Menu

Il governo bocciato dalla scuola

”Docenti, studenti ne’ servi ne’ clienti. Dignita’ e futuro per la scuola della Costituzione”, è lo slogan dello striscione di apertura del corteo dei docenti, studenti, lavoratori della scuola e genitori a Roma contro i tagli e provvedimenti sulla scuola contenuti nella legge di stabilita’. Il corteo cittadino, promosso dal Coordinamento delle Scuola di Roma, partira’ alle 14.30 da Piazza dell’Esquilino per concludersi in piazza SS. Apostoli.

Alla manifestazione hanno aderito anche diverse organizzazioni sindacali e politiche: Cobas della scuola di Roma; Coordinamento delle lavoratrici e dei lavoratori autoconvocati contro la crisi; Coordinamento delle scuole secondarie di Roma; Comitato No Debito; Federazione della Sinistra di Roma; Flc-Cgil di Roma e Lazio; Italia dei Valori; Sinistra Critica; Sinistra Ecologia Liberta’; Unicobas Scuola; Usb Scuola, USI Scuola.

Il movimento in difesa della scuola pubblica statale continua a diffondersi nelle scuole di tutta Italia. A seguito dell’appello del coordinamento ‘La scuola in lotta manifesta il 10 novembre’ ci saranno iniziative di protesta anche a Milano, Napoli e Taranto.

A Roma sono oltre ottanta le scuole che hanno adottato in assemblee o nei collegi docenti mozioni di protesta contro le politiche di austerita’ applicate all’istruzione, per la cancellazione dell’art. 3 del ddl di stabilita’ che aumenta l’orario di insegnamento a 24 ore, contro il ddl 953 (ex Aprea) che smantella gli organi collegiali e permette l’ingresso dei privati nella scuola pubblica, contro i tagli alla scuola e per il rifinanziamento massiccio dell’istruzione pubblica, che consenta l’assunzione stabile dei precari e il ripristino di una didattica di qualita’ per tutte e tutti. ”Lottiamo per la scuola di tutti, – spiegano gli organizzatori – quella prevista dalla Costituzione nata dalla Resistenza, che affidava proprio alla scuola il compito di costruire un paese libero, democratico, che a tutti garantisse uguali diritti. Chi non si riconosce in questo non puo’ riconoscersi nelle nostre rivendicazioni”. Il Coordinamento promuove inoltre la partecipazione allo sciopero generale europeo del 14 novembre, facendo appello a ”tutti quei movimenti e quelle realta’ che lottano contro le ingiustizie economico-sociali presenti nella legge di stabilita’ attualmente in discussione in parlamento ed in generale contro la politica di distruzione sociale patrocinata dalla BCE, per la creazione di uno spezzone unitario dei movimenti contro l’austerita’ che, superando le divisioni sindacali italiane, attraversi i cortei previsti a Roma, e si concluda con un ‘assedio’ a Montecitorio”.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.