiavi in ​​fuga. Nel nord, i primi dipartimenti di polizia municipali a metà del 1800 aiutarono a reprimere scioperi e rivolte contro i ricchi. Ovunque hanno soppresso le popolazioni emarginate per proteggere lo status quo.

Quindi quando vedi un ufficiale di polizia che preme il ginocchio contro il collo di un uomo nero fino alla sua morte, questo è il logico risultato delle attività di polizia in America. Quando un agente di polizia brutalizza una persona di colore, sta facendo quello che vede come ‘il suo lavoro’.

Ora due settimane di proteste a livello nazionale hanno indotto alcuni a chiedere il taglio delle risorse della polizia, mentre altri sostengono che farlo ci renderebbe meno sicuri (…).

Un mondo “sicuro” non è un mondo in cui la polizia tenga sotto controllo i neri e le altre persone emarginate attraverso minacce di arresto, incarcerazione, violenza e morte.

Ho sostenuto l’abolizione della polizia per anni. Indipendentemente dalla tua opinione sul potere della polizia, sia che tu voglia sbarazzarti della polizia o semplicemente per renderla meno violenta, ecco una richiesta immediata che tutti noi possiamo fare: ridurre il numero della polizia a metà e tagliare il budget a metà. Meno poliziotti equivalgono a minori opportunità per loro di brutalizzare e uccidere le persone. L’idea sta prendendo piede a Minneapolis, Dallas, Los Angeles e in altre città”.

Un altro fondamentale intervento è apparso qualche giorno prima – l’8 giugno – sempre sul prestigioso quotidiano nord-americano ed è stato scritto dalla ricercatrice ed attivista Michelle Alexander. L’Alexander è autrice di uno dei più importanti volumi sull’incarcerazione di massa dei neri nella presunta società post-razziale – “The New Jim Crow: mass incarceration incarceration in Age of Colorblindness” – ed una delle voci del documentario “XIII emendamento”.

Tre sono i punti programmatici che solleva: “dobbiamo affrontare la nostra storia razziale ed il nostro presente razziale”, “dobbiamo re-immaginare la giustizia”, “dobbiamo combattere per la giustizia economica”; cioè per il socialismo, che lei contestualizza all’oggi nel programma di Bernie Sanders e di cui traccia le origini in importanti autori nord-americani.

Ecco cosa dice a proposito del secondo punto:

Dopo decenni di riforme, innumerevoli commissioni e task force e milioni di dollari che si sono riversati in approcci “intelligenti contro il crimine”, la polizia si comporta oggi con la stessa brutalità che avevano nel 1966 quando un gruppo di giovani neri, così stufo del abuso inflitto alla comunità nera, ha creato un’organizzazione chiamata Black Panther Party for Self-Defence.

Data questa storia, non dovrebbe sorprendere che un numero crescente di persone stia lavorando per tagliare i fondi alla polizia e reinventare la giustizia. La nostra nazione ha il più alto tasso di incarcerazione al mondo. Oltre il 95 percento degli arresti ogni anno riguarda reati non violenti come il furto, l’evasione tariffaria e il furto.

Alcuni vengono arrestati per aver venduto sigarette sfuse (il che ha provocato il soffocamento a morte di Eric Garner da parte della polizia) o un falso minore (che ha provocato il soffocamento a morte di George Floyd da parte della polizia). Le persone hanno ragione a chiedersi: è questa giustizia?

Non possiamo progettare approcci alternativi alla povertà, all’abuso di droghe, alle malattie mentali, ai traumi e alla violenza che farebbero meno danni di polizia, carceri, e precedenti penali per tutta la vita? Fortunatamente, le straordinarie proteste che stanno investendo la nazione e il globo stanno iniziando ad avere un impatto.

Questo costante lavoro di ricerca coniugato con l’attivismo sul campo in queste determinate condizioni sta dando i suoi frutti.

L’invito a “cogliere l’occasione”, per citare il famoso slogan delle Pantere Nere, è ciò emerge tra l’altro dall’intervista che qui abbiamo tradotto della storica militante e studiosa afro-americana Angela Davis, fatta da Amy Goodman per l’emittente nord-americana indipendente “Democracy Now”.

L’establishment politico, sia repubblicano che democratico, non stanno affatto cogliendo la natura del cambiamento che sta attraversando la società nord-americano, o per meglio dire lo temono. Temono quella “redistribuzione della ricchezza”, quella società capace di riprodursi sulla base di altre priorità, da compiersi anche attraverso il destinare i fondi fin qui indirizzati ai dipartimenti di polizia verso, e invece, progetti sociali…

Defunding police” non è solo una richiesta contro, ma è innanzitutto una proposta per, in grado di pensare una società radicalmente diversa, di cui Angela ci mostra le intersezioni.

Nella parte finale dell’intervista Angela Davis, cita una pietra miliare del pensiero afro-americano – The Black Reconstruction, di W.E.B. DuBois – un’opera tra le più apprezzate da Martin Luther King e tra le letture di formazione politica dei membri delle Panthers.

Scritto dopo la crisi del 1929, che radicalizzò l’autore, è una descrizione del periodo della “Ricostruzione” dopo la fine della guerra civile americana ed è una profonda inchiesta di classe, ma è anche fonte di ispirazione per lo studio della storia del periodo, al di là della narrazione dominante, la testimonianza delle conquiste reali acquisite e della possibilità del cambiamento radicale insito nei processi storici.

Un libro la cui eredità intellettuale giunge fino a noi, e che ha fatto parlare alcuni studiosi recentemente della necessità di una “terza ricostruzione” dopo quella successiva alla guerra civile ed quella del movimento dei diritti civili.

Come diceva Luther King: “Le verità che fa emergere non sono ancora patrimonio di tutti gli americani ma sono penetrate a fondo nella nostra memoria e ci forniscono le armi per le nostre attuali battaglie”.

Buona lettura

*****

La rivolta contro la brutalità della polizia e il razzismo continua a diffondersi negli Stati Uniti e nei paesi di tutto il mondo, “bussando” alle sale del potere e nelle strade. Le proteste di massa a seguito dell’omicidio della polizia di George Floyd a Minneapolis il 25 maggio hanno cambiato drasticamente l’opinione pubblica sulla polizia e sul razzismo sistemico, nel mentre “togliere i fondi alla polizia” diventa un obiettivo unificante del movimento.

Discutiamo di questo momento storico con la leggendaria studiosa e attivista Angela Davis. “Non si sa mai quando le condizioni possano dar luogo a una congiuntura come quella attuale che sposta rapidamente la coscienza popolare e improvvisamente ci consente di muoverci nella direzione del cambiamento radicale“, afferma Angela. “L’intensità di queste dimostrazioni attuali non può essere sostenuta nel tempo, ma dovremo essere pronti a cambiare marcia e affrontare questi problemi in diversi campi d’intervento.”

AMY GOODMAN: Sono Amy Goodman. Mentre la rivolta nazionale contro la brutalità della polizia e il razzismo continua a turbare la nazione e il mondo, abbattendo le statue confederate e costringendo a fare i conti nei municipi e per le strade, il presidente Trump ha difeso le forze dell’ordine giovedì (11 giugno, NdT), respingendo le crescenti chiamate a de-finanziare la polizia. Ha parlato a un evento in stile campagna elettorale in una chiesa a Dallas, in Texas, annunciando un nuovo ordine esecutivo che consigliava i dipartimenti di polizia di adottare standard nazionali per l’uso della forza.

Trump non ha invitato i primi tre ufficiali delle forze dell’ordine a Dallas, tutti afroamericani. La mossa arriva dopo che Trump ha chiamato i manifestanti “THUGS” e ha minacciato di schierare le forze armate statunitensi per porre fine, cito “ribellioni e illegalità”. Questo è Trump che parla giovedì.

PRESIDENTE DONALD TRUMP: Vogliono sbarazzarsi delle forze di polizia. Vogliono davvero sbarazzarsene. Ed è quello che fanno, ed è lì che arriverebbero. E sì, sai, perché nelle posizioni più alte non ci sarà molta capacità di comando. Non è rimasta molta leadership. Invece, dobbiamo andare nella direzione opposta. Dobbiamo investire più energia e risorse nella formazione della polizia, nel reclutamento e nell’impegno della comunità. Dobbiamo rispettare la nostra polizia. Dobbiamo prenderci cura della nostra polizia. Ci stanno proteggendo. E se sono autorizzati a fare il loro lavoro, faranno un ottimo lavoro. C’è sempre una mela marcia, non importa dove tu vada. Hai delle mele cattive. E non ce ne sono molte. E posso dirti che non ce ne sono molti nel dipartimento di polizia. Conosciamo tutti molti membri della polizia.

AMY GOODMAN: Anche il candidato alla presidenza democratica Joe Biden chiede un aumento dei finanziamenti della polizia. In un editoriale di USA Today, ha chiesto ai dipartimenti di polizia di ricevere altri $ 300 milioni per, cito testualmente, “rinvigorire le attività di polizia della comunità nel nostro paese“. Mercoledì sera (10 giugno, NdT) Biden ha discusso dei finanziamenti della polizia in The Daily Show.

JOE BIDEN: Non credo che la polizia dovrebbe essere privata dei finanziamenti, ma penso che dovrebbero essere poste le condizioni in cui i dipartimenti devono prendere importanti riforme in merito. Dovremmo stabilire uno standard nazionale per l’uso della forza.

AMY GOODMAN: Ma molti sostengono che la riforma non porrà fine al sistema di polizia intrinsecamente razzista. Dall’inizio del movimento di protesta globale, Minneapolis si è impegnata a smantellare il suo dipartimento di polizia, i sindaci di Los Angeles e New York City hanno promesso di tagliare i bilanci del dipartimento di polizia; e gli appelli a “togliere risorse economiche alla polizia” vengono ascoltate in spazi che sarebbero stati impensabili solo poche settimane fa.

Bene, per ulteriori informazioni su questo momento storico, stiamo trascorrendo l’ora con la leggendaria attivista e studiosa Angela Davis, professoressa emerita all’Università della California, Santa Cruz.

Per mezzo secolo, Angela Davis è stata una delle attiviste e intellettuali più influenti negli Stati Uniti, un’icona del movimento di liberazione dei neri. Il lavoro di Angela Davis su questioni di genere, razza, classe e carceri ha influenzato il pensiero critico e i movimenti sociali di diverse generazioni. È una delle principali sostenitrici dell’abolizione del carcere, una posizione formatasi anche dalla sua esperienza di prigioniera e fuggitiva nella lista dei 10 ricercati dell’FBI più di 40 anni fa.

Una volta catturata, ha dovuto affrontare l’imputazione per un reato che l’avrebbe potuta vista condannare alla pena di morte in California. Dopo essere stata assolta da tutte le accuse, ha trascorso la sua vita a combattere per cambiare il sistema di giustizia penale. Angela Davis, bentornata su Democracy Now! È bello averti con noi oggi per ora.

ANGELA DAVIS: Grazie mille, Amy. È meraviglioso essere qui.

AMY GOODMAN: Beh, pensi che questo momento sia uno spartiacque, una svolta? Tu, che sei stata una militante impegnata per quasi mezzo secolo, vedi questo momento come diverso, forse differente da qualsiasi periodo di tempo che hai vissuto?

ANGELA DAVIS: Assolutamente. Questo è un momento straordinario. Non ho mai sperimentato nulla di simile alle condizioni che stiamo vivendo attualmente, la congiuntura creata dalla pandemia di Covid-19 e il riconoscimento del razzismo sistemico che è stato reso visibile in queste condizioni a causa delle morti sproporzionate nelle comunità di Blacks e Latinos. E questo è un momento in cui non so se mi sarei mai aspettata di sperimentare.

Quando sono iniziate le proteste, naturalmente, attorno all’omicidio di George Floyd, Breonna Taylor, Ahmaud Arbery, Tony McDade e molti altri che hanno perso la vita a causa della violenza dello stato razzista e della violenza della polizia, quando sono scoppiate queste proteste, mi sono ricordata qualcosa che ho detto molte volte per incoraggiare gli attivisti, che spesso sentono che il lavoro che svolgono non sta portando a risultati tangibili.

Chiedo spesso loro di considerare la lunghissima traiettoria delle lotte nere. E ciò che è stato più importante è la creazione di eredità, i nuovi campi di lotta che possono essere tramandati alle generazioni più giovani.

Ma ho spesso detto che non si sa mai quando le condizioni possono dar luogo a una congiuntura come quella attuale, che sposta rapidamente la coscienza popolare e ci consente improvvisamente di muoverci nella direzione del cambiamento radicale.

Se uno non coglie l’occasione quando si presenta un momento del genere, non possiamo sfruttare le opportunità di cambiamento. E, naturalmente, questo momento passerà. L’intensità delle attuali dimostrazioni non può essere sostenuta nel tempo, ma dovremo essere pronti a cambiare marcia e affrontare questi problemi in diversi campi, tra cui, ovviamente, quello elettorale.

AMY GOODMAN: Angela Davis, sei stata a lungo leader del movimento “Critical Resistance”, il movimento per l’abolizione carceraria. E mi chiedo se riesci a spiegare la richiesta, come la vedi, cosa pensi che debba essere fatto, riguardo al fatto di sottrarre i fondi alla polizia e poi rispetto all’abolizione della prigione.

ANGELA DAVIS: Beh, l’appello a togliere i fondi alla polizia è, a mio avviso, una richiesta abolizionista, ma riflette solo un aspetto del processo rappresentato da questa richiesta. Sconfiggere la polizia non significa semplicemente ritirare fondi per le forze dell’ordine e non fare nient’altro. E sembra che sia questa comprensione piuttosto superficiale del tema che ha fatto muovere Biden nella direzione in cui si sta muovendo.

Si tratta di spostare i fondi pubblici verso nuovi servizi e nuove istituzioni – i consulenti di salute mentale, che possono rispondere alle persone in crisi senza armi. Si tratta di spostare i finanziamenti verso l’istruzione, l’edilizia abitativa, le attività ricreative.

Tutte queste cose aiutano a creare sicurezza. Si tratta di apprendere che la sicurezza, salvaguardata dalla violenza poliziesca, non è realmente sicurezza. E direi che l’abolizione non è principalmente una strategia negativa. Non si tratta principalmente di smantellare, sbarazzarsi di, ma si tratta di avere una visione differente.

Si tratta di ricostruire di nuovo. E direi che l’abolizione è una strategia femminista. E si vede in queste richieste abolizioniste che stanno emergendo l’influenza fondamentale delle teorie e delle pratiche femministe.

AMY GOODMAN: Spiegalo ulteriormente questo punto

ANGELA DAVIS: Beh, voglio che noi vediamo il femminismo non solo come affrontare le questioni di genere, ma piuttosto come un approccio metodologico per comprendere l’intersezione di lotte e nodi tematici.

Il femminismo abolizionista contrasta con il femminismo basato sull’approccio carcerario (Carceral feminism nell’originale, NdT), che purtroppo ha ipotizzato che questioni come la violenza contro le donne possano essere affrontate efficacemente usando la forza di polizia, usando la reclusione come soluzione.

E naturalmente sappiamo che Joseph Biden, nel 1994, che afferma che il Violence Against Women Act è stato un momento così importante della sua carriera: il Violence Against Women Act è stato presentato all’interno del Crime Act del 1994, il Clinton Crime Act. E ciò che chiediamo è un processo di depenalizzazione, non – riconoscere che le minacce alla sicurezza, le minacce alla sicurezza, non provengono principalmente da ciò che viene definito un crimine, ma piuttosto dall’incapacità delle istituzioni nel nostro paese di affrontare i problemi della salute, questioni di violenza, istruzione, ecc.

Quindi, l’abolizione consiste davvero nel ripensare il tipo di futuro che vogliamo, il futuro sociale, il futuro economico, il futuro politico. Si tratta di rivoluzione, direi.

AMY GOODMAN: Scrivi in ​​“Freedom Is a Constant Struggle”, “L’ideologia neoliberista ci spinge a concentrarci sugli individui, noi stessi, vittime individuali e singoli autori. Ma come è possibile risolvere l’enorme problema della violenza dello Stato razzista chiamando i singoli poliziotti a sostenere il peso di quella storia e supporre che perseguendoli, esigendo la nostra vendetta su di loro, avremmo in qualche modo fatto progressi nello sradicamento del razzismo?” Quindi, puoi spiegare cosa stai chiedendo esattamente.

ANGELA DAVIS: Beh, la logica neoliberista presuppone che l’unità fondamentale della società sia l’individuo, e direi l’individuo astratto. Secondo questa logica, i neri possono combattere il razzismo cavandosela da soli (espressione idiomatica americana che significa letteralmente, “reggersi ai tiranti dei propri stivali”, NdT).

Questa logica riconosce – o non riesce, piuttosto, a riconoscere – che ci sono barriere istituzionali che non possono essere abbattute dalla determinazione individuale. Se una persona di colore non è materialmente in grado di frequentare l’università, la soluzione non è un’azione tesa a risolvere gli scompensi della società (affirmative action nell’originale, NdT), sostengono, ma piuttosto la persona deve semplicemente lavorare di più, ottenere buoni voti e fare ciò che è necessario per acquisire i fondi per pagare le tasse scolastiche.

La logica neoliberista ci impedisce di pensare alla soluzione più semplice, che è l’educazione gratuita. Sto pensando al fatto che siamo consapevoli della necessità di queste strategie istituzionali almeno dal 1935 – ovviamente anche  prima – ma scelgo il 1935 perché è stato l’anno in cui W.E.B. Du Bois pubblicò il suo germinale “Black Reconstruction in America”.

E la domanda non era cosa avrebbero dovuto fare i singoli neri, ma piuttosto come riorganizzare e ristrutturare la società post-schiavitù per garantire l’incorporazione di coloro che erano stati precedentemente ridotti in schiavitù.

La società non poteva rimanere la stessa – o non avrebbe dovuto rimanere la stessa. Il neoliberismo resiste al cambiamento a livello individuale. Chiede all’individuo di adattarsi alle condizioni del capitalismo, alle condizioni del razzismo.

Non esiste una sola era nella storia degli Stati Uniti in cui la polizia non sia stata una forza violenta contro i neri. La polizia nel sud emerse dalle “slave patrols” nel 1700 e nel 1800 che catturarono e restituirono schiavi in ​​fuga. Nel nord, i primi dipartimenti di polizia municipali a metà del 1800 aiutarono a reprimere scioperi e rivolte contro i ricchi. Ovunque hanno soppresso le popolazioni emarginate per proteggere lo status quo.

Quindi quando vedi un ufficiale di polizia che preme il ginocchio contro il collo di un uomo nero fino alla sua morte, questo è il logico risultato delle attività di polizia in America. Quando un agente di polizia brutalizza una persona di colore, sta facendo quello che vede come “il suo lavoro”.

Ora due settimane di proteste a livello nazionale hanno indotto alcuni a chiedere il taglio delle risorse della polizia, mentre altri sostengono che farlo ci renderebbe meno sicuri (…).

Un mondo “sicuro” non è un mondo in cui la polizia tenga sotto controllo i neri e le altre persone emarginate attraverso minacce di arresto, incarcerazione, violenza e morte.

Ho sostenuto l’abolizione della polizia per anni. Indipendentemente dalla tua opinione sul potere della polizia, sia che tu voglia sbarazzarti della polizia o semplicemente per renderla meno violenta, ecco una richiesta immediata che tutti noi possiamo fare: ridurre il numero della polizia a metà e tagliare il budget a metà. Meno poliziotti equivale a minori opportunità per loro di brutalizzare e uccidere le persone. L’idea sta prendendo piede a Minneapolis, Dallas, Los Angeles e in altre città”.

***

La trasmissione originale e la relativa trascrizione si trovano in https://www.democracynow.org/2020/6/12/angela_davis_historic_moment

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.