Menu

Aziende recuperate al tempo di Uber

Tutto inizia con uno smantellamento. Dopo il fallimento, il proprietario decide di prendere tutto quello che può, iniziando a trasferire fondi in modo irregolare e commettendo frodi. Smette di pagare le tasse, smette di pagare gli acquisti, smette di pagare i fornitori, smette di pagare i suoi lavoratori.

Aldo ricorda ancora quel momento, che, nel caso de La Litoraleña, è avvenuto nel 2015: “I primi giorni non ci ha detto niente. Il subdelegato ci diceva: ‘Domani sarà depositato e poi, ancora, domani, domani, domani.’ E a quel tempo, quando ci pagavano 40.000 pesos, lui ha depositato 2.000 pesos. ma Cosa ci fai con 2.000 pesos? Ci incartava, riusciva a incartarci. Lui stava bene, eravamo noi a soffrire. E avevamo delle famiglie. Abbiamo sofferto molto”.

La fabbrica di empanadas e pascualinas dove aveva lavorato per più di vent’anni stava andando verso il fallimento. Per Aldo e i suoi quasi 100 colleghi, le dimissioni significavano disoccupazione, perdita dei benefici di anzianità e, per i lavoratori più anziani, l’impossibilità di andare in pensione.

Significava anche una sconfitta più ampia: oltre alla perdita di posti di lavoro, c’era la perdita dell’esperienza accumulata, delle competenze che gli operai avevano sviluppato negli anni, del ruolo che la fabbrica svolgeva nel quartiere. La sconfitta riguardava le loro famiglie, i loro vicini, tutti. “Finché non abbiamo deciso di rilevare l’azienda. Era difficile. Ma non c’era altro modo”.

Il 27 ottobre 2015, i dipendenti di questa fabbrica nel quartiere Chacarita di Buenos Aires, riuniti in assemblea, hanno preso una decisione: occupare gli impianti e fermare le attività dopo mesi di calo dei salari. A quel punto, la società entrò in procedura d’insolvenza.

Il proprietario aveva emesso 800 assegni a vuoto, il debito accumulato superava di dieci volte il patrimonio dell’azienda: doveva soldi a tutti. E quando scoprì che i dipendenti avevano preso il sopravvento, mise fine alle sue vuote promesse e mandò telegrammi a 29 di loro per fargli sapere che erano stati licenziati.

Ma la sua società per azioni stava scomparendo e, in termini effettivi, non era più nelle sue mani. Di fronte alla negligenza e all’incapacità dei padroni, i suoi operai cominciarono a trasformarla in un’azienda recuperata.

 

OCCUPARE

Ci sono tre momenti che sono comuni alla maggior parte delle imprese recuperate: l’occupazione, la resistenza o l’organizzazione di questa occupazione, che significa aprire le porte della fabbrica alla comunità, ricevere solidarietà da altre esperienze, ripensare, cercare finanziamenti, fondi per lo sciopero per poter sostenere quell’occupazione, quella resistenza. E poi c’è un terzo momento, che è la produzione. E questa decisione può richiedere meno o più tempo, può essere più o meno traumatica. In questo caso è stato molto veloce.”

Fabián Pierucci è oggi il presidente della cooperativa di lavoratori La Litoraleña, che attualmente impiega 48 persone. Non faceva parte della compagnia prima della sua occupazione, ma si è unito quando la formazione della cooperativa era già in corso.

È arrivato come rappresentante della FACTA, la Federación Argentina de Cooperativas de Trabajadores Autogestionados, nata nel 2006 da diversi gruppi di imprese recuperate che proliferavano all’inizio del decennio.

Il suo obiettivo a La Litoraleña era di collaborare nella formazione, nel trasferimento di tecnologia e nei compiti di gestione. E anche qualcos’altro: con il Grupo Alavío, stava girando una serie chiamata “Redes de Trabajo y la Autogestión” (Reti di lavoro e autogestione). Ha filmato tutto il processo di occupazione di La Litoraleña e quello che è venuto dopo. E non se n’è più andato.

La situazione iniziale era critica. La parola “cooperativa” fa scattare sempre un campanello d’allarme. I fornitori non volevano vendere. I clienti non volevano comprare. Il sindacato dei pasticceri aveva detto che si sarebbe unito a loro nella lotta, ma quando hanno formato la cooperativa, se ne sono andati anche loro: senza un nuovo capo al timone, hanno perso la loro quota mensile.

Il personale amministrativo, i dirigenti, i capisquadra, i venditori, la maggior parte degli autisti, tutti coloro che erano più vicini ai capi, seguirono l’esempio. Dei 115 dipendenti originari, solo 70 sono rimasti, i lavoratori regolari.

L’intera gerarchia era sparita, e con essa tutto ciò che sapevano fare. Quelli che sono rimasti nell’occupazione avevano solo esperienza di produzione, nessuna esperienza di gestione.

Il tessuto sociale che avrebbe permesso loro di resistere doveva essere un altro: i vicini, che li hanno aiutati e sostenuti fin dall’inizio; altre cooperative in una situazione simile, che li hanno sostenuti durante l’occupazione portando cibo; le organizzazioni sociali, che hanno collaborato nei momenti di mobilitazione per affrontare le minacce di sfratto, con la polizia presente alla porta ogni giorno.

Abbiamo iniziato a pensare in una logica inversa“, dice Pierucci. “Per vedere cosa arrivava, quanti sacchi di farina, cosa si produceva al giorno, quali cose costituivano il costo. Era come mettere insieme un puzzle“.

Uno era incaricato di ricevere la farina, quindi sapeva quanti sacchi arrivavano. Un altro era incaricato di fare l’operatore, quindi sapeva quante porzioni di tapitas ed empanadas venivano fatte al giorno. Rapidamente, i membri della fabbrica hanno dovuto imparare ad assumersi altre responsabilità, a negoziare, a combattere l’aumento dei prezzi, ad occuparsi dell’amministrazione quotidiana dell’impresa per mantenere la loro fonte di lavoro.

Abbiamo avuto solo una settimana senza produzione. C’erano delle rimanenze in magazzino dal giorno della chiusura. Non avevamo intenzione di buttarlo via, così abbiamo iniziato a lavorarlo per venderlo. Abbiamo iniziato a recuperare i clienti, a spiegare loro la situazione…“. In pochi giorni, il 6 novembre, in piena occupazione, la produzione è ripartita.

Come passo successivo, hanno chiesto al tribunale di accelerare il fallimento e creare la cooperativa, che è stata ufficialmente costituita nel gennaio 2016. Ma lo stesso tribunale che aveva verbalmente favorito il piano, quando venne il momento di decretare il fallimento, e di fronte al business plan proposto dai lavoratori, negò loro il permesso di operare, sostenendo che l’occupazione era illegale. Iniziò così un lungo iter processuale che è tuttora in corso.

La sentenza (ultima) contro di noi esce nel mezzo della pandemia, alla fine del 2020, decretava che dovevamo lasciare la fabbrica. Di nuovo. E ci siamo appellati di nuovo. Penso che vinceremo di nuovo l’appello, ma è come una storia senza fine. Siamo qui da sei anni. Oggi siamo qui legalmente, la fabbrica è autorizzata come cooperativa. L’occupazione, diciamo, è un simbolo. Ma stiamo facendo ricorso contro una sentenza di sfratto, quindi siamo molto instabili”.

 

 

RESISTERE

La lotta contro la chiusura delle imprese e per il recupero delle fabbriche e di altre unità produttive tende ad essere associata alla crisi iniziata nel 2001. Tuttavia, anche se in modo meno visibile, il processo era iniziato almeno un decennio prima, nel mezzo del processo di deindustrializzazione, ed è cresciuto durante il decennio neoliberale, raggiungendo il cento durante l’esplosione sociale.

Secondo le indagini effettuate dal programma Open Faculty della UBA, ci sono ora più di 400 imprese recuperate in Argentina, con circa 15.000 lavoratori. La realtà è che oggi, vent’anni dopo, ci sono più imprese recuperate che mai.

Secondo Andrés Ruggeri, antropologo sociale e coordinatore di questo programma alla Facoltà di Filosofia e Arti dell’Università di Buenos Aires dal 2002, questo indica che, per i lavoratori in situazioni di fallimento, lo strumento del recupero “ha molta attrattiva e continua ad essere utilizzato“.

Ci sono ancora aziende recuperate ora, più di 50 di queste aziende recuperate su 400 sono degli ultimi due o tre anni. E ciò che indica è che quando una fabbrica chiude, un’azienda, non necessariamente diventerà un’azienda recuperata, ma l’opzione di recuperarla è presente, si presenta nella discussione”.

Diversi fattori contribuiscono a questo. Le esperienze passate hanno permesso il rafforzamento delle reti di sostegno sociale che oggi offrono risorse alle imprese appena recuperate, consigli, avvocati per il processo legale, esperienza su ciò che accadrà o potrà accadere dopo. “Ogni esperienza evita, attraverso l’assistenza delle reti, di dover ricominciare tutto da zero, di dover scoprire il processo come se non fosse mai esistito“.

Allo stesso tempo, la relazione del settore con lo Stato è ineludibile. Non è lo stesso trovarsi di fronte a un governo che non interviene, o uno che si oppone, o uno che lo sostiene.

Oggi la situazione è meno conflittuale che in altri momenti (come durante il governo di Mauricio Macri). È stato creato l’INAES (Istituto Nazionale di Associativismo ed Economia Sociale), e ci sono referenti storici dei recuperati che occupano posizioni nelle istituzioni, il che facilita l’accesso ai finanziamenti.

Ma le questioni fondamentali, che sono i cambiamenti nella legislazione, i cambiamenti nella struttura del modo in cui lo stato tratta le aziende recuperate, non sono cambiate. C’è ancora precarietà, le questioni legate alla sicurezza sociale e ai diritti del lavoro non sono state toccate.

Il fatto che c’è un lavoratore diverso dal tipico lavoratore dipendente, in un rapporto di dipendenza, e che non è né un imprenditore né un lavoratore autonomo. La società recuperata è un’entità diversa, un diverso tipo di organizzazione. Questo tipo di lavoratore, che è collettivo, non è ancora riconosciuto“.

Nel 2011, la riforma della legge sui fallimenti ha dato, sulla carta, la priorità ai lavoratori, di recuperare un’azienda in procedura fallimentare se questi si sono costituiti in cooperativa. Ma l’implementazione nella pratica è molto al di sotto della teoria.

Nella maggior parte dei casi, la formazione della cooperativa è solo il primo passo in un labirinto giudiziario. I tribunali si pronunciano spesso contro i lavoratori, costringendoli a ricorrere in appello più volte, a vivere sotto la costante minaccia di sfratto e a concedere al massimo proroghe temporanee.

A volte, come nel caso de La Litoraleña, i precedenti proprietari lasciano grandi debiti che i lavoratori devono assumere e risolvere. Nel loro caso, sono riusciti a evitare la bancarotta con i crediti che sono rimasti dai salari persi e dalle indennità di licenziamento.

Ma nel processo hanno anche dovuto affrontare un tentativo di mettere all’asta la proprietà delle strutture, dettato arbitrariamente da un tribunale. L’attuale legislazione ha ancora abbastanza scappatoie per essere aperta all’interpretazione di una magistratura che opera in una logica di classe e con una visione padronale. L’accettazione o meno dei piani proposti dai lavoratori dipende dai giudici.

Questa combinazione di fattori crea una situazione paradossale per le imprese recuperate. Da un lato, il dialogo con lo Stato ha fatto sì che il Ministero dello Sviluppo Sociale stia per attuare il programma di finanziamento REDECO, il primo ad essere realizzato con l’obiettivo specifico di sostenere le imprese recuperate costituite come cooperative. Fino a 1,2 miliardi di pesos saranno investiti in progetti per l’acquisto di macchinari e altre operazioni.

Ma a causa della mancanza di impegno per il riconoscimento del modello autogestito stesso, non sarebbe impossibile che, una volta ricevuto un determinato contributo, i tribunali emettano un’ordinanza di sfratto il giorno dopo.

La mancanza di riconoscimento istituzionale pone le imprese recuperate in una “zona grigia” dell’economia. Devono pagare le tasse, ma non possono accedere al credito. Non hanno nemmeno accesso all’assicurazione contro i rischi professionali, ma devono stipulare un’assicurazione contro gli infortuni. Devono pagare i contributi sociali, ma le pensioni che ricevono sono minime.

Sulla loro strada verso il riconoscimento legale, devono rispettare ogni sorta di requisiti amministrativi (ottenere permessi operativi, permessi municipali, registrare la fabbrica, stipulare un’assicurazione), ma tendono ad essere in gran parte invisibili a coloro che sono al potere finché non si verifica una crisi.

Questa situazione è peggiorata durante la pandemia e l’isolamento sociale preventivo obbligatorio, che ha portato persino alla chiusura di casi emblematici nel mondo dei pignoramenti, come l’Hotel Bauen. Durante la pandemia, lo stato ha implementato due strumenti per sostenere i posti di lavoro.

L’ATP (Assistenza al Lavoro e alla Produzione), che finanziava la metà dei salari dei lavoratori delle imprese dipendenti, e l’IFE (Reddito Familiare di Emergenza), destinato ai lavoratori non registrati, ai lavoratori autonomi o ai membri dell’economia popolare.

Ma i lavoratori delle cooperative operaie autogestite non erano né una cosa né l’altra. Alcuni di loro sono riusciti a rientrare nella categoria dei settori essenziali per mantenere le loro attività. Il resto, fino all’arrivo delle patch di emergenza, non poteva beneficiare di nessuna delle due politiche.

E perché sono rimasti fuori? Perché nessuno li ha visti. (…) Era molto sintomatico della misura in cui l’autogestione è invisibile in certi settori del potere, anche in quelli ‘benintenzionati’. Al massimo, li vedono come un problema. ‘Bene, cosa facciamo con questi ragazzi’. Possono porsi questa domanda. Quello che non si chiedono è: ‘Questa è un’alternativa’. Questa è una forma economica diversa ed è nel nostro interesse che venga promossa“. Non c’è modo che questo accada.

Alla base di questo sembra esserci una mancanza di volontà politica. Ma anche la volontà politica ha bisogno di una forza sociale che la spinga avanti. Le grandi mobilitazioni dell’inizio degli anni 2000 a sostegno delle recuperadas e di ciò che rappresentavano all’epoca, che a volte riuscivano persino a far approvare leggi di espropriazione, sembrano ora essere state abbandonate.

(Nel 2001) erano parte di un intero processo di mobilitazione sociale, di messa in discussione del sistema politico ed economico, e le imprese recuperate erano una cassa di risonanza per molte cose, molto più di quello che rappresentavano in termini economici, in termini di numero di persone coinvolte. Ma ora sono ridotti a quello che sono. Non hanno la forza di provocare, per esempio, un voto al Congresso Nazionale su una legge sul lavoro autogestito. È diventato un movimento che, sebbene più grande di prima, è più debole simbolicamente e politicamente, perché ora ha meno capacità di avere un impatto sulle politiche pubbliche.”

PRODURRE

Vent’anni fa, il fenomeno delle imprese recuperate è stato percepito dal campo popolare come la punta di diamante di un progetto impegnativo che aspirava a cambiare strutturalmente la società, diventando un mito per le lotte anticapitaliste dentro e fuori i confini.

Per chi è al potere, con una visione più o meno benevola, sono stati interpretati al massimo come una formula di emergenza e di contenimento dei settori vulnerabili.

Ma due decenni dopo quel momento, continuare a intendere l’autogestione come un’isola ai margini della società in cui transita rende un cattivo servizio alle reali possibilità di sviluppo di questo modello alternativo e dei suoi lavoratori.

Ciò che sostiene e permette il mantenimento di un’impresa autogestita è ancora la sua capacità di salvaguardare i posti di lavoro, di produrre e quindi di assicurare un reddito ai suoi lavoratori.

Una piccola impresa può essere in grado di sostenersi in un mercato parallelo solidale, ma non c’è modo che una fabbrica metalmeccanica possa garantire decine o centinaia di salari decenti con le spalle al mondo, ancor meno di fronte alle crisi sistemiche.

È necessario fare un bilancio critico di queste esperienze se vogliamo ricostruire un progetto dal basso che possa contestare il modello economico, la gestione del lavoro e la distribuzione della ricchezza.

Non c’è dubbio che le esperienze di autogestione sono costrette a vivere contro grandi ostacoli. Ma oggi l’instabilità sembra essere il pane quotidiano dei lavoratori di tutti i settori.

Numerose imprese recuperate sono sopravvissute finora a cambi di governo, aumenti inflazionistici, aumenti tariffari e persino a una pandemia. E lo hanno fatto sotto la gestione dei propri lavoratori, saltando gli intermediari, mantenendo un funzionamento interno diverso dalle logiche capitaliste, scommettendo su un modello più democratico e orizzontale, prestandosi aiuto e risorse a vicenda. Tutto questo, mentre si naviga in mezzo a un mercato aggressivo e poco solidale.

Per Andrés Ruggeri, i vantaggi concreti delle recuperadas rimangono, e sicuramente spiegano perché questo modello continua a crescere: “Molti sono riusciti a ricostruire quei posti di lavoro e la loro attività economica, e la cosa più importante non è che siano riusciti a farlo, ma come sono riusciti a farlo. La questione dell’autogestione, in molti casi, è più qualitativa che quantitativa.

È un lavoro meno sfruttato. Implica anche ottenere migliori condizioni di lavoro, più libertà, più solidarietà, anche se sembra una parola che si ripete troppo spesso, ma è reale, e in questo senso, qualitativamente, permette di dare altre risposte. Un’azienda autogestita può permettersi di pensare a cose che alle aziende capitaliste non interessano, cose che hanno a che fare non solo con il benessere dei suoi lavoratori, ma anche con il benessere sociale generale.

Per esempio, considerare che un certo prodotto non è buono per l’ambiente e cercare una soluzione. L’azienda capitalista farà i conti e dirà: ‘Se un prodotto più verde ci dà più profitto, lo sceglieremo’. Ma se perdiamo soldi, non ci interessa, lasciamoli fallire.”

In un momento in cui stiamo vivendo un assalto di rinnovate forme di sfruttamento sotto la maschera delle nuove tecnologie, camuffate sotto lo slogan di “imprenditoria personale“, che non fanno altro che incoraggiare la disintegrazione, l’individualismo e la competitività dei lavoratori in un contesto di crescente precarietà, le imprese recuperate aprono anche la porta per ritessere i legami tra i lavoratori in un momento in cui sembrano essere stati persi.

Nella cooperativa operaia La Litoraleña, l’assemblea è stata stabilita fin dall’inizio come organo decisionale. Hanno un consiglio di amministrazione determinato dalla Legge Cooperativa che, in questo caso, corrisponde alla gestione operativa della fabbrica.

Le sue riunioni sono un organo di pianificazione allargato: vi partecipano i capi di ogni settore dell’organigramma e ogni operaio può assistere. Tutte le posizioni, dai membri del consiglio ai capi di ogni settore, ruotano.

Dal primo all’ultimo membro della fabbrica ricevono lo stesso salario, indipendentemente dalle loro responsabilità; un’altra decisione che è venuta da quella prima assemblea che ha portato all’occupazione e al percorso di autogestione.

Non c’è nessuna plusvalenza qui“, sottolinea Fabián Pierucci, che presto completerà i suoi tre anni di presidenza della cooperativa, passando il testimone a un nuovo consiglio. “Perché abbiamo tutti lo stesso reddito. Non è possibile che ci sia un valore aggiunto in questa fabbrica“.

Parallelamente, la cooperativa mantiene una politica di “porte aperte”. Cerca di mantenere uno stretto legame con il quartiere, svolgendo lavori comunitari, sostenendo altre cooperative in resistenza e accogliendo regolarmente le scuole per condividere l’esperienza tra i bambini.

In misura maggiore o minore, tutte le imprese recuperate cercano di restituire qualcosa alla comunità che le ha sostenute e di nutrire la rete che ha permesso loro di costruire il loro progetto.

Queste esperienze non devono essere idealizzate. Né dovremmo sottovalutarli. Ma bisogna essere presenti ogni giorno.”

Il lavoro continua dietro le pareti della fabbrica di tapas ed empanadas di Chacarita. Vestiti con le loro retine per capelli e uniformi bianche, gli operai preparano l’impasto di farina e margarina, aggiungono gli strati di pasta sfoglia, la stendono, la assottigliano, la tagliano.

La materia prima attraversa il suo ciclo attraverso le macchine, viene trasportata e lavorata da un nastro trasportatore all’altro dagli operai prima dell’imballaggio, finché il prodotto è pronto per l’imballaggio, passa attraverso il muletto e i coperchi entrano nel settore del freddo per un’ulteriore distribuzione.

È difficile per certi versi, ma è difficile anche all’esterno. Hai visto Tempi moderni di Chaplin? L’uomo forte che, ogni volta che cambia la leva, la velocità del nastro va più veloce, e Chaplin impazzisce. Non riesce a completare il suo compito. Questo non esiste qui. Non esiste. Abbiamo la nostra mensa, ci incontriamo, ci diamo il cambio, abbiamo tempi lassisti. Nessuno darà fastidio a nessuno. È fantastico.”

https://www.elsaltodiario.com/argentina/empresas-recuperadas-litoralena-tiempos-uber

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.