Menu

L’ambasciatore russo in Polonia è stato aggredito nel cimitero dei soldati sovietici

L’ambasciatore russo in Polonia Sergei Andreev è stato cosparso di vernice rossa quando ha voluto deporre una corona di fiori al cimitero dei soldati sovietici a Varsavia, ha riferito il corrispondente di RIA Novosti.

Polacchi e ucraini palesemente neonazisti hanno bloccato la strada al diplomatico, gridando insulti. Dopo l’incidente, Andreev è stato costretto a lasciare il cimitero, accompagnato dalla polizia. Sul memoriale stesso, ignoti hanno scritto frasi oscene.

Più tardi, l’ambasciatore ha detto di non essere ferito.

Non so nemmeno come chiamarlo. Questo è un gioco che non ha nulla a che fare con le regole di comportamento civile che i nostri partner occidentali, compresi i polacchi, amano insegnarci così tanto… Tutto questo potrebbe sono stati previsti, alla fine è apparsa la polizia, ma dopo che questo baccanale si è svolto. ]…] Hanno rovinato la nostra santa festa – il Giorno della Vittoria. Ma, come si suol dire, non aspetteranno“, ha detto.

L’ambasciata a Varsavia intende protestare in relazione all’attacco al capo della missione.

La portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha commentato l’incidente nel suo canale Telegram. Secondo lei, “i fan del neonazismo hanno scoperto ancora una volta la faccia – ed è sanguinante“.

La demolizione dei monumenti agli eroi della seconda guerra mondiale, la profanazione delle tombe e ora l’interruzione della cerimonia della deposizione dei fiori in un giorno sacro per ogni persona rispettabile dimostrano il già ovvio: l’Occidente ha tracciato un percorso per il reincarnazione del fascismo”, ha scritto Zakharova.

Anche la missione diplomatica russa avrebbe tenuto il reggimento immortale il giorno della vittoria, ma il ministero degli Esteri polacco ha raccomandato di non tenere questi eventi, adducendo il loro legame con l’operazione speciale russa in Ucraina e la “contraddizione” con le leggi locali. Mosca ha definito questa posizione assurda.

Fonte: RIA Novosti. 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.