Menu

“Come giornalisti abbiamo fallito nell’informare sulla Palestina”

Circa 250 giornalisti, inclusi reporter del Washington Post, del Wall Street Journal e del Los Angeles Times hanno firmato una lettera aperta ai media per fermare l’oscuramento sull’oppressione della Palestina.

Una lettera aperta “scritta da e per i giornalisti” chiede all’industria dell’informazione di smettere di “oscurare l’occupazione israeliana e l’oppressione sistemica dei palestinesi” nei media.

Firmata da 250 giornalisti che lavorano per alcuni dei principali media del mondo, la lettera, pubblicata mercoledì scorso, accusa i media mainstream di “fallire” nell’informare il loro pubblico con una “malapratica giornalistica decennale” che ha disinformato il pubblico sulla realtà dell’occupazione israeliana.

“Trovare la verità e chiedere conto ai potenti sono i principi fondamentali del giornalismo”, si legge nella lettera. “Tuttavia, per decenni, la nostra industria dell’informazione ha abbandonato quei valori nella copertura di Israele e Palestina. Abbiamo deluso il nostro pubblico con una narrativa che oscura gli aspetti più fondamentali della storia: l’occupazione militare di Israele e il suo sistema di apartheid”.

La lettera invita i giornalisti e le testate giornalistiche a rispettare il loro “dovere” e “cambiare rotta immediatamente” in termini di copertura su Israele e Palestina. “Le prove dell’oppressione sistematica dei palestinesi da parte di Israele sono schiaccianti e non devono più essere ripulite”.

Giornalisti del Washington Post; del Wall Street Journal; del Daily Beast; del Texas Watcher; di Vice news; di Interceptor; Jewish Current; del Los Angeles Times; del Condé Nast ed altri hanno firmato la lettera.

Tuttavia, non tutti coloro che hanno firmato erano disposti a farlo pubblicamente, poiché circa 30 giornalisti hanno scelto di firmare la lettera fornendo solo il nome della loro azienda, non se stessi. Tuttavia, gli organizzatori hanno assicurato che ciascuna delle firme è stata verificata come giornalisti attuali o ex.

Sana Saeed,  di Al Jazeera, ha affermato che coloro che hanno firmato in modo anonimo probabilmente stanno ancora facendo il “duro lavoro interno nelle loro redazioni” mentre lavorano entro i limiti dei contratti e delle aspettative.

“Come giornalisti, con diversi contratti, protezioni editoriali, ambienti e garanzie sul lavoro, il lavoro per spingere contro la complicità dei media nell’apartheid è costante”, ha detto Saeed su Twitter.

La decisione di firmare in modo anonimo è probabilmente collegata al contraccolpo che gli individui nei media e in altre industrie hanno dovuto affrontare nelle ultime settimane per aver parlato delle politiche di occupazione israeliane.

Emily Wilder, una delle firmatarie della lettera di mercoledì, è stata pubblicamente licenziata dall’Associated Press – appena 16 giorni dopo essere stata assunta come collaboratrice giornalistica – a causa dei post pro-palestinesi che aveva pubblicato sui social media. Il suo licenziamento non è piaciuto a molti ex colleghi, poiché più di 100 giornalisti di AP hanno firmato una lettera diversa chiedendo risposte dall’azienda.

Anche i giornalisti in Australia stanno affrontando un contraccolpo dopo aver chiesto alle loro redazioni di migliorare la copertura di Israele e Palestina. La lettera, pubblicata a fine maggio con l’hashtag #DoBetterOnPalestine, ha raccolto più di 739 firme da giornalisti, operatori dei media, scrittori e commentatori. Secondo The Intercept, il management di due delle più grandi emittenti pubbliche australiane – Special Broadcasting Service (SBS) e Australian Broadcasting Corporation (ABC) – ha chiesto ad almeno due dozzine di membri dello staff di rimuovere le loro firme dalla lettera, che citava gli organizzatori della lettera e i media Entertainment & Arts Alliance, un sindacato dei media australiano. Diversi membri dello staff di SBS e ABC hanno affermato che gli è stato anche detto che i loro contratti potrebbero non essere rinnovati.

In Canada, un’altra lettera ha fatto scalpore con oltre 2.000 firme di persone che chiedevano una migliore copertura mediatica su Israele e Palestina.

La lettera, indirizzata a redazioni e giornalisti, scrittori e studenti statunitensi e canadesi, accusava i media mainstream di ignorare le voci palestinesi e la narrativa palestinese. La lettera osservava che alcune linee-guida in Canada “vietano ancora l’uso della parola ‘Palestina’ nella copertura”, e ha anche osservato che solo due pubblicazioni canadesi hanno trattato un rapporto di Human Rights Watch il mese scorso che dichiarava che Israele aveva adottato le politiche dello stato dell’apartheid.

Poco dopo la pubblicazione della lettera, gli organizzatori hanno detto a The Intercept di aver iniziato a sentire i giornalisti che erano stati chiamati a riunioni con la direzione nelle rispettive redazioni per discutere del motivo per cui avevano firmato. Almeno tre persone sono state completamente tolti dalla copertura dei servizi giornalistici sulla regione.

Fonte: https://www.middleeasteye.net/

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.