Menu

Giappone. Ormai è allarme per la fuga di radioattività

A Fukushima, dove a tre giorni dal devastante terremoto che ha colpito il Giappone, si  lotta per evitare una nuova Chernobyl. Le barre di combustibile sono rimaste scoperte in tutti e tre i reattori della centrale nucleare di Fukushima 1 ed in uno di essi potrebbe essere cominciato il processo di fusione.

Una parte della struttura di contenimento del reattore numero 2 della centrale nucleare di Fukushima I sembra essere danneggiato. Lo ha annunciato il governo giapponese, lasciando intendere che il reattore e’ tornato instabile e che una fuga radioattiva e’ possibile.

Secondo quanto riferito dall’operatore della centrale Tokyo Electric Power), a causa della discesa del livello idrico le barre di combustibile oggi sono rimaste totalmente esposte almeno due volte, ma Tepco ha ricominciato a pompare acqua del mare.

Le barre, normalmente circondate da acqua, sono surriscaldate e rischiano la fusione quando sono esposte.

Una fusione potrebbe danneggiare la struttura di contenimento e provocare una massiccia fuoriuscita di radiazioni. Per il momento, però, dice l’Agenzia internazionale per l’energia atomica, le strutture di contenimento dei reattori sono intatte e la fuga di radiazioni limitata.

L’esplosione è avvenuta nel terzo reattore, dopo lo scoppio dei giorni scorsi al reattore numero 1.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.