Menu

Gli USA hanno nascosto un attacco aereo che ha ucciso decine di civili in Siria

Una strage di civili in Siria nascosta dai comandi militari Usa. Una modalità alla quale ricorrono però spesso le forze speciali, presenti sul terreno formalmente come “consiglieri o istruttori” militari della Coalizione delle potenze occidentali istituita per combattere l’Isis.

Una dettagliata inchiesta del New York Times ha ricostruito i fatti – decine di civili massacrati dai bombardamenti a Baghuz, in Siria – ma anche come la catena di comando delle forze armate statunitensi ha cercato di nasconderli.

Un caso analogo a quanto avvenuto ad agosto scorso a Kabul durante la rovinosa ritirata dei contingenti militari Usa e Nato dall’Afghanistan, quando un drone ha bombardato e massacrato un gruppo di civili cercando di sbandierarla come ritorsione contro l’attacco dell’Isis all’aeroporto di Kabul.

Se non ci fossero giornalisti seri, o persone come Julian Assange, i crimini di guerra delle potenze occidentali non verrebbero mai alla luce.

Qui di seguito l’inchiesta del New York Times.

*****

Negli ultimi giorni della battaglia contro lo Stato Islamico in Siria, quando i membri del califfato, un tempo feroce, sono stati messi all’angolo in un campo di terra vicino a una città chiamata Baghuz, un drone militare degli Stati Uniti ha volteggiato in alto, a caccia di obiettivi militari. Ma ha visto solo una grande folla di donne e bambini accalcati contro la riva di un fiume.

Senza preavviso, un jet d’attacco americano F-15E ha attraversato il campo visivo ad alta definizione del drone e ha sganciato una bomba da 500 libbre sulla folla, inghiottendola con un’esplosione da brivido. Quando il fumo si è diradato, alcune persone si sono allontanate in cerca di riparo. Poi un jet che li seguiva ha sganciato una bomba da 2.000 libbre, poi un’altra, uccidendo la maggior parte dei sopravvissuti.

Era il 18 marzo 2019. Secondo un ufficiale che era presente, nell’affollato Combined Air Operations Center dell’esercito degli Stati Uniti presso la base aerea di Al Udeid in Qatar, il personale in uniforme che guardava il filmato del drone in diretta guardava incredulo.

Chi l’ha sganciato?“, ha scritto un analista su un sistema di chat sicuro usato da coloro che monitoravano il drone.  Un altro ha risposto: “Abbiamo appena colpito su 50 donne e bambini“.

Una valutazione iniziale dei danni del bombardamento ha rapidamente scoperto che il numero di morti era in realtà di circa 70 persone.

L’attacco di Baghuz è stato uno dei più grandi incidenti con vittime civili nella guerra contro lo Stato Islamico, ma non è mai stato riconosciuto pubblicamente dall’esercito statunitense.

I dettagli, riportati per la prima volta dall’inchiesta del New York Times, mostrano che il bilancio delle vittime era risultato quasi immediatamente evidente agli ufficiali Usa.

Un ufficiale legale ha segnalato l’attacco come un possibile crimine di guerra che richiedeva un’indagine. Ma a quasi ogni passo, i militari hanno adottate delle mosse che hanno nascosto il catastrofico bombardamento.

Il bilancio delle vittime è stato minimizzato. I rapporti sono stati ritardati, sterilizzati e classificati. Le forze della coalizione guidata dagli Stati Uniti hanno raso al suolo il luogo dell’esplosione. E i vertici non sono stati avvisati.

L’ispettore generale indipendente del Dipartimento della Difesa ha iniziato un’inchiesta, ma il rapporto contenente le sue conclusioni è stato bloccato e privato di qualsiasi menzione dell’attacco.

La leadership sembrava così decisa a seppellire la cosa. Nessuno voleva averci niente a che fare“, ha detto Gene Tate, un valutatore che ha lavorato sul caso per l’ufficio dell’ispettore generale e ha accettato di discutere gli aspetti che non erano riservati. “Ti fa perdere la fiducia nel sistema quando la gente cerca di fare ciò che è giusto ma nessuno in posizione di comando vuole sentirlo“.

Il signor Tate, un ex ufficiale della Marina che ha lavorato per anni come analista civile con la Defense Intelligence Agency e il National Counterterrorism Center prima di passare all’ufficio dell’ispettore generale, ha detto che ha criticato la mancanza di azione e alla fine è stato costretto a lasciare il suo lavoro.

I dettagli degli attacchi sono stati messi insieme dal New York Times nel corso dei mesi da documenti riservati e descrizioni di rapporti classificati, così come da interviste con il personale direttamente coinvolto e funzionari con autorizzazioni di sicurezza top secret che hanno discusso l’incidente a condizione di non essere nominati.

L’indagine del NYT ha scoperto che il bombardamento era stato richiesto da un’unità delle operazioni speciali statunitense classificata come “Task Force 9”, che era responsabile delle operazioni di terra in Siria.

La task force operava in una tale segretezza che a volte non informava nemmeno i suoi stessi partner militari delle sue azioni. Nel caso del bombardamento di Baghuz, il comando dell’aviazione USA in Qatar non aveva idea che l’attacco stesse arrivando, ha detto un ufficiale che ha prestato servizio al centro di comando.

Nei minuti dopo l’attacco, un ufficiale dell’intelligence dell’Air Force nel centro operativo, ha chiamato allarmato un avvocato dell’Air Force incaricato di determinare la legalità degli attacchi.

Secondo i documenti ottenuti dal New York Times, l’avvocato ha ordinato allo squadrone F-15E e all’equipaggio del drone di preservare tutti i video e altre prove. Poi è salito al comando ed ha riferito dell’attacco alla sua catena di comando, dicendo che era una possibile violazione della legge del conflitto armato – un crimine di guerra – e le norme richiedevano un’indagine approfondita e indipendente.

Ma un’indagine approfondita e indipendente non è mai avvenuta.

Questa settimana, dopo che il New York Times ha inviato le sue rivelazioni al Comando Centrale degli Stati Uniti, il Comando ha riconosciuto gli attacchi per la prima volta, dicendo che 80 persone sono state uccise ma che gli attacchi aerei erano giustificati. Ha affermato che le bombe hanno ucciso 16 combattenti e quattro civili.

Per quanto riguarda le altre 60 persone uccise, la dichiarazione ha detto che non era chiaro che fossero civili, in parte perché donne e bambini nello Stato Islamico che a volte hanno preso le armi.

Aborriamo la perdita di vite innocenti e prendiamo tutte le misure possibili per prevenirle“, ha detto nella dichiarazione il capitano Bill Urban, portavoce capo del Comando.

In questo caso, abbiamo autodenunciato e indagato l’attacco secondo le nostre prove e ci assumiamo la piena responsabilità per la perdita involontaria di vite umane“.

L’unica valutazione fatta immediatamente dopo l’attacco è stata eseguita dalla stessa unità di terra che ha ordinato l’attacco. Ha determinato che il bombardamento era legittimo perché ha ucciso solo un piccolo numero di civili mentre prendeva di mira i combattenti dello Stato Islamico nel tentativo di proteggere le forze della coalizione.

Pertanto nessuna notifica formale di crimine di guerra, indagine penale o azione disciplinare era giustificata, ha detto il Comando, aggiungendo che le altre morti erano accidentali.

Ma l’avvocato dell’Air Force, il tenente colonnello Dean W. Korsak, credeva di essere stato testimone di possibili crimini di guerra e ha ripetutamente fatto pressione sulla sua gerarchia e sugli investigatori penali dell’Air Force per agire. Quando non l’hanno fatto, ha avvertito l’ispettore generale indipendente del Dipartimento della Difesa.

Due anni dopo l’attacco, non vedendo alcuna prova che l’agenzia di controllo stesse prendendo provvedimenti, il colonnello Korsak ha inviato una e-mail al Comitato per i servizi armati del Senato, dicendo al suo staff che aveva materiale top secret da discutere e aggiungendo: “Mi sto mettendo a grande rischio di ritorsioni militari per aver inviato questo“.

Funzionari militari statunitensi di alto livello hanno intenzionalmente e sistematicamente aggirato le procedure di bombardamento deliberate“, ha scritto nell’e-mail, finita nelle mani del Times. Gran parte del materiale era classificato e avrebbe dovuto essere discusso attraverso comunicazioni sicure, ha detto.

Ha scritto che un’unità aveva intenzionalmente inserito false voci nel registro degli attacchi, “cercando chiaramente di coprire gli incidenti“. Definendo il numero di morti classificati “scioccantemente alto“, ha detto che l’esercito non ha seguito i propri parametri per segnalare e indagare sull’attacco.

C’era una buona probabilità, ha scritto, che “i più alti livelli di governo siano rimasti all’oscuro di ciò che stava accadendo sul terreno“.

Il colonnello Korsak non ha risposto alle richieste di commento.

Gli Stati Uniti hanno dipinto la guerra aerea contro lo Stato Islamico come la campagna di bombardamenti più precisa e umana della sua storia. I militari hanno detto che ogni rapporto di vittime civili è stato indagato e i risultati sono stati riportati pubblicamente, creando quello che i militari hanno chiamato un modello di responsabilità.

Ma gli attacchi su Baghuz raccontano una storia diversa

I dettagli suggeriscono che mentre i militari hanno messo in atto regole severe per proteggere i civili, la task force delle operazioni speciali ha ripetutamente usato altre regole per aggirarle. Le squadre militari che contavano le vittime raramente avevano il tempo, le risorse o l’incentivo per fare un lavoro accurato. E le truppe raramente hanno affrontato ripercussioni quando hanno causato morti civili.

Anche nel caso straordinario di Baghuz – dove se si riconoscessero 64 morti civili si collocherebbe al terzo posto nella classifica delle peggiori stragi di vittime civili dell’esercito Usa in Siria, – non sono state seguite le regole per segnalare e indagare il potenziale crimine, e nessuno è stato ritenuto responsabile.

L’esercito ha recentemente ammesso che un attacco pasticciato a Kabul, in agosto, ha ucciso 10 civili, tra cui sette bambini. Ma questo tipo di resa dei conti pubblica è insolito, dicono gli osservatori. Più spesso, le morti civili sono sottovalutate anche nei rapporti classificati.

Quasi 1.000 attacchi aerei hanno colpito obiettivi in Siria e Iraq nel 2019, utilizzando 4.729 bombe e missili. Il conteggio militare ufficiale dei morti civili per quell’intero anno è solo 22, e i bombardamenti del 18 marzo non figurano in nessuna parte nella lista.

Una task force segreta

La battaglia di Baghuz ha rappresentato la fine di una campagna quasi quinquennale guidata dagli Stati Uniti per sconfiggere lo Stato Islamico in Siria ed è stato un trionfo di politica estera per il presidente Donald J. Trump.

Al culmine del suo dominio nel 2014, lo Stato Islamico controllava un’area della Siria e dell’Iraq grande quanto il Tennessee. Una flotta di droni, jet, elicotteri d’attacco e bombardieri pesanti della coalizione ha colpito le posizioni nemiche con circa 35.000 attacchi nei cinque anni successivi, aprendo la strada alle milizie locali curde e arabe per recuperare terreno.

Alla fine di questa offensiva dal cielo, gli attacchi aerei hanno confinato gli ultimi combattenti dello Stato Islamico in un pezzo di terreno agricolo contro il fiume Eufrate vicino a Baghuz.

La potenza aerea della coalizione ha costretto migliaia di persone ad arrendersi, risparmiando la vita di un numero incalcolabile di alleati curdi e arabi.

Sul terreno, la Task Force 9 ha coordinato le offensive e gli attacchi aerei. L’unità includeva soldati del 5° Gruppo di Forze Speciali e la squadra di commando d’elite dell’esercito Delta Force.

Col tempo, alcuni ufficiali che supervisionavano la campagna aerea hanno cominciato a credere che la task force stesse sistematicamente aggirando le salvaguardie create per limitare le morti dei civili.

Il processo doveva passare attraverso diversi controlli ed equilibri. Droni con telecamere ad alta definizione studiavano potenziali obiettivi, a volte per giorni o settimane.

Gli analisti hanno esaminato i dati di intelligence per differenziare i combattenti dai civili. E gli avvocati militari erano incorporati nelle squadre d’assalto per garantire che gli obiettivi fossero conformi alla legge del conflitto armato.

In situazioni di combattimento, il processo poteva durare solo pochi minuti, ma anche allora le regole richiedevano alle squadre di identificare gli obiettivi militari e minimizzare i danni ai civili. A volte, quando la task force non riusciva a soddisfare questi requisiti, i comandanti in Qatar e altrove negavano il permesso di colpire.

Ma c’era un modo rapido e facile per saltare gran parte di quella svista: rivendicare un pericolo imminente.

La legge del conflitto armato – il libro delle regole che stabilisce la condotta legale dell’esercito in guerra – permette alle truppe in situazioni di pericolo di vita di aggirare gli avvocati, gli analisti e l’alta burocrazia e chiamare direttamente gli attacchi dagli aerei in base a quello che i regolamenti militari chiamano un “diritto intrinseco di autodifesa”.

La Task Force 9 ha formalmente giocato solo un “ruolo consultivo” in Siria, e i suoi soldati erano di solito ben dietro le linee del fronte. Eppure alla fine del 2018, circa l’80% di tutti gli attacchi aerei venivano invocati in base all’autodifesa, afferma un ufficiale dell’Air Force che ha esaminato gli i bombardamenti.

Le regole permettevano alle truppe statunitensi e agli alleati locali di invocarle quando affrontavano non solo il fuoco nemico diretto, ma chiunque mostrasse “intenti ostili”. Secondo questa definizione, qualcosa di banale come una macchina che guida a chilometri dalle forze amiche potrebbe in alcuni casi essere presa di mira. La task force ha interpretato le regole in modo ampio, ha commentato un ex ufficiale.

Le conseguenze di questo approccio sono evidenti. Un certo numero di città siriane, compresa la capitale regionale, Raqqa, sono state ridotte a poco più che macerie. Le organizzazioni per i diritti umani hanno riferito che la Coalizione ha causato migliaia di morti civili durante la guerra.

Centinaia di rapporti di valutazione militare esaminati dal New York Times mostrano che la task force è stata implicata in quasi uno su cinque “incidenti della Coalizione” che hanno provocato vittime civili nella regione.

Pubblicamente, la coalizione ha insistito che i numeri erano molto più bassi. Privatamente, è stata sopraffatta dal volume delle richieste delle vittime civili riportate dalla gente del posto, dai gruppi umanitari e dai media, e un elenco arretrato di rapporti di valutazione sulle vittime civili è rimasto inesplorato per mesi, hanno affermato due persone che hanno compilato quei rapporti.

Ma anche quando venivano completati, le squadre militari che facevano le valutazioni non erano attrezzate per fare un conteggio accurato, ha detto l’ex ufficiale della task force, perché il personale che faceva il conteggio non indagava sul terreno e spesso basava le sue conclusioni su quanti civili morti potevano identificare definitivamente dalle riprese aeree delle macerie.

Il signor Tate, che ha scritto un rapporto riservato sulle carenze del processo, ha detto che le squadre di valutazione a volte mancavano di addestramento e alcune non avevano le autorizzazioni di sicurezza per vedere le prove.

Le valutazioni delle procedure di bombardamento erano anche imperfette, hanno detto tre funzionari, perché sono state fatte dalle unità che hanno invocati i bombardamenti stessi, il che significa che la task force stava valutando le proprie prestazioni. Raramente ha riscontrato problemi.

Allarme alla C.I.A.

I gruppi per i diritti umani non erano gli unici a suonare l’allarme. Gli ufficiali della C.I.A. che lavoravano in Siria erano così allarmati per gli attacchi della task force che gli agenti hanno riferito la loro preoccupazione all’ispettore generale del Dipartimento della Difesa, il quale ha indagato sulle affermazioni e prodotto un rapporto.

I risultati di quel rapporto sono top secret, ma l’ex ufficiale della task force, che ha rivisto il rapporto, ha detto che gli ufficiali della C.I.A. hanno sostenuto che in circa 10 incidenti, la task force segreta ha colpito obiettivi sapendo che i civili sarebbero stati uccisi.

L’ex ufficiale ha detto che il rapporto ha determinato che tutti gli attacchi erano legali. L’ispettore generale ha rifiutato di vidimare il rapporto o discutere i suoi risultati.

Il personale del centro operativo in Qatar, che ha supervisionato la guerra aerea, si è anche preoccupato degli attacchi della task force. Secondo un ufficiale che ha visto i dati, gli avvocati dell’Air Force hanno iniziato a tenere un foglio di calcolo, registrando le giustificazioni di autodifesa che la task force ha usato per chiamare gli attacchi aerei, confrontandole poi con le riprese dei droni e altre prove.

Le prove sembravano mostrare che la task force stava aggiungendo dettagli che avrebbero giustificato legalmente un attacco, come vedere un uomo con una pistola, anche quando quei dettagli non erano visibili nel filmato.

Anche se un certo numero di ufficiali nel centro operativo sospettava che la task force stesse includendo informazioni fuorvianti nei registri per giustificare gli attacchi aerei, sentivano di non avere abbastanza prove per promuovere la questione, l’ufficiale.

Ma tutto questo è cambiato il 18 marzo 2019.

Un colpo fatale

L’accampamento di Baghuz era effettivamente ll Fort Alamo dello Stato Islamico – un ultimo ridotto dove i militanti più duri hanno giurato di combattere fino alla morte. Per più di un mese, sono stati intrappolati in un miglio quadrato di campi agricoli bruciati. Tra le tende di fortuna, i veicoli bucati dai proiettili e i bunker scavati a mano c’erano decine di migliaia di donne e bambini. Alcuni erano lì volontariamente, altri no.

La coalizione aveva posto l’assedio, sperando di affamare i combattenti. In sei settimane, 29.000 persone, la maggior parte delle quali donne e bambini, si arresero. Il 18 marzo, le riprese dei droni hanno mostrato che il campo ospitava ancora un gran numero di persone sospettate di essere combattenti e le loro famiglie.

I droni della coalizione avevano perlustrato il campo 24 ore al giorno per settimane e conoscevano quasi ogni centimetro, hanno detto gli ufficiali, compresi i movimenti quotidiani di gruppi di donne e bambini che si riunivano per mangiare, pregare e dormire vicino alla riva ripida di un fiume che forniva copertura.

Quello che è successo la mattina del 18 marzo è in discussione.

Quel giorno i combattenti dello Stato Islamico intrappolati nel campo hanno lanciato una controffensiva prima dell’alba, secondo il Comando Centrale, che ha supervisionato la Task Force 9. Ha detto che centinaia di combattenti dello Stato Islamico hanno iniziato a sparare con fucili e lanciagranate e a mandare avanti combattenti con giubbotti suicidi. La coalizione ha colpito i combattenti con attacchi aerei – così tanti che a metà mattina la coalizione aveva usato tutti i missili dei suoi droni. Solo un drone americano, controllato dalla task force, era rimasto nella zona, ed era disarmato.

Verso le 10 del mattino, le forze locali siriane hanno riferito che erano sotto il fuoco e in pericolo di essere sopraffatte, e hanno chiesto un attacco aereo, ha detto il Comando Centrale. Il drone della task force ha seguito un gruppo di combattenti mentre si facevano strada attraverso il campo fino all’area dove le donne e i bambini si riparavano.

Un ufficiale del 5th Special Forces Group nella task force ha guardato il filmato del drone e non ha visto alcun civile, ha detto un ufficiale della task force. Ma il drone su cui si è basato aveva solo una telecamera a definizione standard. Il Comando Centrale ha detto che non c’erano droni ad alta definizione nella zona che potessero avere una visione migliore dell’obiettivo.

L’ufficiale delle forze speciali ha dato l’ordine di sparare. Non essendoci più missili di precisione, il comando ha detto che il comandante di terra ha disposto l’uso di bombe da 500 e 2.000 libbre. Il registro del bombardamento ha classificato l’attacco come autodifesa.

In realtà, era disponibile un drone ad alta definizione. La task force non l’ha usato. Volteggiando in alto, stava trasmettendo in streaming le riprese dello stesso pezzo di terra al centro operativo in Qatar. Poiché la task force operava ad un alto livello di segretezza, hanno detto due ufficiali, le persone in Qatar che guardavano il drone ad alta definizione non sapevano che la task force stava per chiamare un attacco.

Il Comando Centrale ha detto che la task force non sapeva che il drone migliore stava volando sopra la loro testa.

Il drone ad alta definizione ha registrato una scena molto diversa da quella descritta dal Comando Centrale la settimana scorsa, hanno detto tre persone che hanno visto il filmato. In esso, due o tre uomini – non 16 – vagano nell’inquadratura vicino alla folla. Hanno fucili, ma non sembrano manovrare o impegnare le forze della coalizione o agire in un modo che sembrerebbe giustificare un attacco di autodifesa con bombe da 2.000 libbre.

Una chat utilizzata dagli analisti che stavano guardando il filmato ha notato la presenza di donne, bambini e di un uomo con una pistola, ma non ha menzionato alcun combattimento attivo, hanno detto due persone che hanno visto il registro.

Il team di Visual Investigations del Times ha esaminato centinaia di foto, video e immagini satellitari del campo dello Stato Islamico a Baghuz. Il punto di attacco segnalato si trova tra due acquedotti, che il team ha usato come elementi di riferimento per individuare la posizione.

Una fotografia scattata il giorno precedente mostra diverse tende di fortuna nella zona.

Ciò che non è in discussione è che pochi istanti dopo che la task force ha chiamato l’attacco, un aereo d’attacco F-15E ha colpito il punto con una bomba da 500 libbre. Cinque minuti dopo, quando le forze di terra hanno visto la gente fuggire dal luogo dell’esplosione, l’F-15E ha sganciato due bombe da 2.000 libbre sui sopravvissuti. L’intero attacco è durato 12 minuti.

Risultati chiave dell’indagine sull’attacco aereo di Baghuz

Per diversi mesi, il New York Times ha messo insieme i dettagli di un attacco aereo del 2019 a Baghuz, in Siria, uno dei più grandi incidenti con vittime civili della guerra contro lo Stato Islamico. Ecco i risultati principali dell’indagine:

L’esercito americano ha effettuato l’attacco. La Task Force 9, l’unità segreta di operazioni speciali incaricata delle operazioni di terra in Siria, ha chiamato l’attacco. L’attacco è iniziato quando un jet d’attacco F-15E ha colpito Baghuz con una bomba da 500 libbre. Cinque minuti dopo, l’F-15E ha sganciato due bombe da 2.000 libbre.

Le forze della coalizione conquistarono il campo quel giorno e sconfissero lo Stato Islamico pochi giorni dopo. La guerra aerea, durata anni, è stata salutata come un trionfo. Il comandante del centro operativo in Qatar ha autorizzato tutto il personale a bere quattro drink al bar della base, alzando il normale limite di tre drink.

Gli osservatori civili che sono venuti nella zona dell’attacco il giorno dopo hanno trovato mucchi di donne e bambini morti. L’organizzazione per i diritti umani Raqqa Is Being Slaughtered Silently ha pubblicato le foto dei corpi, definendolo un “terribile massacro”.

Immagini satellitari di quattro giorni dopo mostrano che l’area ormai sotto il controllo della coalizione, sembrava essere stata rasa al suolo.

David Eubank, un ex soldato delle forze speciali dell’esercito americano che ora gestisce l’organizzazione umanitaria Free Burma Rangers, ha visitato la zona circa una settimana dopo. “Il posto era stato polverizzato dagli attacchi aerei“, ha detto in un’intervista. “C’era un sacco di terra appena spianata e la puzza di corpi sotto, un sacco di corpi“.

Preoccupato che anche i dettagli dell’attacco aereo sarebbero stati sepolti, il colonnello Korsak ha avvertito la versione dell’Air Force dell’F.B.I., l’Ufficio delle indagini speciali.

In una e-mail che il colonnello Korsak ha condiviso con il Comitato per i Servizi Armati del Senato, un maggiore ha risposto che gli agenti probabilmente non avrebbero indagato, dicendo che l’ufficio in genere ha indagato i rapporti sulle vittime civili solo quando c’era “il potenziale per un’elevata attenzione dei media, la preoccupazione per la protesta della comunità locale o del governo, la preoccupazione che le immagini sensibili possano uscire”.

L’Ufficio delle indagini speciali dell’Air Force ha rifiutato di commentare.

Il colonnello Korsak ha nuovamente fatto pressione sulla sua catena di comando per agire, informando il capo legale del suo comando in un memo nel maggio 2019 che i regolamenti richiedevano un’indagine. In seguito ha detto allo staff della commissione del Senato che i suoi superiori non hanno aperto un’indagine.

Il capo legale, il colonnello Matthew P. Stoffel, non ha risposto alle richieste del New York Times di commentare queste informazioni.

La task force ha finito un rapporto sulle vittime civili dell’attacco quel mese e ha determinato che quattro civili sono stati uccisi. Ma due anni e mezzo dopo, sul sito web dell’esercito per la sua campagna contro lo Stato Islamico, nota come Operation Inherent Resolve, l’esercito elenca ancora pubblicamente il caso come “aperto”.

Un rapporto sepolto

Non volendo lasciare cadere la questione, il colonnello Korsak ha presentato un reclamo all’ufficio dell’Ispettore Generale nell’agosto 2019.

Un team di quattro persone dell’ufficio stava già esaminando le carenze nei processi di segnalazione delle vittime civili in Siria e ha rapidamente organizzato un’intervista in un ambiente sicuro. Dopo aver esaminato il filmato ad alta definizione e aver intervistato il colonnello Korsak, il team, che includeva il signor Tate, ha detto ai superiori dell’ufficio dell’ispettore generale che l’accusa di un crimine di guerra era “estremamente credibile”.

“Quando è venuto da noi, ha voluto chiarire che aveva provato a passare prima tutto il resto”, ha detto il signor Tate. “Sentiva che la linea diretta dell’Ispettore Generale era l’unica opzione rimasta”.

Ma come il precedente sforzo dell’avvocato dell’Air Force, la squadra del signor Tate ha presto incontrato dei blocchi lungo la sua strada. Il Comando Centrale è stato lento a consegnare le prove, ha detto. Il signor Tate ha ottenuto il video di diversi droni che sorvolavano Baghuz quel giorno, ma non ha potuto individuare il filmato del drone della task force che ha chiamato l’attacco.

L’ufficio dell’ispettore generale ha ricevuto un secondo reclamo riguardo l’attacco, ha detto una portavoce, ma il signor Tate ha detto che il suo team non è mai stato informato.

Il signor Tate ha studiato il rapporto sulle vittime della task force, ma non corrispondeva a ciò che ha visto in video. Le morti civili dichiarate nel rapporto erano “un numero impossibilmente piccolo”, ha detto.

La sezione finale del rapporto sulle vittime era riservata al parere legale. In una versione del rapporto che il signor Tate ha ricevuto dallo staff di Operation Inherent Resolve – il comando militare con sede a Baghdad che supervisiona le operazioni in Iraq e Siria – un avvocato della task force e un ufficiale delle operazioni hanno scritto che potrebbe esserci stata una violazione della legge del conflitto armato. In un’altra copia proveniente dal Comando Centrale, quell’opinione era stata però rimossa.

Il signor Tate non ha potuto trovare alcuna prova che lo Stato Maggiore, il segretario della difesa o gli investigatori penali fossero stati avvisati, come richiesto.

Nei giorni successivi all’intervista al colonnello Korsak, la squadra del signor Tate ha portato le loro scoperte ai supervisori e ha detto loro che l’ufficio era tenuto ad allertare quei funzionari e le agenzie di indagine penale. Il signor Tate ha detto che i suoi supervisori non hanno fatto nulla.

Il team ha fatto pressione sulle alte gerarchie numerose volte nel corso dei mesi, e nel gennaio 2020, il team leader del signor Tate ha redatto una memoria che avrebbe formalmente avvisato le autorità. Aveva solo bisogno di essere firmato dal vice ispettore generale che supervisionava la squadra. Il signor Tate ha detto che il supervisore non l’ha firmato.

Nei mesi successivi, nel 2020, il team ha finito il suo rapporto su questioni più ampie nel processo di segnalazione delle vittime civili, ma mentre passava attraverso il processo di editing e di approvazione, che comprendeva i commenti del Comando Centrale, tutte le menzioni dell’attacco Baghuz sono state tagliate.

Il signor Tate è diventato sempre più acuto nel criticare la leadership dell’ufficio dell’ispettore generale. Nell’ottobre 2020, ha detto di essere stato costretto a lasciare la sua posizione e scortato fuori dall’edificio dalla sicurezza.

Il rapporto dell’ispettore generale sulle vittime civili è stato formalmente rilasciato questa primavera a membri selezionati del Congresso e ai militari con le appropriate autorizzazioni di sicurezza. L’ufficio ha rifiutato di rilasciare una copia pubblica o di discutere i risultati classificati, ma ha riconosciuto che non ha menzionato Baghuz.

Una portavoce dell’ufficio dell’ispettore generale ha contestato il conto del signor Tate. Ha detto che ha allertato le autorità competenti al Comando Centrale poco dopo aver ricevuto la prima denuncia nel 2019. La portavoce ha detto che l’ufficio ha anche notificato agli investigatori penali il bombardamento nell’ottobre 2020, 14 mesi dopo aver ricevuto la chiamata.

Una portavoce dell’ufficio ha detto che una nuova valutazione del rispetto della legge di guerra da parte del Comando Operazioni Speciali dovrebbe essere completata questo mese, e che includerà l’attacco di Baghuz. Anche questo rapporto sarà classificato.

Dopo aver lasciato l’ufficio, il signor Tate ha rifiutato di arrendersi. Ha contattato il Comitato per i Servizi Armati del Senato a maggio e ha inviato una lettera di 10 pagine che descriveva l’attacco e quello che vedeva come un “fallimento sistematico” sulla segnalazione delle vittime civili. Il comitato ha poi contattato il colonnello Korsak, che ha risposto con una e-mail dettagliata.

Alla domanda del Times sull’attacco aereo del marzo 2019, Chip Unruh, un portavoce del senatore Jack Reed, democratico del Rhode Island e presidente della commissione per i servizi armati del Senato, ha rifiutato di commentare i dettagli dell’incidente, su cui il comando centrale ha informato la commissione.

Tuttavia, ha fornito una valutazione più ampia: “Quando si verificano tragici errori sul campo di battaglia, gli Stati Uniti, come leader del mondo libero, hanno l’obbligo di essere trasparenti, assumersi la responsabilità e fare tutto il possibile per imparare da e prevenire futuri errori”.

Il signor Tate ha aspettato per mesi che la commissione lo richiamasse e gli desse un’indicazione che stava attivamente esaminando il caso. Questa settimana, ha detto con un sospiro che stava ancora aspettando.

 

* dal New York Times. Dave Philipps è un vincitore del premio Pulitzer. Azmat Khan, Christoph Koettl e Haley Willis hanno contribuito alla segnalazione. Drew Jordan ha contribuito alla produzione.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.