Menu

Roma. Giornata del migrante, la polizia ferma un avvocato e minaccia la piazza

Qualcuno, ai piani alti del governo e delle polizie, è ormai fuori come un balcone.

Ieri, a Roma, al Pantheon, si è tenuto un presidio per la Giornata mondiale del rifugiato, scadenza fissata dall’Onu (non da un centro sociale o un gruppo di integralisti di qualche religione).

Decine di persone sono ovviamente arrivate nella pizza, peraltro gremita di turisti, con l’intento di denunciare “l’Europa dei confini e dei respingimenti”.

Tra gli oratori chiamati a parlare brevemente alcuni esperti del problema, tra cui un avvocato e attivista che ha correttamente e tecnicamente criticato il “Decreto Minniti” (quello specifico per i migranti).

Detto fatto, è stato fermato e identificato dalla polizia che, con la delicatezza che la contraddistingue, sull’esempio dei “colleghi” di Aulla, lo ha minacciosamente “invitato” a mostrare i documenti, senza peraltro spiegare il motivo del loro intervento.

A quel punto l’intera platea dei convenuti – ripetiamo: per una scadenza istituzionale decisa dall’Onui, quindi in teoria anche dal nostro beneamato governo – ha cominciato a protestare contro l’evidente abuso.

Non paghi della figura già fatta, la polizia ha deciso di identificare tutti i presenti.

In nome della libertà d’espressione, naturalmente…

Qualcuno , ai piani alti del governo e delle polizie, è ormai fuori come un balcone.

Ieri, a Roma, al Pantheon, si è tenuto un presidio per la Giornata mondiale del rifugiato, scadenza fissata dall’Onu (non da un centro sociale o un gruppo di integralisti di qualche religione).

Decine di persone sono ovviamente arrivate nella pizza, peraltro gremita di turisti, con l’intento di denunciare “l’Europa dei confini e dei respingimenti”.

Tra gli oratori chiamati a parlare brevemente alcuni esperti del problema, tra cui un avvocato e attivista che ha correttamente e tecnicamente criticato il “Decreto Minniti” (quello specifico per i migranti).

Detto fatto, è stato fermato e identificato dalla polizia che, con la delicatezza che la contraddistingue, sull’esempio dei “colleghi” di Aulla, lo ha minacciosamente “invitato” a mostrare i documenti, senza peraltro spiegare il motivo del loro intervento.

A quel punto l’intera platea dei convenuti – ripetiamo: per una scadenza istituzionale decisa dall’Onui, quindi in teoria anche dal nostro beneamato governo – ha cominciato a protestare contro l’evidente abuso.

Non paghi della figura già fatta, la polizia ha deciso di identificare tutti i presenti.

In nome della libertà d’espressione, naturalmente…

Identificazioni a chi critica il decreto Minniti

AVVOCATO IDENTIFICATO AL PANTHEON PER AVER CRITICATO IL DECRETO MINNITIOggi al Pantheon si è tenuto un presidio per la Giornata mondiale del rifugiato. Decine di persone sono accorse per denunciare l'Europa dei confini e dei respingimenti. Un avvocato e attivista che si è pronunciato contro il Decreto Minniti è stato fermato e identificato dalla polizia che, con fare minaccioso, gli ha chiesto i documenti senza esplicitare il motivo del loro intervento. Dopo le proteste della piazza contro questo abuso, la polizia ha deciso di identificare tutti i presenti

Pubblicato da DINAMOpress su Martedì 20 giugno 2017

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *