Menu

Catania. Studenti e precari bloccano gli uffici dell’ex Mercato ittico

Dopo l'Agenzia Giovani del comune di Catania e l'Ufficio avviamento al Lavoro, stamattina  gli studenti e i precari di "Generazione Ingovernab ile" hanno bloccato gli uffici dell'ex Mercato ittico, immobile del comune di Catania, dove sono stati appesi diversi striscioni con scritto: "Basta malagestione e speculazione dei governi: vogliamo tutto ciò che ci spetta!".

i locali abbandonati"L'enorme stabile – denunciano i giovani – è ormai lasciato in disuso da diversi anni e nonostante siano state lanciate tante idee e proposte per un nuovo utilizzo del bene, le voci non si sono mai tramutate in fatti concreti. Il risultato è che l'impianto risulta oggi devastato, derubato e privo di acqua e luce". "In aprile- dicono i manifestanti- l'allora assessore al Patrimonio Girlando aveva detto:“La sede dell’assessorato ai lavori pubblici, attualmente al Faro Biscari, e che costa alle casse del Comune ben 800 mila euro, potrà essere trasferita nel plesso ristrutturato dell’ex mercato ittico.”
Ma anche questa ipotesi non sembra avere seguito, ed il fatto che l'assessore si sia dimesso non rassicura". "Con questa iniziativa – spiegano i giovani studenti e precari – abbiamo voluto accendere i riflettori sulla cattiva gestione dei beni, del patrimonio.

1Perchè? Siamo la generazione obbligata al lavoro gratuito, la generazione che deve subire la scuola-azienda e i presidi sceriffo, siamo la generazione che deve vivere e formarsi in un'università definanziarizzata e aziendalizzata, che deve subire e accettare il divario tra università del nord e del sud Italia.
La generazione eternamente precaria, senza garanzie e sussidi.
Tutto questo non ci esenta dal pretendere un presente diverso.
Non tolleriamo lo spreco e l'abbandono, non tolleriamo le eterne bugie di amministratori indifferenti.
Quando sarà restituito alla collettività questo enorme edificio?
Quanti beni abbandonati dovranno esserci mentre mancano le strutture sportive, ricreative, sociali per giovani e non?
Quanti soldi spenderanno ancora le amministrazioni inutilmente mentre noi lottiamo ogni giorno per stipendi decenti?

In attesa di risposte,
SAREMO LA GENERAZIONE INGOVERNABILE E CI RIPRENDEREMO IL NOSTRO FUTURO, GIORNO DOPO GIORNO!".

* "Generazione Ingovernabile", il 21 ottobre, è stata una delle componenti studentesche attivissime durante il  corteo, in occasione dello sciopero generale indetto dall'USB.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.