Menu

9 marzo. I quadri aziendali aderiscono allo sciopero generale Fiom

L’Agenquadri aderisce allo sciopero Generale Fiom del 9 marzo. “Agenquadri condivide le ragioni sostenute all’unanimità dal Comitato centrale Fiom Cgil e per questo aderisce allo sciopero generale in programma venerdì 9 marzo”. E’ quanto si legge in una nota di Agenquadri, l’associazione di rappresentanza di quadri, professionisti ed alte professionalità affiliata alla Cgil. L’associazione condivide i punti della piattaforma della Fiom: “Va respinta ogni manomissione dell’articolo 18, così come la riunificazione dei diritti nel lavoro, la difesa dell’occupazione e la costruzione di nuovi posti di lavoro sono oggi la vera priorità economica, sociale e politica. Bisogna inoltre prevedere un piano di investimenti pubblici e privati per un rilancio del sistema industriale fondato su innovazione, formazione e sostenibilità”.

Infine, “la qualificazione della contrattazione collettiva, a partire dai Ccnl, passa anche attraverso una reale democrazia nell’esercizio della rappresentanza, che deve essere più inclusiva, e nell’affermazione delle libertà sindacali”. Per questi motivi, Agenquadri aderisce allo sciopero generale proclamato dalla Fiom-Cgil e parteciperà con una propria delegazione alla manifestazione nazionale a Roma.

Del resto, dopo le minacce pronuncate ancora ieri da Marchionne, appare chiaro che i tempi sono cambiati: ora i “quasi-dirigenti” rischiano come e più degli operai….

Marchionne: nuove «condizioni» per restare in Italia. Il governo tace

Francesco Paternò

Il governo Monti tace, il ministro per lo Sviluppo Corrado Passera dice che forse ci sarà un incontro. Eppure l’amministratore delegato di Fiat-Chrysler torna a chiedere «condizioni chiare» per mantenere la produzione in Italia, anche se poi impedisce ai tre operai di Melfi di rientrare al lavoro, sentenza chiarissima e disattesa. Quali sono allora queste «condizioni», che pure sembravano già esserci dopo la fine del contratto nazionale firmata tra azienda e sindacati esclusa la Fiom? «Io non posso – ha fatto sapere da Bruxelles Marchionne parlando da presidente dei costruttori europei (Acea) – continuare a perdere soldi in Europa semplicemente per mantenere un sistema industriale in piedi che economicamente non ha base». Ma questo valeva anche due anni fa, quando il mercato europeo era già in discesa, lui prometteva 20 miliardi di investimenti e cominciava a imporre Fabbrica Italia. Che voglia libertà di licenziare e basta? «Condivido in larga parte le preoccupazioni» del presidente della Bce, Mario Draghi «sul fatto che il sistema di welfare, così come lo abbiamo vissuto in Europa, deve essere ripensato e ridimensionato completamente», ha detto ancora Marchionne. «Sfortunatamente gli europei si devono rendere conto che il mondo è un posto incredibilmente piatto. Noi tutti siamo cresciuti pensando che il mondo fosse rotondo, ma chiunque gestisce una multinazionale si rende conto che il mondo è assolutamente piatto. Ddobbiamo essere abbastanza aperti da riconoscere che la sfida è altrove e non possiamo continuare a ignorarla. Quindi penso che sia giunto il momento di rimboccarci le maniche», per risolvere (a modo suo) i problemi del mercato. Dove, ha sottolineato, c’è una sovracapacità produttiva a livello europeo del 20%. «Credo – chiude il manager- che il governo Monti in poco tempo abbia fatto un grandissimo lavoro per spostare in avanti l’agenda del paese. Bisogna dargli ancora tempo per vedere come riusciamo a chiudere questa partita».
«Bisognerebbe smetterla di farsi chiedere delle cose dall’ad di Fiat», ha replicato a distanza la segretaria generale della Cgil Susanna Camusso, e invece «il governo, in nome e per conto di questo Paese, dovrebbe chiedere all’ad di Fiat che cosa fa per investire in Italia». Marchionne intanto investe ancora all’estero: ieri è stata resa nota una lettera d’intenti firmata con la russa Sberbank per la produzione in due stabilimenti in Russia di Jeep, «spero entro il 2013». L’auspicio è comprensibile: la banca russa, governata da un ex ministro dell’economia molto vicino a Vladimir Putin, si era messa di traverso nel 2009 contro la Fiat per l’acquisizione di Opel e poi ancora, nella trattativa con Sollers, ha cambiato cavallo lasciando Fiat e facendo chiudere l’accordo alla Ford. Come banca d’affari, non sembra il massimo in quanto ad affidabilità.
Marchionne ha infine tirato su il titolo in borsa confermando pubblicamente a Bruxelles di essere alla ricerca di un terzo partner. Eventuali alleanze in Asia con Suzuki e Mazda sono «opportunità da esaminare», ha buttato lì, dopo aver perso la corsa (se mai c’è stata davvero) con i francesi di Peugeot-Citroen, oggi sulla via di un’intesa con Gm Europa. Fiat già vende motori a Suzuki, il partner ideale per l’alleanza, se non fosse che i giapponesi sono legati alla Volkswagen e ora in contenzioso davanti a un tribunale di Londra.

da “il manifesto”

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.