Menu

Roma. Riaprite l’ospedale San Giacomo. Conferenza stampa

Oggi 17 Aprile sotto il San Giacomo alle 10 si terrà una conferenza stampa del Comitato Popolare per la sanità pubblica. Si invitano tutte le realtà sindacali, sociali e politiche, i singoli che si battono per la difesa della sanità pubblica.

La notizia che il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittima la chiusura dell’Ospedale San Giacomo, avvenuta ad Ottobre del 2008, ad opera della giunta Regionale del Lazio, per poco ci ha fatto ben sperare anche per gli altri Ospedali finiti nel tritacarne dei tagli indiscriminati, negli ultimi 15 anni, per sanare il bilancio regionale.

La doccia fredda invece, dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità regionale D’ Amato, che si è affrettato a smentire la necessità di altri posti letto in Ospedali fatiscenti, secondo lui irrecuperabili.

Eppure pochi giorni prima di questa sentenza, l’assessore aveva dichiarato in data 31 Marzo, che il Lazio avrebbe aperto 4.000 posti letto , di cui 450 di Rianimazione, per l’emergenza Covid, stante la situazione ancora grave di contagio e di sovraccarico degli Ospedali laziali. Ma come al solito in Regione fanno il gioco delle 3 carte, “paro paro disparo in mano” , quando si tratta di garantire la Salute Pubblica! Infatti nelle intenzioni dell’Assessore i 4000 posti letto annunciati per il Covid non sono posti letto in più, ma vengono ricavati da quelli esistenti, semplicemente spostando interi reparti di altre specialità con tutto il personale, trasformandoli in reparti Covid, alla faccia delle specializzazioni richieste per trattare le malattie Infettive, col rischio che il contagio si propaghi ulteriormente negli stessi ospedali, diventando non più luoghi di cura, ma veri e propri lazzaretti, dove il percorso pulito/ sporco rischia di essere inesistente. E in aggiunta, per sopperire alle conseguenti carenze per le altre patologie, che non sono scomparse, indica la strada maestra nell’indirizzare tutto alle Cliniche private convenzionate . Insomma ancora una volta al pubblico tutte le fatiche e tutti i costi, mentre al privato tutto il resto che può essere remunerativo : ancora una volta la logica del profitto in Sanità, non la Salute come Bene Comune.

Ma a questa giunta che si definisce di sinistra, non è mai venuto in mente di requisire le strutture private per utilizzo pubblico , che in casi eccezionali come un’epidemia è previsto dalle norme, oltre che dal buon senso, né tantomeno è mai venuto in mente di riaprire ospedali di proprietà pubblica, che con poca spesa potevano essere trasformati in Ospedali Covid dedicati. Figuriamoci! Significherebbe attuare un piano assunzionale serio e l’internalizzazione dei servizi , con perdita di introiti da parte di amici portatori di voti.

Noi denunciamo le inqualificabili carenze e la conduzione incompetente di questa giunta, che pur di favorire il privato, vuole svendere il patrimonio pubblico, senza preoccuparsi davvero della Salute dei suoi cittadini.

Riapriamo il San Giacomo, il Forlanini, e tutti gli altri ospedali dismessi della Regione Lazio, il 3,7 % dei posti letto attuali non sono sufficienti a coprire il fabbisogno di Salute della popolazione.

 

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.