Menu

Cina preoccupata per la ricerca biologica militare degli Stati Uniti in Ucraina

Il 13 maggio 2022, la Federazione russa ha presentato al Consiglio di sicurezza nuove prove sui programmi di ricerca militare degli Stati Uniti in Ucraina.

Tra questi, gli esperimenti biologici condotti a loro insaputa su pazienti mentali ucraini nell’ospedale psichiatrico n. 1 (villaggio di Streletchye, regione di Kharkov) e l’uso deliberato di un agente della tubercolosi per infettare la popolazione del distretto di Slavianoserbsk (Repubblica Popolare di Lugansk).

I documenti sequestrati dalla Russia mostrano che quattro giganti farmaceutici, Pfizer, Moderna, Merck e Gilead, erano coinvolti negli esperimenti.

Parlando in un video duplex, il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per il disarmo, Thomas Markram, ha affermato che la sua organizzazione non era a conoscenza di questi programmi e non poteva occuparsene direttamente. Ha invitato i partecipanti a risolvere la questione in modo pacifico, utilizzando le procedure previste dagli articoli V e VI della Carta.

Gli ambasciatori dei Paesi membri della Nato hanno tutti negato le accuse russe e denunciato la disinformazione.

Al contrario, l’ambasciatore cinese Dai Bing ha affermato che questi elementi spaventosi dovrebbero suscitare la preoccupazione dell’intera comunità internazionale.

Secondo la stampa statunitense, il programma di ricerca biologica militare del Pentagono è stato organizzato in Ucraina dalla società Rosemont Seneca Technology Partners (RSTP) creata da Hunter Biden (figlio del presidente Joe Biden) e Christopher Heinz (genero di John Kerry).

* da Reseau Voltaire

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.