Menu

Vicenza. Assolti ventiquattro lavoratori della Ascot

Il tribunale ha archiviato le accuse contro i lavoratori che avevano bloccato i cancelli durante una vertenza sindacale contro i licenziamenti.

Il 15 aprile 2010 Usb insieme  ai lavoratori della Ascot srl che gestiva un impianto di riciclo della plastica per conto di SIT (consociata Aim) organizzò una manifestazione contro i licenziamenti  di 24 lavoratori.
L’iniziativa venne condotta con (dalla  requisitoria del Pm) “..alcune catene e lucchetti applicati a cancelli che  bloccavano gli stessi… questo mentre all’interno era in corso una normale attività lavorativa di  alcune lavoratrici”.. ” ,  allo scopo di compiere una azione sindacale per  protestare contro il fatto che 24  lavoratori  erano stati lasciati a casa dalla nuova società subentrata alla vecchia; visto che l’azione sindacale  “è stata di durata  limitata, dalle ore   10 alle ore 13 e che i dirigenti  hanno potuto entrare ed uscire mentre  alcuni camion  di conferimento rifiuti erano bloccati sia all’interno che all’esterno della ditta” ..”visto il fatto che non ci sono stati danni a persone e cose, che i carabinieri intervenuti hanno controllato la situazione  rimuovendo catene e lucchetti, non paiono ravvisabili  gli estremi di reato di violenza privata ne di interruzione di pubblico servizio”   con queste motivazioni la PM Dal Martello chiede l’archiviazione della denuncia. Archiviazione accolta dal tribunale giudice  Giuffrida. La vertenza ebbe una conclusione positiva; parte del personale venne riassunto   alla Ascot altri presso il Centro riciclo di Monselice
gestito dalla stessa società, altri assunti da altre società del settore.
Questa lotta insegna che  la determinazione dei lavoratori  a volte paga oltre che nel raggiungere risultati concreti anche sul piano del diritto giuridico.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.