Menu

Elezioni suppletive a Roma. “Potere al Popolo è l’unica candidatura alternativa al blocco governativo”

Una conferenza stampa in piazza, come è consuetudine, ha presentato la candidatura di Beatrice Gamberini e di Potere al Popolo per le elezioni suppletive che si terranno nel collegio di Roma 1 il prossimo 16 gennaio. Fuori Gualtieri che è diventato sindaco, il collegio dovrà esprimere un nuovo deputato. Ma sulle quattro candidature arrivato ben tre sono di partiti interni al governo Draghi (PD, Italia Viva, Lega/FI), l’unica alternativa e opposizione è quella messa in campo da Potere al Popolo.

Presentata dagli interventi introduttivi di Francesca Perri ed Elisabetta Canitano, la giovane attivista Beatrice Gamberini, 31 anni, ingegnera, ha illustrato i quattro punti su cui Potere al Popolo darà battaglia nelle prossime settimane – pochissime per la verità – in un collegio elettorale da sempre feudo del PD.

Blocco delle tariffe contro il crescente carovita che sta colpendo milioni di famiglie; salario minimo per tutelare lavoratrici e lavoratori schiavizzati da scandalosamente basse e bassissime retribuzioni; stop alle delocalizzazioni delle fabbriche all’estero sui cui Potere al  Popolo ha presentato una legge in Parlamento ed infine, ma non per importanza, contrastare il processo che vede Draghi diventare di fatto un plenipotenziario con tanto di benedizione del Financial Times e dell’Economist.

Tutti temi che Potere al Popolo porterà nelle strade e delle piazze di molte città italiane nella giornata nazionale di iniziativa di sabato 18 dicembre.

“Anche se il collegio di Roma 1 non è un collegio a vocazione popolare e un feudo PD, non trascureremo certo di denunciare vergogne sociali come la svendita delle case popolari nel centro, in quartieri come Testaccio, San Saba, Esquilino e che stanno portando all’espulsione dei ceti popolari dai quartieri centrali di Roma” sottolinea Beatrice Gamberini.

Una conferenza stampa in strada e non al chiuso  dicevamo che è un po’ la consuetudine di Potere al Popolo, con tanto di interlocuzione con un passante incuriosito che chiede e ottiene spiegazioni  in diretta con la candidata. Uno scenario inimmaginabile da altre parti.

- © Riproduzione possibile DIETRO ESPLICITO CONSENSO della REDAZIONE di CONTROPIANO

Ultima modifica: stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.